Va­li­gi, l’oc­chio di Mim­mo: «Pa­gai il pa­ra­go­ne a Fal­cao ma ades­so con­ta il Chie­vo»

Corriere di Verona - - SPORT -

Il cal­cio che gli pia­ce: «Quel­lo di chi pro­va a con­trol­la­re il gio­co, pur con­scio di co­me po­co pos­ses­so e mol­ta ver­ti­ca­li­tà sia­no val­si il Mon­dia­le al­la Fran­cia». Il cal­cio ita­lia­no: «In cre­sci­ta sul pia­no pro­po­si­ti­vo, sen­za pe­rò es­se­re an­co­ra al li­vel­lo dell’este­ro». Il cal­cio che fa­rà il Chie­vo nel gi­ro­ne di ri­tor­no: «Cer­che­re­mo di re­cu­pe­ra­re pal­la più al­ti, le “tran­si­zio­ni” so­no og­gi la prin­ci­pa­le sor­gen­te di gol».

Die­tro Mim­mo Di Car­lo c’è Clau­dio Va­li­gi, um­bro di De­ru­ta, 56 an­ni. Brac­cio de­stro che guar­da, ascol­ta, sug­ge­ri­sce. Leg­ge­si: vi­ce. «C’era­va­mo co­no­sciu­ti a Man­to­va, io al­le­na­vo la Pri­ma­ve­ra, Di Car­lo la pri­ma squa­dra. La­vo­ria­mo in­sie­me dal 2014, al­lo Spe­zia. Mi pia­ce la men­ta­li­tà che pas­sa al­le sue squa­dre: non esi­ste con­di­zio­ne che vie­ti di pro­va­re a vin­ce­re». Due me­si fa, tor­nan­do a Ve­ro­nel­lo, Di Car­lo (che aspet­ta rin­for­zi dal mer­ca­to, men­tre Obi po­treb­be an­da­re ai tur­chi dell’An­ta­lya­spor e Cac­cia­to­re pia­ce a Bo­lo­gna, Spal, Em­po­li e Ca­glia­ri) pre­sen­ta­va lo staff par­ten­do da lui e di­ce­va: «Con me c’è Va­li­gi, che ha pu­re vin­to uno scu­det­to». Era il 1983, Ro­ma, ma­glia gial­lo­ros­sa (sa­reb­be­ro se­gui­te Pe­ru­gia, Pa­do­va, Mes­si­na, Man­to­va), Lie­d­holm in pan­chi­na e Vio­la pre­si­den­te. «Par­ti­vo da ri­ser­va dei cen­tro­cam­pi­sti, Fal­cao, Pro­ha­ska, An­ce­lot­ti. Di na­tu­ra re­gi­sta, re­si­sten­te, buo­na tecnica. Gio­cai 13 par­ti­te. La gran­de av­ver­sa­ria era la Ju­ven­tus, cioè di fat­to la Na­zio­na­le di Spa­gna 1982, con quel si­gno­re fuo­ri e den­tro il cam­po di Sci­rea: ti sof­fia­va pal­la sen­za nem­me­no sfio­rar­ti. Ero cir­con­da­to da cam­pio­ni, da Fal­cao, uo­mo ovun­que e 200 pas­sag­gi a par­ti­ta sen­za sba­glia­re, a Con­ti, Pruz­zo, Di Bar­to­lo­mei, Tan­cre­di, Vier­cho­wod... L’ul­ti­mo scu­det­to ri­sa­li­va al 1942: per me­si, a Ro­ma, fu­ro­no gial­lo­ros­se an­che le stri­sce pe­do­na­li».

Giu­rò Lie­d­holm: Va­li­gi è l’ere­de di Fal­cao. «Fin­ché ero nel­la sua Ro­ma quell’eti­chet­ta non fu un pro­ble­ma. Di­ven­tò un pe­so quan­do pas­sai al Pe­ru­gia. Trop­pe aspet­ta­ti­ve. Le stes­se che spes­so su­bi­sco­no mol­ti gio­va­ni cal­cia­to­ri d’og­gi: due par­ti­te e di­ven­ta­no fe­no­me­ni». Di Car­lo, ades­so, de­ve aiu­ta­re il Chie­vo a re­sta­re in A — ie­ri 8-0 nel te­st con il Ro­ve­re­to, squa­dra di Pro­mo­zio­ne, mo­du­lo 3-4-1-2, in cam­po Frey, in gol Pel­lis­sier poi tri­plet­ta di Ste­pin­ski e dop­piet­te di Meg­gio­ri­ni e Gru­bac — e Va­li­gi, guar­dan­do al gi­ro­ne di ri­tor­no, pen­sa a ciò che di buo­no si può trar­re dal gi­ro­ne d’an­da­ta. In­tan­to, in un cer­to sen­so, il peg­gio è pas­sa­to: «Dif­fi­col­tà ne tro­ve­re­mo —am­met­te — ma il pe­rio­do in cui nien­te an­da­va co­me do­ve­va an­da­re è or­mai al­le spal­le, al gi­ro­ne di ri­tor­no ci ar­ri­via­mo con un no­stro slan­cio. Sia­mo quel­li che in­se­guo­no e po­trem­mo tro­var­ci ad ave­re più spin­ta di chi do­ves­se far­si rag­giun­ge­re». E poi ci so­no quei pa­reg­gi il­lu­stri con In­ter e La­zio: «Se og­gi di­cia­mo che pos­sia­mo gio­car­ce­la con tut­te è per­ché ce lo di­ce l’espe­rien­za».

Su­per­fluo di­re che il Chie­vo idea­le di Di Car­lo e Va­li­gi, in ca­sa del­la Ju­ve, lu­ne­dì 21 gen­na­io, an­drà a bus­sa­re sen­za un gram­mo di pau­ra.

In pan­chi­na Clau­dio Va­li­gi, sul­la si­ni­stra, in­sie­me al tec­ni­co Mim­mo Di Car­lo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.