Il so­gno in bot­ti­glia Ot­to ita­lia­ni su die­ci vor­reb­be­ro una vi­gna

Uno dei de­si­de­ri più co­mu­ni è pro­dur­re vi­no in pro­prio, co­me han­no fat­to al­cu­ni per­so­nag­gi fa­mo­si a cui la Col­di­ret­ti ha ri­ser­va­to uno stand a Vi­ni­ta­ly

Corriere di Siena - - Primo Piano -

▸ VE­RO­NA

L'82% de­gli ita­lia­ni so­gna di pos­se­de­re una vi­gna e pro­dur­re il pro­prio vi­no co­me fa un nu­me­ro cre­scen­te di Vip, dagli at­to­ri ai cantanti, dai po­li­ti­ci ai gior­na­li­sti, dagli spor­ti­vi agli sti­li­sti fi­no ai gran­di im­pren­di­to­ri che han­no in­ve­sti­to nel set­to­re per sta­re a con­tat­to con la natura, espri­me­re crea­ti­vi­tà, con­fron­tar­si con nuo­vi sti­mo­li e ga­ran­tir­si in ge­ne­ra­le una più ele­va­ta qua­li­tà del­la vi­ta. E' quanto emer­ge da un son­dag­gio on li­ne su www. col­di­ret­ti.it che ha or­ga­niz­za­to al Vi­ni­ta­ly la pri­ma ras­se­gna del­le bot­ti­glie Vip nel­lo stand del­la Col­di­ret­ti nel Cen­tro ser­vi­zi are­na - stand A, tra il pa­di­glio­ne 6 e 7. Uno dei pre­cur­so­ri - ri­cor­da la Col­di­ret­ti - è sta­to il can­tan­te Sting che, al­la fi­ne dello scor­so se­co­lo, ha ac­qui­sta­to una te­nu­ta di tre­cen­to et­ta­ri, con tan­to di vil­la e col­li­na bo­sco­sa, a Fi­gli­ne Val­dar­no in To­sca­na, dan­do co­sì lu­stro all'azien­da agri­co­la "Il Pa­la­gio", un tem­po del mar­che­se di San Cle­men­te, che og­gi pro­du­ce, tra gli al­tri, un ot­ti­mo Chian­ti clas­si­co. Gran­di ros­si to­sca­ni, dal­le col­li­ne a ove­st di Sie­na, so­no il te­so­ro vi­ni­co­lo del­la Cer­to­sa di Bel­ri­guar­do, ri­sa­len­te al 1300, 75 et­ta­ri di te­nu­ta, di cui 8 vi­ta­ti, ri­le­va­ti dal­la can­tan­te Gian­na Nan­ni­ni, che - in­for­ma la Col­di­ret­ti - ha ri­tro­va­to l'an­ti­ca pas­sio­ne di fa­mi­glia, sul­le col­li­ne do­ve è cre­sciu­ta da bam­bi­na. Ses­san­ta­mi­la le bot­ti­glie prodotte all'an­no con San­gio­ve­se, Mer­lot, Sy­rah e Ca­ber­net Sau­vi­gnon. Nel­le Can­ti­ne Lu­nae di Die­go Bo­so­ni a Ca­stel­nuo­vo Ma­gra in Lu­ni­gia­na (La Spe­zia) - ri­cor­da la Col­di­ret­ti - si tro­va il vi­no del can­tan­te Zuc­che­ro For­na­cia­ri. Si trat­ta di vi­ni ot­te­nu­ti da vi­ti­gni au­toc­to­ni e com­mer­cia­liz­za­ti, in pro­du­zio­ne li­mi­ta­ta, con tre eti­chet­te: un ros­so un bian­co e un ro­sé. "Par­ti­rò. Di­ven­te­rò un can­tan­te e quan­do tor­ne­rò, co­strui­rò una can­ti­na per de­di­car­la a te": co­sì dis­se Al Ba­no Car­ri­si, ri­vol­to al pa­dre, la­scian­do, da ra­gaz­zo, il pic­co­lo pae­se di Cel­li­no San Marco, nel cuo­re del Sa­len­to. Pro­mes­sa man­te­nu­ta - in­for­ma la Col­di­ret­ti - con la na­sci­ta del­le Can­ti­ne di Al Ba­no e una li­nea di vi­ni tra Pri­mi­ti­vo, Ne­groa­ma­ro, Sa­li­ce Sa­len­ti­no, Char­don­nay e Alea­ti­co, di cui una de­di­ca­ta pro­prio al pa­dre, Car­me­lo. An­drea Bo­cel­li, il po­po­la­re can­tan­te d'ope­ra, è an­che un gran­de pro­dut­to­re di vi­ni di ec­cel­len­za in quel di La­ja­ti­co, nel cuo­re del­la Val d'Era, in pro­vin­cia di Pi­sa, con set­te Igt, il cui top è un San­gio­ve­se in pu­rez­za ri­ca­va­to dal­le vi­gne più vec­chie. "San­gue d'oro" è, in­ve­ce, il nome che l'at­tri­ce Ca­ro­le Bou­quet, sco­per­ta da Luis Buñuel, ha da­to al pas­si­to Doc rea­liz­za­to nel­le ter­re in­tor­no al suo dam­mu­so, a Pan­tel­le­ria, pre­ci­san­do di aver scel­to l'iso­la per­ché "sen­za lu­ce io muo­io, so­no ve­nu­ta in Si­ci­lia per ri­na­sce­re di nuo­vo". Nep­pu­re tra gli im­pren­di­to­ri man­ca­no gli appassionati pro­dut­to­ri di vi­no. Vi­si­ta­re le can­ti­ne de "Il Bor­ro", il re­sort agri­tu­ri­sti­co di Sal­va­to­re Fer­ra­ga­mo a San Giu­sti­no Val­dar­no (Arez­zo) - af­fer­ma la Col­di­ret­ti - è un per­cor­so nel cuo­re del­la tra­di­zio­ne vi­ni­co­la to­sca­na, men­tre il le­ga­me che uni­sce Tommaso Ca­val­li al­la sua ter­ra af­fon­da le ra­di­ci in una pas­sio­ne au­ten­ti­ca, con­so­li­da­ta da più di trent'an­ni di la­vo­ro de­di­ca­ti, in­sie­me al pa­dre Ro­ber­to, a un pro­get­to - pre­ci­sa la Col­di­ret­ti che si chia­ma Te­nu­ta de­gli Dei, pro­prie­tà di fa­mi­glia fin dai pri­mi an­ni Set­tan­ta, a San Leo­li­no pres­so Pan­za­no in Chian­ti. Sor­ge a po­chi chi­lo­me­tri da Bas­sa­no del Grap­pa (Vi­cen­za) la "Diesel Farm" dell'im­pren­di­to­re Ren­zo Ros­so, fondatore e azio­ni­sta di Diesel, azien­da di ab­bi­glia­men­to di ri­le­van­za mon­dia­le. Nel­la te­nu­ta na­ta "per pu­ra pas­sio­ne del mondo ru­ra­le" - fa sa­pe­re la Col­di­ret­ti - si pro­du­co­no 15 mi­la bot­ti­glie l'an­no sud­di­vi­se in tre ti­po­lo­gie di vi­no bio e di al­tis­si­ma qua­li­tà: il "Bian­co di Ros­so" (Char­don­nay), il "Ros­so di Ros­so" (Mer­lot e Ca­ber­net Sau­vi­gnon) e il Pi­not "Ne­ro di Ros­so". Il Grup­po Il­ly, ol­tre che al caf­fè pen- sa al vi­no. La hol­ding di fa­mi­glia di Ric­car­do Il­ly ha ac­qui­si­to una pre­sti­gio­sa azien­da se­ne­se, l'azien­da agri­co­la Ma­stro­jan­ni di Mon­tal­ci­no, con l'obiet­ti­vo di crea­re un po­lo del gu­sto. Nei 90 et­ta­ri di ter­re­no col­ti­va­ti, 24 so­no a vi­gne­ti che pro­du­co­no 80.000 bot­ti­glie l'an­no, tra cui un no­to cru Bru­nel­lo di Mon­tal­ci­no Do­cg, pro­dot­to in so­le 6.000 uni­tà cir­ca. L'azien­da agri­co­la di Oli­vie­ro To­sca­ni, fo­to­gra­fo di fa­ma mon­dia­le, sor­ge sul­le col­li­ne di Ca­sa­le Ma­rit­ti­mo (Pi­sa), do­ve si pro­du­ce un vi­no com­po­sto da Shi­rah (50%), Ca­ber­net Franc (35%), Pe­tit Ver­dot (15%). Sem­pre in campo im­pren­di­to­ria­le la sto­ri­ca fa­mi­glia Mo­rat­ti, in par­ti­co­la­re Gian Marco e Le­ti­zia, pro­du­ce nell'Ol­tre­po' Pa­ve­se uno spu­man­te brut in­ti­to­la­to al pa­pà An­ge­lo Mo­rat­ti e una Igt di Neb­bio­lo. Ma - pro­se­gue la Col­di­ret­ti - c'è an­che Jo­se­ph Ba­stia­ni­ch giu­di­ce di Ma­ster Chef Usa ed Ita­lia, ti­to­la­re di 24 ri­sto­ran­ti ita­lia­ni nel mondo. La sua so­cie­tà agri­co­la Ci­vi­da­le del Friu­li (Udi­ne) è co­sti­tui­ta da 35 et­ta­ri di vi­gne­ti che si tro­va­no nei Col­li Orien­ta­li del Friu­li. Non è cer­to frutto di una mo­da re­cen­te, in­ve­ce, la pas­sio­ne del gior­na­li­sta Bruno Ve­spa per il vi­no. Il so­da­li­zio eno­lo­gi­co con Ric­car­do Co­ta­rel­la, in­ter­pre­te so­praf­fi­no dei ter­ri­to­ri del Sud, ha con­vin­to il po­po­la­re con­dut­to­re a in­ve­sti­re nel Sa­len­to per pro­dur­re vi­ni di gran­de qua­li­tà, tra cui un Pri­mi­ti­vo di Man­du­ria Dop, e un Sa­len­to Igt. Met­te la sua fac­cia in eti­chet­ta il con­dut­to­re te­le­vi­si­vo Ger­ry Scot­ti che nell'azien­da Gior­gi di Can­ne­to Pa­ve­se, rea­liz­za una Bar­be­ra e un Rie­sling Ol­tre­pò Pa­ve­se Doc. ◀

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.