Sie­na, ri­sve­glio du­ro Ma nien­te è per­du­to

La scon­fit­ta a Pon­te­de­ra bru­cia, pe­rò il Li­vor­no re­sta a due pun­ti Ora l’obiet­ti­vo è già sul re­cu­pe­ro di mar­te­dì a Pia­cen­za con la Pro

Corriere di Siena - - Sport - Ales­san­dro Lo­ren­zi­ni

SIE­NA

Il ri­sve­glio è ama­ro, ma il ri­scat­to pos­si­bi­le e vi­ci­no. La Ro­bur Sie­na è già ri­par­ti­ta ie­ri con la pre­pa­ra­zio­ne in vi­sta del­la ga­ra di mar­te­dì a Pia­cen­za (re­cu­pe­ro con la Pro), do­po il ko con il Pon­te­de­ra. Gior­na­ta ne­ga­ti­va, senz'al­tro, per i co­lo­ri bian­co­ne­ri, for­se ad­di­rit­tu­ra acui­ta dal fat­to che pu­re con un so­lo pun­to i bian­co­ne­ri ades­so par­le­reb­be­ro di gior­na­ta in­ve­ce as­so­lu­ta­men­te po­si­ti­va. Vi­sta la con­tem­po­ra­nea scon­fit­ta del Li­vor­no in ca­sa con il Mon­za, in­fat­ti, la Ro­bur avreb­be ro­sic­chia­to un pun­to pre­zio­so ai la­bro­ni­ci. Il pun­to Ma tant'è: in­die­tro non si può tor­na­re e, a ve­de­re il bic­chie­re mez­zo pie­no an­che in que­sta si­tua­zio­ne, la clas­si­fi­ca è ri­ma­sta quel­la che era pri­ma del­la gior­na­ta pre pa­squa­le. Da que­sto si de­ve ri­par­ti­re, re­set­tan­do pos­si­bil­men­te gam­be e so­prat­tut­to te­sta. Il cam­pio­na­to non è com­pro­mes­so ed in ogni ca­so c'è un se­con­do po­sto da di­fen­de­re dal ri­tor­no del Pi­sa. Gli aspet­ti ne­ga­ti­vi del­la ga­ra a Pon­te­de­ra non van­no cer­to di­men­ti­ca­ti: so­no spun­ti per il la­vo­ro di que­sti gior­ni, ma non de­vo­no pe­sa­re sul fi­si­co e sul­la con­di­zio­ne men­ta­le a Pia­cen­za.

Ver­so la Pro Mi­che­le Mi­gna­ni do­vrà in ogni ca­so ri­di­se­gna­re il suo Sie­na, non nel­lo sche­ma ini­zia­le, che sa­rà an­co­ra il 4-3-1-2, ma ne­gli uo­mi­ni. Da­mian, espul­so nel fi­na­le, è fuo­ri per squa­li­fi­ca; in que­ste ore si va­lu­ta la con­di­zio­ne di Cri­stia­ni e Vas­sal­lo, ma i due cen­tro­cam­pi­sti re­sta­no in for­te dub­bio. In mez­zo, dun­que, as­sie­me a Bu­le­var­di e Ger­li, do­vreb­be scoc­ca­re l'ora di Guer­ri, in "naf­ta­li­na" fin qui (ul­ti­ma apparizione nel fi­na­le con il Pi­sa in ca­sa), ma ele­men­to esper­to che sa da­re il pro­prio con­tri­bu­to quan­do chia­ma­to in cau­sa. Ha ca­rat­te­ri­sti­che più da "por­ta­to­re d'ac­qua" ri­spet­to a Cru­cia­ni, an­che se in mez­zo al cam­po c'è an­che l'op­zio­ne Cleur, jol­ly sul set­to­re de­stro del cam­po. Al­tra so­lu­zio­ne po­treb­be es­se­re quel­la di ab­bas­sa­re Gu­ber­ti e in­se­ri­re co­me tre­quar­ti­sta lo stes­so Cru­cia­ni, seb­be­ne que­sta ipo­te­si pre­ve­de­reb­be un Sie­na mol­to of­fen­si­vo. Tut­te le so­lu­zio­ni sa­ran­no ov­via­men­te stu­dia­te con la do­vu­ta cal­ma da MI­gna­ni, in at­te­sa del bol­let­ti­no me­di­co sui so­pra­ci­ta­ti Cri­stia­ni e Vas­sal­lo.

Ti­fo­si pre­oc­cu­pa­ti, ma sem­pre spe­ran­zo­si La scon­fit­ta di Pon­te­de­ra la­scia l’ama­ro in boc­ca per tan­ti mo­ti­vi e gli spor­ti­vi bian­co­ne­ri l’han­no ma­ni­fe­sta­to per­chè è trop­pa ghiot­ta l’op­por­tu­ni­tà di co­glie­re una pro­mo­zio­ne di­ret­ta. C’è bi­so­gno di fa­re...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.