Ren­zi stron­ca il governo Pd-M5s

“Sa­reb­be una pre­sa in gi­ro”

Corriere di Siena - - Da Prima Pagina - Mat­teo Bo­sco Ber­to­la­so

Un’in­te­sa tra dem e 5Stel­le? “Sa­reb­be una pre­sa in gi­ro ver­so gli ita­lia­ni, e noi non dob­bia­mo pren­de­re in gi­ro gli ita­lia­ni”. Mat­teo Ren­zi, ospi­te ie­ri se­ra di Che tem­po che fa, è chia­ro: ci si può se­de­re al ta­vo­lo con Lui­gi Di Ma­io, ma non ci sa­rà un governo dem-gril­li­no. La di­spo­ni­bi­li­tà dell’ex se­gre­ta­rio, in­ve­ce, è ben di­ver­sa se si trat­tas­se di ri­scri­ve­re le re­go­le del gio­co, an­dan­do ver­so quel mo­del­lo fran­ce­se con bal­lot­tag­gio che è tan­to ca­ro all’ex pre­mier. Pre­mes­so che per Ren­zi è im­pen­sa­bi­le un’in­te­sa M5s-Pd, se nem­me­no l’al­tro for­no, quel­lo M5s-Le­ga, do­ves­se da­re ri­sul­ta­ti, al­lo­ra “ci vuo­le qual­cu­no che pren­da il co­rag­gio di di­re che il si­ste­ma non fun­zio­na”, per­ché dal 4 di­cem­bre 2016 que­sto Paese è bloc­ca­to: in quel­la da­ta, fa­ta­le per l’ex se­gre­ta­rio Pd, non so­no sta­te in­tro­dot­te la ri­for­ma co­sti­tu­zio­na­le e la leg­ge elet­to­ra­le che avreb­be­ro por­ta­to a un bal­lot­tag­gio. Lo stes­so Ren­zi ve­de per i suoi av­ver­sa­ri “un con­trap­pas­so dan­te­sco, per­ché an­che Sal­vi­ni e Di Ma­io avreb­be­ro avu­to tut­to l’in­te­res­se a fa­re un bal­lot­tag­gio”. “Io te­mo per il gio­co de­mo­cra­ti­co - pro­se­gue l’ex pre­mier, ospi­te di Fa­bio Fa­zio - per­ché il pun­to è che noi an­dia­mo dai cittadini a chie­de­re il vo­to e poi non suc­ce­de niente, e que­sto non va be­ne”. Ren­zi, che ha sem­pre a mo­del­lo la sua epo­ca d’oro da pri­mo cit­ta­di­no di Fi­ren­ze, so­stie­ne che “c’è so­lo un li­vel­lo isti­tu­zio­na­le do­ve i cittadini si sen­to­no coin­vol­ti, ed è quel­lo dei sin­da­ci, do­ve c’è il bal­lot­tag­gio: se il sin­da­co non fa le co­se be­ne, gra­zie an­che ad una più pic­co­la real­tà ter­ri­to­ria­le, gli si può chie­de­re con­to del­le sue azio­ni”. Nel­la mat­ti­na­ta di ie­ri, con una let­te­ra pub­bli­ca­ta sul Cor­rie­re del­la Se­ra, Di Ma­io ave­va lan­cia­to un appello al Pd, in­di­vi­duan­do “i prin­ci­pa­li pun­ti in co­mu­ne tra il no­stro pro­gram­ma e il lo­ro”. La ri­chie­sta è que­sta: “Rea­liz­zia­mo­li per il be­ne su­pe­rio­re de­gli ita­lia­ni”, ha scrit­to il lea­der pen­ta­stel­la­to, pro­fes­san­do­si “fi­du­cio­so per­ché sul­la car­ta - la car­ta dei pro­gram­mi - ci so­no tan­ti pun­ti di con­ver­gen­za che van­no nel­la di­re­zio­ne di sod­di­sfa­re le esi­gen­ze dei cittadini”, che è “no­stro uni­co in­te­res­se”. En­tran­do nel me­ri­to, il lea­der M5s af­fron­ta i no­di dell’immigrazione (do­ve c’è si può su­pe­ra­re il si­ste­ma di Du­bli­no con una “co­mu­ne vo­lon­tà di au­men­ta­re le ri­sor­se per cy­ber se­cu­ri­ty e nuo­vi agen­ti nel­le for­ze dell’or­di­ne”); del red­di­to di cit­ta­di­nan­za (ne­ces­sa­rio per­ché i fon­di del Red­di­to di in­clu­sio­ne vo­lu­to dal Pd “non so­no suf­fi­cien­ti”); del la­vo­ro (do­ve “si può par­ti­re dal sa­la­rio mi­ni­mo ora­rio, obiet­ti­vo con­di­vi­so an­che dal Pd”) e so­prat­tut­to la rein­tro­du­zio­ne dell’ar­ti­co­lo 18. Quel­la fir­ma­ta da Di Ma­io vie­ne pe­rò li­qui­da­ta co­me “una let­te­ri­na di Na­ta­le” dal pre­si­den­te del Pd, Mat­teo Or­fi­ni. E Ren­zi, usan­do pa­ro­le si­mi­li, sfi­da i 5Stel­le a un con­fron­to in strea­ming, co­me il Mo­vi­men­to chie­de­va cin­que an­ni fa: in que­sto mo­do, per l’ex se­gre­ta­rio dem, si po­treb­be “ca­pi­re se han­no cam­bia­to idea sui vac­ci­ni, sul red­di­to di cit­ta­di­nan­za, sull’Il­va”.

Par­la­re sì, ma non di governo L’uni­ca di­spo­ni­bi­li­tà da­ta da Ren­zi a un even­tua­le con­fron­to con Di Ma­io è so­lo per con­fron­tar­si con l’obiet­ti­vo di ri­scri­ve­re le re­go­le del gio­co

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.