Il go­ver­no dei vin­ci­to­ri c’è se tut­ti e due si sa­cri­fi­ca­no

Per gran par­te dei con­dut­to­ri di talk show e di­ret­to­ri di tg da noi con­sul­ta­ti l’ac­cor­do M5s-cen­tro­de­stra si fa­rà, ma so­lo con un pas­so in­die­tro dei lea­der

Corriere di Siena - - Primo Piano - di Mar­co Ca­sto­ro

▸ In at­te­sa che le fac­cia il pre­si­den­te Mat­ta­rel­la ci ab­bia­mo pen­sa­to noi ad av­via­re le con­sul­ta­zio­ni tra i con­dut­to­ri di talk e tig­gì per sco­pri­re qua­li sce­na­ri si deb­ba­no ipo­tiz­za­re nel lun­go­me­trag­gio po­li­ti­co dal ti­to­lo "Una pol­tro­na per due". Di Ma­io o Sal­vi­ni, chi la spun­te­rà? Riu­sci­ran­no a go­ver­na­re?

NI­CO­LA PORRO (MATRIX)

"Mi so­no fat­to l'idea che il go­ver­no ver­rà fat­to. Trop­po for­te l'at­tra­zio­ne per Cin­que Stel­le e Le­ga. Ver­rà fat­to con un pre­mier di­ver­so dai due per spin­ta di Mat­ta­rel­la. Il no­me? An­co­ra non esi­ste una can­di­da­tu­ra, tut­ta­via oc­cor­re che an­che Di Ma­io fac­cia il pas­so in­die­tro co­me ha già fat­to Sal­vi­ni".

AN­NA­LI­SA BRUCHI (TABLOID)

"In que­sta fa­se è im­pos­si­bi­le scom­met­te­re. La si­tua­zio­ne è ab­ba­stan­za com­pli­ca­ta per­ché Sal­vi­ni ha già fat­to il pas­so in­die­tro e Di Ma­io an­co­ra no, an­che se pen­so che al­la fi­ne po­treb­be far­lo. Io ve­do leg­ger­men­te fa­vo­ri­ta l'ipo­te­si di un go­ver­no di cen­tro­de­stra con un ap­pog­gio ester­no, con pe­rò un pre­mier di­ver­so da Sal­vi­ni. Tut­ta­via se Di Ma­io fa­rà il pas­so in­die­tro po­treb­be na­sce­re un go­ver­no con cen­tro­de­stra e cin­que stel­le, ma con una fi­gu­ra di ga­ran­zia co­me pre­mier".

COR­RA­DO FORMIGLI (PIAZ­ZA PU­LI­TA)

"L'ipo­te­si più pro­ba­bi­le con­si­ste in un ac­cor­do tra Sal­vi­ni e Di Ma­io. Sen­za pe­rò un pas­so di la­to di Di Ma­io la trat­ta­ti­va si fa com­pli­ca­ta. Mol­to dif­fi­ci­le se­con­do me un ac­cor­do con il Pd per­ché il par­ti­to è di­vi­so e non ha una lea­der­ship for­te. Mi sen­to di esclu­de­re che si va­da al voto pri­ma di un an­no e mez­zo. Cin­que­stel­le e Le­ga co­sti­tui­reb­be­ro un go­ver­no non so­lo per ri­scri­ve­re la leg­ge elet­to­ra­le ma so­prat­tut­to per fa­re quel­le co­se che ne raf­for­ze­reb­be­ro la po­si­zio­ne nei con­fron­ti del pro­prio elet­to­ra­to, ti­po la mo­di­fi­ca del­la Leg­ge For­ne­ro e qual­che prov­ve­di­men­to an­ti­ca­sta e sui vi­ta­li­zi. Per­tan­to, la so­lu­zio­ne più lo­gi­ca mi sem­bra quel­la di un go­ver­no po­li­ti­co Di Ma­io-Sal­vi­ni con il ruo­lo di For­za Ita­lia an­co­ra da ca­pi­re. Il pre­mier? C'è un Qui­ri­na­le con un pre­si­den­te che ha un ruo­lo e pen­so che sa­rà lui a in­di­vi­dua­re la per­so­na giu­sta, un ter­zo uo­mo che met­ta d'ac­cor­do i due con­ten­den­ti".

PAO­LO DEL DEBBIO (QUIN­TA CO­LON­NA)

"Di Ma­io e Sal­vi­ni han­no una gran­de vo­glia tut­ti e due. So­lo che la vo­glia aiu­ta ma non ri­sol­ve. Nes­su­no dei due vuo­le ri­ma­ne­re a boc­ca asciut­ta. Se tro­ve­ran­no un ac­cor­do? Io pen­so che il Par­la­men­to non lo vo­glia scio­glie­re né Mat­ta­rel­la né nes­su­no dei nuo­vi elet­ti, per­tan­to cre­do che al­la fi­ne que­ste tre co­se sia­no si­cu­re. Tut­to il re­sto è no­ia (e non ho det­to gioia). Il pas­so in­die­tro? Sal­vi­ni ha di­mo­stra­to di far­lo, Di Ma­io non può ar­roc­car­si co­me un bam­bi­no. È ve­ro che sui so­cial c'è la ba­se che è in­sor­ta per l'ele­zio­ne del­la Ca­sel­la­ti, tut­ta­via pen­so che que­sta ba­se va­da pu­re edu­ca­ta an­che per­ché non cre­do che i cin­que­stel­le ar­ri­ve­ran­no mai al 50%".

MYRTA MERLINO (L'ARIA CHE TI­RA)

"È dif­fi­ci­le ipo­tiz­za­re una so­lu­zio­ne. In que­sti gior­ni all'Aria che ti­ra ci sia­mo eser­ci­ta­ti. Pri­ma con una pol­tro­na in stu­dio, poi con il tan­go, al­tro film che tie­ne con­tro dei pas­si in avan­ti, in­die­tro o a due. L'al­tra mat­ti­na c'era la mo­to­ci­clet­ta 10 hp con il mo­ti­vet­to Non di­re no di Lu­cio Bat­ti­sti. Co­reo­gra­fia a par­te pen­so che per Sal­vi­ni la gran­de par­ti­ta sia quel­la di ac­cre­di­tar­si co­me il lea­der del­la coa­li­zio­ne per­ché co­me ca­po del­la Le­ga re­sta sem­pre se­con­do ri­spet­to a Di Ma­io. De­ve ave­re la pa­zien­za di aspet­ta­re un gi­ro. Men­tre Di Ma­io ha bi­so­gno co­me il pa­ne di an­da­re a go­ver­na­re, al­tri­men­ti co­me fa a man­te­ne­re la lea­der­ship nei con­fron­ti di due pre­sen­ze in­gom­bran­ti e di ca­ri­sma co­me Gril­lo e Di Bat­ti­sta? La pos­si­bi­le qua­dra po­treb­be es­se­re que­sta: Di Ma­io a Pa­laz­zo Chi­gi, Sal­vi­ni che eredita il cen­tro­de­stra, in at­te­sa del pros­si­mo gi­ro in cui an­drà al bal­lot­tag­gio con­tro i cin­que­stel­le. Un go­ver­no con qual­che mi­ni­stro im­por­tan­te con­ces­so a For­za Ita­lia e un ruo­lo per coin­vol­ge­re an­che Ber­lu­sco­ni. Sal­vi­ni po­treb­be pren­der­si il Vi­mi­na­le per la­scia­re un'im­pron­ta del suo ope­ra­to. In fon­do gli ba­ste­reb­be se­gui­re la scia di Min­ni­ti che ha già fat­to tan­te co­se. Mi sem­bra que­sto uno sche­ma di gio­co buo­no, men­tre un go­ver­no del pre­si­den­te è mol­to più com­pli­ca­to".

MA­RIA LA­TEL­LA (L'IN­TER­VI­STA DI SKYTG24)

"Se fos­si­mo co­me era­va­mo qual­che an­no fa mol­to le­ga­ti a quel­lo che di­ce dell'Ita­lia The Eco­no­mi­st do­vrem­mo di­re che il pre­si­den­te del con­si­glio lo fa­rà Lui­gi Di Ma­io, per­ché que­sta set­ti­ma­na tra le ri­ghe si la­scia in­tra­ve­de­re che que­sta ipo­te­si non spa­ven­ti né il set­ti­ma­na­le bri­tan­ni­co né tut­to il mon­do che gli sta ac­can­to. Tut­ta­via, sic­co­me tut­to cam­bia ra­pi­da­men­te e non è det­to che The Eco­no­mi­st ci az­zec­chi co­me ci az­zec­ca­va die­ci an­ni fa, in que­sto mo­men­to mi sen­ti­rei di di­re che al­la fi­ne dav­ve­ro tra Sal­vi­ni e Di Ma­io si tro­ve­rà la qua­dra e ci si ac­cor­de­rà su un no­me ter­zo che sce­glie­rà Mat­ta­rel­la, sul qua­le mi pa­re scon­ta­to che ci sia la fi­du­cia con­ver­gen­te di tut­ti".

CLE­MEN­TE MIMUN (TG5)

Esco­no dal co­ro due di­ret­to­ri di tig­gì mol­to se­gui­ti.

"Pen­so che sia ne­ces­sa­rio tro­va­re so­lu­zio­ne chia­re - sot­to­li­nea Cle­men­te Mimun (Tg5) - A na­so di­co che a un com­pro­mes­so al ri­bas­so che por­ti a una co­sa in­con­clu­den­te pre­fe­ri­sco tor­na­re al voto e da­re di nuo­vo la pa­ro­la al po­po­lo".

EN­RI­CO MEN­TA­NA (TG LA7)

An­co­ra più la­pi­da­rio En­ri­co Men­ta­na (Tg La7): "Ma che ne so co­me fi­ni­sce? Noi dob­bia­mo rac­con­ta­re i fat­ti non pre­ve­der­li. Io i pro­no­sti­ci non li fac­cio mai, né sul cal­cio né sul­la po­li­ti­ca".B

DEL DEBBIO: “Di si­cu­ro c’è che il Par­la­men­to non lo vuo­le scio­glie­re nes­su­no”

PORRO “Il go­ver­no ver­rà fat­to, ma con un pre­mier di­ver­so da quei due”

FORMIGLI: “Un ter­zo uo­mo scel­to dal Qui­ri­na­le che met­te­rà tut­ti d’ac­cor­do”

MEN­TA­NA: “Io i pro­no­sti­ci non li fac­cio mai, né sul cal­cio né sul­la po­li­ti­ca”

MIMUN: “Pre­fe­ri­sco tor­na­re al voto e ri­da­re la pa­ro­la al po­po­lo”

BRUCHI: “E’ fa­vo­ri­to il cen­tro­de­stra, ma al­la gui­da non ci an­drà Sal­vi­ni”

MERLINO: “Di Ma­io a pa­laz­zo Chi­gi e Sal­vi­ni al­la gui­da del cen­tro­de­stra”

LA­TEL­LA: “Al­la fi­ne si ac­cor­de­ran­no su un no­me ter­zo”

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.