Pal­lon­ci­ni e i co­ri dei ti­fo­si per Elia

A La­va­gno i fu­ne­ra­li dell’un­di­cen­ne. I com­pa­gni: «Ci hai in­se­gna­to a es­se­re for­ti»

Corriere di Verona - - DA PRIMA PAGINA - En­ri­co Pre­saz­zi © RIPRODUZIONE RISERVATA

È sta­to il gior­no del LA­VA­GNO lut­to cit­ta­di­no, ie­ri a La­va­gno. Il gior­no dell’ad­dio a Elia Riz­zot­ti, il bim­bo di 11 an­ni mor­to lu­ne­dì scor­so do­po un ri­co­ve­ro in Te­ra­pia In­ten­si­va a se­gui­to di quel­la che ini­zial­men­te era sem­bra­ta una co­mu­ne in­fluen­za. La chiesa di San Pie­tro era già col­ma un’ora pri­ma che la ba­ra bian­ca co­per­ta di fio­ri gial­li e vio­la fa­ces­se la sua com­par­sa sul sa­gra­to, se­gui­ta dai ge­ni­to­ri Tho­mas e Clau­dia, e dal fra­tel­lo più gran­de Mat­tia.

Ban­die­re li­sta­te a lut­to sul­le fac­cia­te del­le scuo­le e del mu­ni­ci­pio. Ser­ran­de ab­bas­sa­te in tut­ti i ne­go­zi. È sta­to il gior­no del lut­to cit­ta­di­no, ie­ri a La­va­gno. Il gior­no dell’ad­dio a Elia Riz­zot­ti, il bim­bo di 11 an­ni mor­to lu­ne­dì scor­so do­po un ri­co­ve­ro in Te­ra­pia In­ten­si­va a se­gui­to di quel­la che ini­zial­men­te era sem­bra­ta una co­mu­ne in­fluen­za. La chiesa di San Pie­tro era già col­ma un’ora pri­ma che la ba­ra bian­ca co­per­ta di fio­ri gial­li e vio­la fa­ces­se la sua com­par­sa sul sa­gra­to, se­gui­ta dai ge­ni­to­ri Tho­mas e Clau­dia, e dal fra­tel­lo più gran­de Mat­tia.

So­pra, la ma­glia dell’Hel­las bian­ca, con gli au­to­gra­fi di tut­ti i cal­cia­to­ri, e una sciar­pa gial­lo­blù. Dif­fi­ci­le trat­te­ne­re le la­cri­me per le mi­glia­ia di per­so­ne pre­sen­ti. La pic­co­la chiesa non è riu­sci­ta a con­te­ner­le tut­te e a cen­ti­na­ia so­no ri­ma­ste all’ester­no, in si­len­zio. Den­tro, ri­co­no­sci­bi­li nel­le lo­ro di­vi­se blu, i com­pa­gni di cal­cio di Elia, quel­li del Co­lo­gno­la ai Colli. E poi i com­pa­gni di clas­se, la pri­ma E dell’Isti­tu­to Don Mi­la­ni di La­va­gno, quel­li del ca­te­chi­smo di Va­go e i lo­ro in­se­gnan­ti. «Lo di­ce­va sem­pre a tut­ti, “ba­sta es­se­re tri­sti”. Elia ci ri­chia­ma­va ogni gior­no al­la re­spon­sa­bi­li­tà del­la gio­ia» ha det­to dall’al­ta­re don Paolo Pa­set­to che ha ce­le­bra­to il ri­to in­sie­me a mol­ti al­tri sa­cer­do­ti. «Sa­ba­to, al­le 15, c’era l’ap­pun­ta­men­to con la par­ti­ta ed Elia non voleva mai man­ca­re ha pro­se­gui­to il sa­cer­do­te ri­vol­gen­do­si in par­ti­co­la­re ai tan­ti ra­gaz­zi­ni pre­sen­ti -. Ma og­gi gio­chia­mo una nuo­va par­ti­ta a cuo­re aper­to, ci vuo­le co­rag­gio. An­che Elia con­ti- nua a gio­ca­re, non è an­da­to in panchina: la vi­ta di Elia con­ti­nua in ognu­no di noi».

E ha poi ri­cor­da­to il gran­de ge­sto di ge­ne­ro­si­tà dei ge­ni­to­ri che han­no vo­lu­to do­na­re le cor­nee: «È una co­sa splen­di­da, per­ché Elia og­gi è qui per far­ci cam­bia­re il no­stro sguar­do sul mon­do, fa­cen­do­ci tor­na­re un po’ bam­bi­ni». Bam­bi­ni co­me i suoi com­pa­gni di clas­se che si so­no al­ter­na­ti all’al­ta­re per leg­ge­re una let­te­ra pre­pa­ra­ta nei gior­ni scor­si: «Ci hai in­se­gna­to a es­se­re for­ti e uni­ti, eri il fra­tel­li­no, la no­stra ma­scot­te. E sa­rai sem­pre nel no­stro cuo­re. È suc­ces­so tut­to co­sì ve­lo­ce­men­te, non ab­bia­mo nem­me­no avu­to il tem­po di sa­lu­tar­ti. Sei sem­pre sta­to ca­pa­ce di ri­sol­le­va­re il mo­ra­le a tut­ti con le tue fac­ce buf­fe e le tue fra­si di­ver­ten­ti. Il tuo po­sto, non lo pren­de­rà nes­su­no. Ci man­chi tan­to, ti amia­mo Elia».

Poi han­no si­ste­ma­to sul­la ba­ra la ma­gliet­ta che il lo­ro ami­co avreb­be in­dos­sa­to per il pros­si­mo tor­neo di pal­la pri­gio­nie­ra. E lo sguar­do di tut­ti i pre­sen­ti in chiesa che an­da­va a po­sar­si sul­la fo­to­gra­fia si­ste­ma­ta a fian­co dell’al­ta­re: il ciuf­fo bion­do, lo sguar­do vi­spo e il sor­ri­so con­ta­gio­so. La mae­stra Bar­ba­ra,

I com­pa­gni di clas­se Ci hai in­se­gna­to a es­se­re for­ti, eri un fra­tel­li­no

in­se­gnan­te al­le ele­men­ta­ri, si è ri­vol­ta a lui di­ret­ta­men­te: «Par­ti per un luo­go do­ve c’è so­lo pa­ce e cor­re­rai nel­le stra­de ce­le­sti». An­che un’in­se­gnan­te del­la scuo­la ma­ter­na ha vo­lu­to ri­cor­da­re i suoi pian­ti di­spe­ra­ti quan­do la mam­ma Clau­dia lo sa­lu­ta­va al mat­ti­no do­po aver­lo ac­com­pa­gna­to: «Pian­ge­va co­me un mat­to e mi man­da­va via, ma pian pia­no ha ini­zia­to ad ama­re la scuo­la e a vi­ver­la con la gio­ia del sor­ri­so. E an­che og­gi, ogni vol­ta che si pre­sen­ta un bim­bo che non vuo­le ri­ma­ne­re a scuo­la, io di­co ai suoi ge­ni­to­ri di non pre­oc­cu­par­si, che an­drà tut­to be­ne, per­ché c’è sta­to il ca­so di Elia. E co­sì mi sen­to di di­re an­che a voi - ha det­to ri­vol­gen­do­si a mam­ma Clau­dia e pa­pà Tho­mas -, che an­drà tut­to be­ne».

Il sin­da­co Si­mo­ne Al­bi e il suo vi­ce Da­vid Di Mi­che­le (in rap­pre­sen­tan­za del­la Pro­vin­cia) han­no ri­cor­da­to quel «bam­bi­no spe­cia­le» e por­to le con­do­glian­ze a no­me dell’am­mi­ni­stra­zio­ne. Poi la ba­ra, ac­com­pa­gna­ta da­gli ap­plau­si di tut­ti i pre­sen­ti, è usci­ta dal­la chiesa. E lì so­no sta­ti i ti­fo­si dell’Hel­las a in­to­na­re i co­ri con le brac­cia al cie­lo. Se­gui­ti poi dal­le vo­ci ti­mi­de dei com­pa­gni di scuo­la: «Elia, Elia, Elia». Men­tre i pal­lon­ci­ni bian­chi e gial­lo­blù vo­la­va­no in cie­lo.

L’ad­dio Il do­lo­re dei ge­ni­to­ri e le cen­ti­na­ia di per­so­ne al fu­ne­ra­le di Elia

(Fo­to Sar­to­ri)

L’ad­dioA La­va­gno si so­no svol­ti i fu­ne­ra­li di Elia Riz­zot­ti, il bam­bi­no di 11 mor­to pro­ba­bil­men­te per una mio­car­di­te. Al­le ese­quie ha par­te­ci­pa­to mol­tis­si­ma gen­te, che è an­che ri­ma­sta fuo­ri dal­la chiesa

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.