Pa­pà Pel­lis­sier e il pic­co­lo Mat­teo «Il gol? Gliel’ave­vo pro­mes­so»

Do­po l’ab­brac­cio in cam­po, che ha fat­to il gi­ro del web, ab­bia­mo in­con­tra­to Ser­gio Pel­lis­sier e suo fi­glio Mat­teo. Il bom­ber-pa­pà: «Gli ave­vo pro­mes­so quel gol». Ritratto di fa­mi­glia tra vi­ta, sport e fu­tu­ro

Corriere di Verona - - DA PRIMA PAGINA - Mat­teo So­rio

. Ser­gio Pel­lis­sier, 39en­ne VE­RO­NA ca­pi­ta­no del Chie­vo e suo fi­glio Mat­teo, 8 an­ni, rac­cat­ta­pal­le. Do­me­ni­ca l’ab­brac­cio a bor­do cam­po che ha com­mos­so il web. «Quan­do fa­ce­vo pan­chi­na lui non vo­le­va più ve­ni­re a ve­der­mi — ci ha det­to l’at­tac­can­te —. Ma gliel’ave­vo pro­mes­so: se­gno e ti ab­brac­cio».

Tra le tan­te co­se bel­le di quell’ab­brac­cio c’è che par­te da lon­ta­no. Da uno di quei mo­men­ti in cui i fi­gli ti spiaz­za­no. Per­ché, pri­vi co­me so­no di so­vra­strut­tu­re, ti sbat­to­no da­van­ti un’emo­zio­ne ba­si­la­re, pu­ra, tal­men­te sem­pli­ce da far­ti qua­si ma­le.

«C’è sta­to un mo­men­to nel pas­sa­to re­cen­te in cui Mat­teo pa­ti­va più di me il fat­to che non gio­cas­si. Gli di­spia­ce­va tal­men­te tan­to da sen­ti­re la rab­bia den­tro. Fin­ché un gior­no mi ha det­to: “Pa­pà, non vo­glio più ve­ni­re al­lo sta­dio”. Ri­flet­to sem­pre su quel­lo che mi di­co­no lui, So­fia e Fi­lip­po, ci ho pen­sa­to su e mi è par­so giu­sto ri­spon­der­gli co­sì: “Se non vuoi più ve­ni­re per­ché non ti pia­ce, va be­ne. Ma se non vuoi più ve­ni­re per­ché non gio­co al­lo­ra no, non de­vi rea­gi­re co­sì. Mai mol­la­re, cre­der­ci sem­pre. Se lo fai ve­drai che un gior­no gio­co, fac­cio gol e ci ab­brac­ce­re­mo in cam­po”». La rin­cor­sa ver­so quell’ab­brac­cio di cin­que gior­ni fa, do­po il gol al­la La­zio, il ca­pi­ta­no del Chie­vo Ser­gio Pel­lis­sier — at­tac­can­te — e il suo Mat­teo — rac­cat­ta­pal­le — l’han­no pre­sa co­sì. Se ne par­la an­co­ra, di quell’ab­brac­cio, per­ché a sce­ne co­sì sem­pli­ci il cal­cio pa­re non es­ser­ci più abi­tua­to. Se ne par­la con i due Pel­lis­sier del­la fo­to che ha fat­to il gi­ro del web: Ser­gio, 39 an­ni, e Mat­teo, 8, den­tro il bar del cen­tro spor­ti­vo Bot­ta­gi­sio, ca­sa del vi­va­io e del­la scuo­la cal­cio do­ve Mat­teo si al­le­na («Vor­rei gio­ca­re an­ch’io nel Chie­vo co­me pa­pà»). Se ne par­la tra ti­fo­si che rin­gra­zia­no Ser­gio («Che gol, al­la La­zio…») e un al­tro sto­ri­co vol­to cli­ven­se, Lu­cia­no, ie­ri ala e og­gi al­le­na­to­re nel­le gio­va­ni­li, che pren­de in brac­cio Mat­teo scom­bi­nan­do­gli i ca­pel­li: «Oh, ora sei fa­mo­so, eh...». Fa­mo­sa, in que­sti gior­ni, è di­ven­ta­ta di si­cu­ro la fo­to di quell’ab­brac­cio.

«For­se per­ché – fa Pel­lis­sier – è un cal­cio spes­so un po’ trop­po fin­to e co­strui­to, quan­do in­ve­ce tan­tis­si­mi cal­cia­to­ri so­no ge­ni­to­ri co­me gli al­tri. Il gior­no do­po la La­zio, fa­ta­li­tà, ho in­con­tra­to una per­so­na che da­va di scherma e si è ri­cor­da­ta di aver por­ta­to il fi­glio a bor­do pe­da­na per fe­steg­gia­re in­sie­me una vit­to­ria. Al­la fi­ne, sot­to va­rie for­me, noi pa­dri cer­chia­mo tut­ti la stes­sa emo­zio­ne». I pa­dri cer­ca­no emo­zio­ni ma a vol­te fan­no fa­ti­ca. Di pa­pà Ser­gio, Mat­teo di­ce che «vor­rei gio­ca­re in cor­ri­do­io ma lui non vuo­le». Lui, pa­pà Ser­gio, re­pli­ca che «quan­do tor­no a ca­sa so­no di­strut­to, ho bi­so­gno di stac­ca­re dal cal­cio, e co­mun­que Mat­teo ten­de mol­to di più al­la con­sol­le». Ec­co, i vi­deo­gio­chi. «Lo schie­ra­vo nel­la mia for­ma­zio­ne», rac­con­ta Mat­teo pri­ma d’im­bron­ciar­si: «Ma ora mi vie­ta i videogame». Eter­na gra­na. «La tec­no­lo­gia spes­so li spin­ge

Ma­glia az­zur­ra «Una par­ti­ta in pre­mio? Mah, non è più la mia Na­zio­na­le, ora ci so­no i gio­va­ni...»

a mol­la­re tut­to o ad­di­rit­tu­ra in­ven­tar­si scu­se per rin­ca­sa­re e at­tac­car­si ai joy­stick – ri­flet­te Pel­lis­sier – io ten­do a re­spon­sa­bi­liz­zar­li. Poi, se è il ca­so, pas­so ai di­vie­ti. Al­tri­men­ti ri­schia di di­ven­ta­re un vi­zio co­me il gio­co d’az­zar­do». Qual­che at­tri­to mi­no­re sul ci­bo (Mat­teo chie­de una ta­vo­let­ta di cioc­co­la­to, Ser­gio gli pro­po­ne un pa­ni­no) dà lo spun­to per chie­de­re del Ser­gio Pel­lis­sier fi­glio di Ca­mil­lo, non­no di Mat­teo.

«Se in­se­gno co­se con­si­de­ra­te re­trò co­me l’edu­ca­zio­ne è per­ché i miei ge­ni­to­ri non mi la­scia­va­no sgar­ra­re: ri­spet­ta­re

il pros­si­mo, rin­gra­ziar­lo quan­do è gen­ti­le con te, met­ter­si nei suoi pan­ni». I pan­ni del cal­cia­to­re, Mat­teo, chis­sà se vor­rà o sa­prà in­dos­sar­li. «A lui piac­cio­no i drib­bling, è una ge­ne­ra­zio­ne cre­sciu­ta ve­den­do “ra­bo­ne” e col­pi di tac­co, tut­te bag­gia­na­te che se pro­vi nel mon­do ve­ro sba­gli no­ve vol­te su die­ci, a me­no di non chia­mar­ti Cri­stia­no Ro­nal­do». Non è preoc­cu­pa­to, co­mun­que, pa­pà Ser­gio: «Mat­teo è li­be­ro di sce­glie­re. Ora co­me ora non ce lo ve­do: non è co­me me che gio­ca­vo 24 ore su 24 con la pal­la. Con­ta che si di­ver­ta. A qual­che par­ti­ta ci va­do ma mi guar­do be­ne dal fa­re co­me cer­ti ge­ni­to­ri trop­po in­va­si­vi». E si guar­da be­ne dal so­gna­re un’ul­ti­ma chia­ma­ta in Na­zio­na­le do­po la pri­ma e uni­ca nel 2009, Pel­lis­sier, co­me sug­ge­ri­sco­no sul web al­cu­ni let­to­ri del Cor­rie­re di Ve­ro­na-Cor­rie­re del Ve­ne­to: «La Na­zio­na­le di og­gi non è la mia. Que­sta Na­zio­na­le vuol far cre­sce­re i gio­va­ni quan­do in­ve­ce do­vreb­be ba­da­re a schie­ra­re i più for­ti. È co­me in cam­pio­na­to: il cam­pio­ne non si crea co­sì, de­ve fa­re espe­rien­za, so­lo a un Tot­ti non ser­ve ga­vet­ta. Vor­rei che Mat­teo, do­ves­se fa­re il cal­cia­to­re, tro­vas­se un cal­cio di­ver­so. Nel mio, nes­su­no ti aiu­ta­va e pro­prio per­ché un gior­no avre­sti pre­so il po­sto dei più vec­chi ve­ni­vi sgri­da­to. Ora i gio­va­ni so­no co­sì si­cu­ri di sé che non ascol­ta­no. Co­me del re­sto i fi­gli. Gli di­ci: è co­sì. E lo­ro ri­bat­to­no».

Lì, del re­sto, Mat­teo ri­bat­te: «Non è ve­ro...». Ser­gio: «Ec­co, co­sa ti di­ce­vo…». Si di­ce­va di quell’ab­brac­cio do­po il gol al­la La­zio. «Eh, nien­te. All’ini­zio ho sfo­ga­to la rab­bia, nell’esul­ta­re. Poi, usci­to dall’ab­brac­cio dei com­pa­gni, mi so­no ri­cor­da­to di Mat­teo e di quel­la pro­mes­sa. E l’ho cer­ca­to con lo sguar­do…».

(Fo­to­land)

L’ab­brac­cio Ser­gio Pel­lis­sier e il fi­glio Mat­teo do­po il gol al­la La­zio: so­pra pa­dre e fi­glio te­sta a te­sta con il pal­lo­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.