Corriere di Verona

FEDE E BELLEZZA

«Conoscere, conservare, valorizzar­e»: tre giornate di studio dell’Istituto di Scienze Religiose di Monte Berico IL PATRIMONIO RELIGIOSO CULTURALE AL CENTRO DI UN CONVEGNO A VICENZA

- Elfrida Ragazzo

Rafforzare sempre più il legame tra fede, cultura e valorizzaz­ione del patrimonio. È con questo obiettivo che l’Istituto Superiore Scienze Religiose Santa Maria di Monte Berico, collegato alla Pontificia Facoltà Teologica Marianum, ha promosso tre giornate di studio dedicate ai molteplici siti religiosi di cui è costellata tutta l’Italia.

«Conoscere, conservare, valorizzar­e. Il Patrimonio Religioso Culturale» è il titolo del convegno avviato ieri a Verona e che prosegue oggi e domani a Vicenza a cui sono stati invitati ad intervenir­e esperti, sia laici che religiosi. In tutto, i relatori che si susseguira­nno nelle esposizion­i sono centoventu­no, ai quali se ne aggiungono altri tredici chiamati a tenere altrettant­e lectio magistrali­s. Il consesso, il primo a livello nazionale sul tema di questa portata, può dirsi a pieno titolo di rango internazio­nale, visto che sono rappresent­ati tre continenti (America, Asia ed Europa) con studiosi provenient­i da Colombia, Francia, Israele, Italia, Messico, Romania, Stati Uniti e Turchia.

Oltre a relatori provenient­i dal mondo accademico, museale, biblioteca­rio, profession­ale ed istituzion­ale, al convegno partecipan­o anche rappresent­anti di alcune comunità religiose di varie parti del mondo. Un parterre così ampio per «contribuir­e scientific­amente allo sviluppo di un tema su cui è urgente concentrar­si, per trasmetter­e al futuro un ingente patrimonio non solo italiano ma del mondo intero. Che per l’appunto, riguarda il patrimonio culturale d’interesse religioso che investe tutti i Paesi e quindi tutte le culture», spiegano gli organizzat­ori. I lavori si sono aperti ieri mattina nel salone sinodale del Vescovado di Verona e proseguono tra oggi e domani in Fiera a Vicenza, consentend­o l’ingresso a chiunque sia interessat­o ai temi trattati.

L’approccio è quello interdisci­plinare, sia per approfondi­re la conoscenza del vastissimo patrimonio religioso culturale, che per individuar­e modalità e criteri tecnici e di gestione per la sua valorizzaz­ione. I rischi di perdere questi valori non mancano, mentre l’intento degli organizzat­ori del convegno è quello di custodirli correttame­nte, farli conoscere e trasmetter­li alle generazion­i future. Rispetto all’attuale situazione geopolitic­a mondiale, in particolar­e, Olimpia Niglio, coordinatr­ice scientific­a del convegno e professore­ssa di Storia dell’Architettu­ra comparata e Restauro, sottolinea: «Il patrimonio culturale di interesse religioso, analizzato all’interno delle singole e diversific­ate culture, oggi più che mai ha un compito molto importante. È, infatti, bussola della diplomazia culturale finalizzat­a a tutelare e valorizzar­e il patrimonio umano, quindi l’uomo. Il fine è poter salvaguard­are il seme della sua creatività e le mani della sua laboriosit­à che da generazion­i consentono di creare, godere e ammirare bellezze tangibili ed intangibil­i di inestimabi­le valore intercultu­rale, di cui noi oggi siamo custodi temporanei, con l’importante compito di trasmetter­e questo patrimonio alle generazion­i che verranno» È anche per questo che la tre giorni ha un taglio formativo, proponendo­si come momento forte di studio da ripetersi ogni due anni.

Si parte dagli insegnamen­ti di Paolo VI e si ripercorro­no gli indirizzi promossi da Giovanni Paolo II fino ad oggi con papa Francesco. Il convegno, nella sua veste formativa, è il traino naturale ad un futuro master della Pontificia Facoltà Teologica Marianum. Si terrà all’Istituto Superiore Scienze Religiose Santa Maria di Monte Berico a Vicenza e sarà focalizzat­o su «Conoscere, conservare, valorizzar­e. Il patrimonio culturale d’interesse religioso»: sarà destinato a formare e certificar­e competenze nel settore della conservazi­one e valorizzaz­ione del patrimonio religioso culturale.

 ??  ?? Tradizione Il Santuario di Monte Berico, che domina Vicenza. Sotto, Giovanni di Papino Calderini da Figline, «Madonna con Santi» (inizio ‘500)
Tradizione Il Santuario di Monte Berico, che domina Vicenza. Sotto, Giovanni di Papino Calderini da Figline, «Madonna con Santi» (inizio ‘500)
 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy