Corriere di Verona

«Tranquillo, vedrai che andrà tutto bene un giorno faremo il nostro viaggio insieme»

-

VERONA (e.p.) «Se fossi qui, oggi, mi diresti “Dai Mathy, tranquilla. Dai che ce la fai, andrà tutto bene”. Perché me lo dicevi sempre. Ma oggi sono io a dirti che sarai tranquillo per l’eternità, che andrà tutto bene. Un giorno ci rivedremo e faremo il viaggio che volevi tanto fare con me. Ogni tanto però fammi un segno dall’alto». Una forza e una serenità impression­anti, un sorriso bellissimo e quelle parole per l’ultimo addio al «suo» Marco. Anche lei, Mathilde, ha voluto prendere parola nella chiesa gremita di persone: «È molto dura, ma lo faccio per te, Marco. Non sai quanto già mi manchi».

Un’amicizia trasformat­asi in qualcosa di un po’ più serio nel corso dei mesi. «Sapevi che la cosa più bella al mondo è ricevere l’amore di chi ama veramente e tu amavi per davvero - ha detto la giovane -. Hai lasciato un grande vuoto nel mio cuore. Non ti vedrò più scendere le scale a ricreazion­e, in quel momento che aspettavo ogni giorno per poterti abbracciar­e. Ci mancherai Marco perché tu eri uno di noi. Nel puzzle che componiamo ogni giorno mancherà sempre un pezzo: sentiamo la tua presenza ma non ti possiamo più toccare, abbracciar­e, parlare». Ha ricordato il suo altruismo, il suo sogno di diventare un architetto «per costruire grattaciel­i in tutto il mondo» e la vacanza progettata in Francia «per mangiare le ostriche». «Ora sei in cielo e ci guardi da lassù: vedi quante persone che ti volevano bene? Sarai per sempre il ragazzo che ha saputo conquistar­e il mio cuore».

Non ti vedrò più a ricreazion­e, quell’attimo che attendevo per abbracciar­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy