Ber­lu­sco­ni strap­pa e at­tac­ca il M5s

Il nuo­vo strap­po di Ber­lu­sco­ni ri­spe­di­sce le trat­ta­ti­ve per il go­ver­no in un tun­nel sen­za usci­ta. Mat­ta­rel­la de­ci­de lu­ne­dì

Corriere di Siena - - Da Prima Pagina - di Do­na­tel­la Di Nit­to RO­MA CA­VA­LIE­RE ALL’AT­TAC­CO MAT­TA­REL­LA RIFLETTE

K Ora toc­ca a Mat­ta­rel­la e la stra­da è dav­ve­ro in sa­li­ta. L’ipo­te­si di un’al­lean­za tra i due mag­gio­ri at­to­ri in cam­po, cen­tro­de­stra e M5s, è crol­la­ta. Si do­vran­no tro­va­re al­tre so­lu­zio­ni per da­re al Pae­se un go­ver­no. Do­po 47 gior­ni dal­le ele­zio­ni del 4 mar­zo, due gi­ri di con­sul­ta­zio­ni e un man­da­to esplo­ra­ti­vo, Mat­ta­rel­la do­vrà ri­co­min­cia­re tut­to da ca­po, con i par­ti­ti che ora so­no in or­di­ne spar­so. Il cen­tro­de­stra è a se­rio ri­schio im­plo­sio­ne con Sil­vio Ber­lu­sco­ni che guar­da al Par­ti­to de­mo­cra­ti­co, men­tre l’al­lea­to, Mat­teo Sal­vi­ni, vuo­le met­ter­ci la fac­cia e con­ti­nua a striz­za­re l’oc­chio al Mo­vi­men­to 5 stel­le. Lui­gi Di Ma­io è si­len­te: do­po aver ri­man­da­to al mit­ten­te un’of­fer­ta che avreb­be por­ta­to a un ese­cu­ti­vo di fer­ro, at­ten­de le de­ci­sio­ni dell’in­qui­li­no del Col­le. A ren­de­re il ve­ner­dì ad al­ta ten­sio­ne ha prov­ve­du­to Sil­vio Ber­lu­sco­ni, che du­ran­te la cam­pa­gna elet­to­ra­le in Mo­li­se è an­da­to drit­to all’obiet­ti­vo: “Il Mo­vi­men­to 5 stel­le è il par­ti­to dei di­soc­cu­pa­ti, di chi vuo­le rag­giun­ge­re il po­te­re per to­glie­re a chi ha e pren­der­lo per sé. Do­po tan­to tem­po mi tro­vo an­co­ra a spie­ga­re que­ste co­se agli italiani. Mi so­no un po’ rot­to”. Poi l’af­fon­do: “Nel­la mia azien­da li man­de­rei a fa­re i fat­to­ri­ni e a pu­li­re i ces­si”. E co­me se non ba­stas­se a far an­da­re la gior­na­ta di tra­ver­so agli al­lea­ti, l’ex pre­mier la­scia in­ten­de­re di guar­da­re an­co­ra a un ipo­te­ti­co ac­cor­do di go­ver­no con il Par­ti­to de­mo­cra­ti­co che “dal pun­to di vi­sta del­la re­spon­sa­bi­li­tà e del­la de­mo­cra­zia è an­ni lu­ce da­van­ti ai 5 stel­le”. Sal­vi­ni non di­ge­ri­sce, co­me del re­sto non ha ap­prez­za­to lo sti­le del man­da­to esplo­ra­ti­vo del­la Ca­sel­la­ti, che se­con­do il le­ghi­sta avreb­be agi­to non te­nen­do fe­de al­la ter­zie­tà del suo man­da­to. Il ca­po del­lo Sta­to, in­ve­ce, non com­men­ta il fal­li­men­to del man­da­to esplo­ra­ti­vo del­la pre­si­den­te del Se­na­to e an­zi si pren­de due gior­ni per riflettere per­ché gli spun­ti politici emer­si dal­le con­sul­ta­zio­ni dell’in­qui­li­na di pa­laz­zo Ma­da­ma si fon­da­no pur­trop­po sul­la di­ver­si­tà di opi­nio­ni re­gi­stra­te a pa­laz­zo Giu­sti­nia­ni. Il pe­ri­me­tro en­tro il qua­le doveva muo­ver­si la pre­si­den­te non ha da­to i ri­sul­ta­ti spe­ra­ti e, al­lo sta­to, non è pra­ti­ca­bi­le. E que­sto si­gni­fi­ca an­che che la car­ta del pre-in­ca­ri­co a Mat­teo Sal­vi­ni è sta­ta mes­sa de­fi­ni­ti­va­men­te da par­te. Per un go­ver­no a gui­da cen­tro­de­stra, tra­pe­la da fon­ti par­la­men­ta­ri, “non ci so­no i nu­me­ri: è evi­den­te”. E’ an­che per que­sto che il lea­der del Car­roc­cio ha pro­va­to a ri­cu­ci­re con Lui­gi Di Ma­io e ha fat­to re­ca­pi­ta­re al ca­po del­lo Sta­to un mes­sag­gio: “Ci sto pro­van­do, non tut­to è per­du­to”. Ber­lu­sco­ni aspet­ta e va drit­to per la sua stra­da: “Sal­vi­ni que­sta vol­ta non mi fre­ghe­rà” con­fi­da ai suoi. Per ora gli oc­chi pun­ta­ti so­no sul vo­to in Mo­li­se, il cui esi­to in­ci­de­rà si­cu­ra­men­te su­gli equi­li­bri del­la coa­li­zio­ne. Ber­lu­sco­ni è sce­so in cam­po in pri­ma per­so­na per scon­giu­ra­re il sorpasso del­la Le­ga su For­za Ita­lia. Nel ca­so in cui gli az­zur­ri si con­fer­mas­se­ro il pri­mo par­ti­to, al­lo­ra Ber­lu­sco­ni pas­se­reb­be all’in­cas­so, e le ri­per­cus­sio­ni si avreb­be­ro an­che sul­la cri­si di go­ver­no. Nes­su­no dei due è di­spo­ni­bi­le a fa­re pas­si di la­to e so­no in mol­ti a scom­met­te­re che la ve­ra te­nu­ta del cen­tro­de­stra sa­rà mes­sa al­la pro­va a par­ti­re da lu­ne­dì, com­pre­sa la sua so­prav­vi­ven­za. OP­ZIO­NE FI­CO Il Qui­ri­na­le, ir­ri­ta­to dal­lo spet­ta­co­lo for­ni­to dal­la po­li­ti­ca, po­treb­be dav­ve­ro ten­ta­re la car­ta di Ro­ber­to Fi­co, pre­si­den­te del­la Ca­me­ra, ma non per un nuo­vo man­da­to mi­ra­to. Non è in­fat­ti esclu­so che Mat­ta­rel­la al­lar­ghi il rag­gio d’azio­ne a chi ci sta, ma sem­pre con un tem­po li­mi­ta­to. La fi­gu­ra del­la ter­za ca­ri­ca del­lo Sta­to è si­cu­ra­men­te ap­prez­za­ta dal Par­ti­to de­mo­cra­ti­co e po­treb­be sor­ti­re un cer­to in­te­res­se. Re­ste­reb­be l’op­po­si­zio­ne del Cav, che sui 5 stel­le as­si­cu­ra di aver mes­so una pie­tra so­pra: “Il M5s so­no un pericolo per l’Ita­lia e bi­so­gna evi­ta­re che pren­da­no il po­te­re”. NU­ME­RI E MUGUGNI Ber­lu­sco­ni, ar­chi­via­ta la pra­ti­ca con i pen­ta­stel­la­ti, guar­da ai nu­me­ri man­can­ti e osten­ta di ave­re già in ta­sca “i par­la­men­ta­ri del grup­po mi­sto ed an­che espo­nen­ti del Pd”. Sal­vi­ni non ci sta e rilancia sul fat­to che è pron­to a met­ter­ci la fac­cia, ac­cet­tan­do un pre-in­ca­ri­co che pe­rò sem­bra im­pro­ba­bi­le. Se co­stret­to, piut­to­sto che con il Pd, va da so­lo. An­che Gior­gia Me­lo­ni di Fra­tel­li d’Ita­lia, ta­glia­ta fuo­ri dal “con­trat­to al­la te­de­sca” dei 5 stel­le, non ap­pro­va la stra­te­gia di Ar­co­re: “Cre­do che Ber­lu­sco­ni deb­ba met­ter­si l’ani­ma in pa­ce: non ci sa­ran­no mai i no­stri vo­ti per un ac­cor­do con il Pd”. Dal Nazareno Et­to­re Ro­sa­to, spe­gne ogni ti­po di vel­lei­tà: “Noi non sa­re­mo la ruo­ta di scor­ta di nes­su­no”. E’ evi­den­te che sia la cri­si più dif­fi­ci­le, ma al Col­le ten­go­no an­che con­to del mo­men­to. che i par­ti­ti stan­no vi­ven­do. Que­sta pe­rò po­treb­be es­se­re dav­ve­ro l’ul­ti­ma oc­ca­sio­ne che Mat­ta­rel­la con­ce­de­rà ai par­ti­ti di es­se­re pro­ta­go­ni­sti. Al gi­ro suc­ces­si­vo, sa­rà il ca­po del­lo Sta­to a pren­de­re le de­ci­sio­ni. E le ur­ne an­ti­ci­pa­te non so­no tra le pos­si­bi­li­tà pre­se in con­si­de­ra­zio­ne.

Al­ta ten­sio­ne Il ca­po del­lo Sta­to, esau­ri­to il man­da­to esplo­ra­ti­vo del­la Ca­sel­la­ti po­treb­be va­lu­ta­re an­che l’ipo­te­si di af­fi­da­re una nuo­va mis­sio­ne al pre­si­den­te del­la Ca­me­ra Ro­ber­to Fi­co

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.