Lo­do­vi­ni al Ri­sto­ri ri­leg­ge Da­rio Fo e Fran­ca Ra­me

L’at­tri­ce è pro­ta­go­ni­sta di «Tut­ta ca­sa, let­to e chie­sa» di Da­rio Fo e Fran­ca Ra­me, in sce­na lu­ne­dì al Ri­sto­ri. «Un te­sto an­co­ra at­tua­le, rac­con­ta quel­lo che non va»

Corriere di Verona - - DA PRIMA PAGINA - Ma­rian­na Pe­lu­so

L’ab­bia­mo vi­sta in Ovun­que sei di Mi­che­le Pla­ci­do, For­ta­pà­sc di Ri­si e Ge­ne­ra­zio­ne 1000 eu­ro di Ve­nier, ma è con Ben­ve­nu­ti al

Sud di Mi­nie­ro che ab­bia­mo ini­zia­to ad amar­la, non so­lo per la sua in­ne­ga­bi­le bra­vu­ra, col­ti­va­ta al Cen­tro spe­ri­men­ta­le di ci­ne­ma­to­gra­fia a Ro­ma, ma so­prat­tut­to per la sua ver­sa­ti­li­tà, gra­zie al­la qua­le rie­sce a far ri­de­re, pian­ge­re, ri­flet­te­re. È Va­len­ti­na Lo­do­vi­ni la pro­ta­go­ni­sta del­lo spet­ta­co­lo di Da­rio Fo e Fran­ca Ra­me Tut­ta ca­sa, let­to e chie­sa, in sce­na lu­ne­dì 14 gen­na­io alle 20.30 al Tea­tro Ri­sto­ri. Uno spet­ta­co­lo sul­la con­di­zio­ne femminile an­da­to in sce­na per la pri­ma vol­ta nel 1977 e tut­to­ra al­le­sti­to in ol­tre tren­ta na­zio­ni, con la re­gia di San­dro Ma­bel­li­ni e le mu­si­che di Ma­ria An­to­niet­ta. Se­con­do lei è an­co­ra at­tua­le?

«Sì, per­ché Fo e Ra­me so­no riu­sci­ti a rac­con­ta­re non i per­so­nag­gi di una storia, ma il con­te­sto cul­tu­ra­le di un’epoca. An­che se so­no pas­sa­ti 42 an­ni dal­la “pri­ma” re­ci­ta­ta dal­la stes­sa Fran­ca Ra­me al­la Pa­laz­zi­na Li­ber­ty, trat­ta an­co­ra del­le don­ne di og­gi. Per­ché non esi­ste la pa­ri­tà tra i ses­si, è evi­den­te». Sen­te di aver ri­nun­cia­to a qual­co­sa in no­me del la­vo­ro?

«Per­so­nal­men­te no, ma cre­do d’es­se­re una pri­vi­le­gia­ta. In com­pen­so, so­no io ad aver det­to mol­ti “no” nel­la mia vi­ta per­ché non vo­le­vo rien­tra­re in uno sche­ma. Per dar vo­ce a una del­le pro­ta­go­ni­ste del­lo spet­ta­co­lo, ag­giun­go an­che che la rea­liz­za­zio­ne di una don­na non pas­sa at­tra­ver­so la ma­ter­ni­tà». Ci rac­con­ta la tra­ma? «Nell’ope­ra ori­gi­na­le ci so­no sei mo­no­lo­ghi, ma noi ne por­tia­mo in sce­na tre, più uno che non ne fa par­te. So­no quat­tro sto­rie di quat­tro don­ne di­ver­se. C’è una ca­sa­lin­ga mol­to so­la, una ma­dre suo mal­gra­do, una la­vo­ra­tri­ce e una bam­bi­na che vor­reb­be es­se­re se stes­sa, men­tre tut­ti, in-

tor­no a lei, cer­ca­no di fre­nar­la e di dir­le co­sa dovrebbe fa­re». Che co­sa l’ha con­vin­ta ad ac­cet­ta­re la par­te?

«Per cam­bia­re quel­lo che non va, bi­so­gna rac­con­ta­re, par­la­re, de­nun­cia­re. In que­sto spet­ta­co­lo il pro­ta­go­ni­sta è il pub­bli­co e io ho un rap­por­to di amo­re pu­ro per il pub­bli­co. Que­sto ele­men­to e la storia so­no sta­ti ele­men­ti più che suf­fi­cien­ti per di­re di sì». Ha vin­to mol­ti premi...

«Ai premi non fac­cio ca­so: so­no una ci­lie­gi­na sul­la tor­ta, non so­no la tor­ta. E io vo­glio mol­to be­ne a tut­ti i ruo­li che ho in­ter­pre­ta­to, an­che se cre­do che il “gran­de ruo­lo” non sia an­co­ra ar­ri­va­to». Ha in can­tie­re altri pro­get­ti?

«Il 7 feb­bra­io usci­rà il film “10 gior­ni senza mam­ma” per la re­gia di Ales­san­dro Ge­no­ve­si, in cui re­ci­te­rò ac­can­to a Fa­bio De Lui­gi. È una com­me­dia su una fa­mi­glia mol­to uni­ta in cui pe­rò, per una se­rie di vi­cen­de, tut­ti i ruo­li si tra­sfor­ma­no e l’equi­li­brio ini­zia­le vie­ne stra­vol­to». Ruo­li di­ver­ten­ti o dram­ma­ti­ci? Co­sa preferisce?

«Noi at­to­ri sia­mo ope­rai del ci­ne­ma. Sem­mai fac­cio una di­stin­zio­ne tra il bel­lo e il brut­to e quel­lo di­pen­de dal­la scrit­tu­ra. La storia è la spi­na dor­sa­le del film». È già sta­ta a Ve­ro­na?

«Pur­trop­po no, ma nel­le po­che ore che ho a di­spo­si­zio­ne, cer­che­rò di ve­de­re più co­se pos­si­bi­li. So­no fa­me­li­ca di storia, ar­te e bel­lez­za».

Im­pe­gno Va­len­ti­na Lo­do­vi­ni, pro­ta­go­ni­sta del te­sto di Da­rio Fo e Fran­ca Ra­me

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.