“Par­cheg­gio del­la sta­zio­ne, una trappola”

Lau­ra Vi­gni: “Di­sa­bi­li bloc­ca­ti da 5 gra­di­ni, il mon­ta­sca­le è un re­bus, per usci­re ser­ve il ta­xi”

Corriere di Siena - - Siena -

▸ SIE­NA

Lau­ra Vi­gni è una per­so­na mol­to co­no­sciu­ta a Sie­na, sia per la sua at­ti­vi­tà po­li­ti­ca (è sta­ta an­che con­si­glie­re co­mu­na­le e can­di­da­ta a sin­da­co e la sua com­pe­ten­za è tutt’ora te­nu­ta in gran­de con­si­de­ra­zio­ne dal­le for­ze che si pre­pa­ra­no al­le pros­si­me am­mi­ni­stra­ti­ve), sia per lo spes­so­re cul­tu­ra­le co­strui­to co­me ri­cer­ca­tri­ce e con il de­li­ca­to ruo­lo di re­spon­sa­bi­le dell’Ar­chi­vio sto­ri­co co­mu­na­le. Que­sta vol­ta, pe­rò, il suo gri­do di do­lo­re e di sde­gno si alza nel­le ve­sti di pri­va­ta cit­ta­di­na. Co­stret­ta dal­le vi­cen­de del­la vi­ta a muo­ver­si su una car­roz­zi­na, co­me tan­te al­tre per­so­ne nel­le sue stes­se con­di­zio­ni si tro­va quo­ti­dia­na­men­te a fa­re i con­ti con osta­co­li e bar­rie­re che ren­do­no tut­to più dif­fi­ci­le. “Le di­sav­ven­tu­re nell'uso del­la sta­zio­ne fer­ro­via­ria di Sie­na - spie­ga - non fi­ni­sco­no pro­prio mai”. E pro­se­gue: “Il par­cheg­gio sot­ter­ra­neo di­spo­ne di al­cu­ni po­sti ri­ser­va­ti ai di­sa­bi­li, ma per ar­ri­va­re all' ascen­so­re, con cui sa­li­re al pia­no dei bi­na­ri, ci so­no cin­que sca­li­ni a scen­de­re. Il fat­to è stra­no, vi­sto che non si trat­ta di una co­stru­zio­ne me­die­va­le, ma di po­chi an­ni fa, quin­di po­te­va es­se­re pro­get­ta­ta tut­ta in pia­no, co­me le leg­gi sull'ab­bat­ti­men­to del­le bar­rie­re ar­chi­tet­to­ni­che già pre­ve­de­va­no. Co­mun­que, per su­pe­ra­re que­sto osta­co­lo, è sta­to in­stal­la­to un mon­ta­sca­le do­ta­to di un ci­to­fo­no. Ri­spon­de un ad­det­to del­la Sie­na par­cheg­gi, che do­vreb­be man­da­re una per­so­na in­ca­ri­ca­ta di far­lo fun­zio­na­re. Do­po che il pri­mo ad­det­to ri­spon­de che ta­le ap­pa­ra­to non fun­zio­na, ne in­ter­vie­ne un al­tro, che af­fer­ma il con­tra­rio, ma pre­ci­sa che, per ave­re a di­spo­si­zio­ne il mon­ta­sca­le, pas­se­ran­no al­me­no 20/25 mi­nu­ti, ma non sa in­di­ca­re il tem­po pre­ci­so che l'in­ca­ri­ca­to im­pie­ghe­rà per ar­ri­va­re. In que­sto mo­do, di­ven­ta quan­to me­no com­pli­ca­to pen­sa­re di ri­spet­ta­re l'ora­rio del tre­no. Vie­ne da chie­der­si: quan­to tem­po pri­ma do­vrò ar­ri­va­re in sta­zio­ne per evi­ta­re di per­der­lo? Nes­su­no me lo può as­si­cu­ra­re”.

In de­fi­ni­ti­va, un’al­ter­na­ti­va per ag­gi­ra­re l'osta­co­lo dei 5 sca­li­ni esi­ste. Lo af­fer­ma la stes­sa Lau­ra Vi­gni: “Bi­so­gna te­le­fo­na­re all'ad­det­to del­la Sie­na par­cheg­gi, che a sua vol­ta chia­me­rà un ta­xi che scen­de­rà nel par­cheg­gio, rac­co­glie­rà la per­so­na di­sa­bi­le e la tra­spor­te­rà all'in­gres­so ester­no del­la sta­zio­ne. Sa­reb­be que­sta la so­lu­zio­ne? Io cre­do che sia­mo all'as­sur­do, ep­pu­re non tro­va­no una ma­nie­ra più ra­gio­ne­vo­le di que­sta. Di chi è la re­spon­sa­bi­li­tà? In pri­mis di chi ha pro­get­ta­to quel par­cheg­gio pre­ve­den­do quei cin­que sca­li­ni, ma an­che del Co­mu­ne che, all’epo­ca, ha ap­pro­va­to il pro­get­to. In que­sti an­ni, evi­den­te­men­te, non è sta­to pos­si­bi­le ri­me­dia­re, ma­ga­ri co­struen­do uno sci­vo­lo al­ter­na­ti­vo al­le sca­le, o co­mun­que stu­dian­do un per­cor­so al­ter­na­ti­vo dal par­cheg­gio agli ascen­so­ri, che le fer­ro­vie han­no in­stal­la­to per an­da­re senza pro­ble­mi ai mar­cia­pie­di del tre­no. Sic­co­me la Sie­na par­cheg­gi è una so­cie­tà del Co­mu­ne, gra­di­rei ave­re una risposta an­che dall’as­ses­so­ra­to com­pe­ten­te”. ◀

Lau­ra Vi­gni De­nun­cia una si­tua­zio­ne dram­ma­ti­ca nel par­cheg­gio sot­ter­ra­neo del­la sta­zio­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.