Pd va alla conta Il M5s aspetta

Il se­gre­ta­rio reg­gen­te Mau­ri­zio Mar­ti­na ha in­con­tra­to il pre­si­den­te della Ca­me­ra Ro­ber­to Fi­co e ha aper­to alla pos­si­bi­li­tà di un’in­te­sa, ma le trup­pe ren­zia­ne si so­no su­bi­to mes­se di tra­ver­so Il Par­ti­to de­mo­cra­ti­co an­drà alla conta per ve­ri­fi­ca­re se esi­st

Corriere di Siena - - Da Prima Pagina -

Pd Mau­ri­zio Mar­ti­na

Do­po 50 gior­ni sen­za un go­ver­no bi­so­gna­va da­re un se­gna­le al Col­le e al Pae­se. Mo­vi­men­to 5 Stel­le e Par­ti­to de­mo­cra­ti­co, pe­rò, sem­bra­no es­se­re an­da­ti an­che oltre, apren­do­si re­ci­pro­ca­men­te la por­ta per la for­ma­zio­ne di un go­ver­no che so­lo po­che set­ti­ma­ne fa sem­bra­va im­pos­si­bi­le. Nel­la stan­za del pre­si­den­te della Ca­me­ra, Ro­ber­to Fi­co, in­ca­ri­ca­to dal Qui­ri­na­le di ve­ri­fi­ca­re l’esi­sten­za di una mag­gio­ran­za par­la­men­ta­re tra pri­ma e se­con­da for­za po­li­ti­ca, il se­gre­ta­rio reg­gen­te dei dem, Mau­ri­zio Mar­ti­na, e po­che ore do­po il ca­po po­li­ti­co dei pen­ta­stel­la­ti, Lui­gi Di Ma­io, han­no da­to la pro­pria di­spo­ni­bi­li­tà a se­der­si al ta­vo­lo del­le trat­ta­ti­ve per il “contratto alla te­de­sca” su pun­ti pro­gram­ma­ti­ci con­di­vi­si, e di­ge­ri­bi­li dai ri­spet­ti­vi elet­to­ra­ti. Per ora le trat­ta­ti­ve so­no in una fa­se ini­zia­le, ma i pre­sup­po­sti ap­pa­io­no po­si­ti­vi. Co­me pri­ma con­di­zio­ne per in­ta­vo­la­re qual­sia­si discorso, in­fat­ti, il re­spon­sa­bi­le del Na­za­re­no ha chie­sto che fos­se san­ci­ta pub­bli­ca­men­te la fine di ogni dia­lo­go con Sal­vi­ni. Ri­chie­sta su­bi­to ac­col­ta dal gio­va­ne lea­der cin­que­stel­le: “La Le­ga ha de­ci­so di con­dan­nar­si all’ir­ri­le­van­za per il be­ne del suo al­lea­to (Ber­lu­sco­ni, ndr), in­ve­ce che an­da­re al go­ver­no per il be­ne degli italiani”, dun­que “in mo­do uf­fi­cia­le qual­sia­si discorso con il Car­roc­cio si chiu­de qui”. Re­sta in­ve­ce la di­stan­za sul se­con­do pa­let­to imposto dal­la de­le­ga­zio­ne de­mo­cra­ti­ca, quel­lo sulla pre­mier­ship, che il M5s ri­ven­di­ca an­co­ra per Di Ma­io, ma che sta­vol­ta il ca­po po­li­ti­co ha evi­ta­to ac­cu­ra­ta­men­te di men­zio­na­re nel suo spee­ch, per non crea­re ten­sio­ni che ri­schie­reb­be­ro di indebolire il canale di co­mu­ni­ca­zio­ne ap­pe­na aper­to. Un al­tro gap, ma non in­su­pe­ra­bi­le, è quel­lo re­la­ti­vo agli ar­go­men­ti che un even­tua­le go­ver­no M5s-Pd do­vreb­be af­fron­ta­re. Per­ché Mar­ti­na non vuo­le che ven­ga smon­ta­to il la­vo­ro fat­to da Ren­zi e Gen­ti­lo­ni ne­gli ul­ti­mi 5 anni e quin­di chie­de che “l’as­se di ri­fe­ri­men­to fon­da­men­ta­le” sia il pro­gram­ma dem dell’ul­ti­ma cam­pa­gna elet­to­ra­le. Men­tre Di Ma­io ri­lan­cia i ca­val­li di bat­ta­glia pen­ta­stel­la­ti: “Co­sti della po­li­ti­ca, am­bien­te, red­di­to di cit­ta­di­nan­za, lot­ta al bu­si­ness dell’im­mi­gra­zio­ne, pen­sio­ni e aiu­ti alle im­pre­se e lot­ta alla cor­ru­zio­ne”. Di te­mi, ad ogni mo­do, se ne par­le­rà in un se­con­do mo­men­to. Sal­vi­ni nel frat­tem­po in­cas­sa il de­stro ri­ce­vu­to da Di Ma­io, ma non ab­ban­do­na la partita: “Amo­reg­gia­re con Ren­zi e il Pd, pur di an­da­re al po­te­re, mi sem­bra ir­ri­spet­to­so nei con­fron­ti degli italiani e dei pro­pri elet­to­ri. Se vuo­le smettere di po­le­miz­za­re e aiu­tar­mi a ri­co­strui­re que­sto Pae­se io, co­me lea­der del cen­tro­de­stra, so­no pron­to”. An­che se il “for­no” è or­mai spen­to, il lea­der le­ghi­sta sce­glie co­mun­que di sta­re alla fi­ne­stra, men­tre Ber­lu­sco­ni qua­si snob­ba il M5s, ora che il pe­ri­co­lo di ve­der­si “scip­pa­re” l’al­lea­to sem­bra scam­pa­to. Il con­di­zio­na­le, pe­rò, è quan­to­mai d’ob­bli­go in po­li­ti­ca, do­ve quel­lo che og­gi è si­cu­ro do­ma­ni può sva­ni­re nel nul­la.

La de­le­ga­zio­ne del Pd do­po il col­lo­quio con il pre­si­den­te della Ca­me­ra che ha ri­ce­vu­to un man­da­to esplo­ra­ti­vo dal pre­si­den­te della Re­pub­bli­ca

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.