Og­gi si eleg­ge Pa­pà del Gno­co «Non im­por­ta per chi, ma vo­ta­te»

Seg­gi aper­ti dal­le 8 al­le 13. I due can­di­da­ti: «Una gior­na­ta di gio­ia»

Corriere di Verona - - CRONACA VERONA - An­gio­la Pe­tro­nio

Nean­che il tem­po di VE­RO­NA smal­ti­re San­re­mo e toc­ca già vo­ta­re un’al­tra vol­ta. Del re­sto fun­zio­na co­sì, nei «wee­kend elet­to­ra­li». E qui si par­la, una vol­ta tan­to, di ele­zio­ni se­rie. So­no sta­te stam­pa­te nien­te­po­po­di­me­no che die­ci­mi­la sche­de, per la tor­na­ta elet­ti­va che og­gi in­co­ro­ne­rà il ve­ro Si­re di Ve­ro­na. Quel Pa­pà del Gno­co che co­me nes­sun al­tro è l’am­ba­scia­to­re del­la «ve­ro­ne­si­tà». E del Car­ne­va­le.

L’ap­pun­ta­men­to, nean­che a dir­lo, è a San Ze­no. Ba­sta es­se­re mag­gio­ren­ni, por­ta­re con sé un do­cu­men­to d’iden­ti­tà e dal­le 8 al­le 13 si po­trà par­te­ci­pa­re al­la più sen­ti­ta ele­zio­ne cit­ta­di­na. Quel­la che da­rà il via al 489esi­mo Ba­ca­nal del Gno­co. Si av­vi­ci­na al­la boa dei cin­que se­co­li, il car­ne­va­le sca­li­ge­ro. E que­sta edi­zio­ne si pro­spet­ta da re­cord. Se non al­tro per l’at­te­so nu­me­ro di vo­tan­ti.

A tra­di­re l’ot­ti­mi­smo de­gli or­ga­niz­za­to­ri quel­la mol­ti­tu­di­ne di sche­de stam­pa­te di cui, so­li­ta­men­te, ne vie­ne uti­liz­za­ta la me­tà. E sul­le qua­li la scel­ta si espri­me­rà al­quan­to fa­cil­men­te. O 1. O 2. Do­ve 1 sta per Se­ba­stia­no «Fox» Ri­dol­fi, 36 an­ni, ma­na­ger azien­da­le e at­ti­vi­sta Lgbt. E 2 per Fran­ce­sco «Franz» Gam­ba­le, 47 an­ni, ca­me­ra­man di Te­leA­re­na.

A dif­fe­ren­za di al­tre ele­zio­ni, per qual­cu­no (ma non per tut­ti) più «al­ti­so­nan­ti», per quel­la del Pa­pà del Gno­co non ci sa­ran­no exit poll. Ma so­lo chiac­chie­ric­cio e vo­ti strap­pa­ti a suon di go­ti, gnoc­chi e mi­ne­stro­ne. E, so­prat­tut­to, non ci sa­rà quel «si­len­zio pre elet­to­ra­le» che ren­de me­ste le ore pri­ma del ver­det­to.

Sa­rà cam­pa­gna elet­to­ra­le fin da­van­ti al­le ur­ne, og­gi a San Ze­no. Per una com­pe­ti­zio­ne che mai, co­me ne­gli ul­ti­mi an­ni, si gio­ca sul fi­lo dell’ul­ti­ma sche­da. Due «de­but­tan­ti» del Car­ne­va­le, Fox e Franz. Che dai pri­mi di gen­na­io all’ora di pran­zo di og­gi si so­no sfi­da­ti a suon di comparsate, edit­ti, mes­sag­gi e slo­gan riu­scen­do a scan­sa­re la de­ri­va po­li­ti­ca che qual­cu­no ha pro­va­to a da­re al Ba­ca­nal. Due, il Fox e il Franz che una pic­co­la gran­de le­zio­ne a mol­ti l’han­no già da­ta. Quel­la del ri­spet­to re­ci­pro­co. Era­no a far co­la­zio­ne in­sie­me an­che ie­ri mat­ti­na i due de­but­tan­ti. E - guar­da ca­so an­che qui che di­ver­si­tà con le ele­zio­ni «rea­li» - il lo­ro ap­pel­lo al vo­to è tut­to, tran­ne che un ap­pel­lo per se stes­si.

Quin­di, in ri­go­ro­sa se­quen­za nu­me­ri­ca, Fox spie­ga che «la mia “sol­le­ci­ta­zio­ne” è quel­la di sfi­da­re il Mo­bi­li­ty Day e di ve­ni­re a di­ver­ti­sti con noi» e Franz che «do­ma­ni (og­gi per chi leg­ge, ndr) l’uni­ca co­sa im­por­tan­te sa­rà di­ver­tir­si». In­tan­to per far­lo bi­so­gna ar­ri­va­re in piaz­za San Ze­no.

E con il bloc­co - che giu­sto giu­sto ca­de a fa­gio­lo con l’even­to elet­to­ra­le più im­por­tan­te dell’an­no - non sa­rà esat­ta­men­te una pas­seg­gia­ta. An­zi. Per mol­ti sa­rà pro­prio quel­lo. Per­ché le au­to nean­che di sfro­so si pos­so­no av­vi­ci­na­re al cuo­re del Car­ne­va­le. I più in­tra­pren­den­ti po­tran­no ten­ta­re la for­tu­na cer­can­do un par­cheg­gio, tra i 300 po­sti au­to gra­tui­ti, all’ex ca­ser­ma Ri­va di Vil­la­san­ta. Ma vi­sta la fiu­ma­na di gen­te che è at­te­sa in piaz­za, se non si è esat­ta­men­te dei Ga­sto­ne Pa­pe­ro­ne è me­glio pen­sa­re ai mez­zi pub­bli­ci o a un sa­no sgam­bet­ta­men­to. Tant’è. «Sa­rò da­van­ti al­la por­ta del seg­gio e strin­ge­rò le ma­ni una a una», pro­met­te Franz. Con Fox - che di­co­no sa­rà “aiu­ta­to” an­che da pull­man pro­ve­nien­ti da fuo­ri cit­tà, da «ospi­ti a sor­pre­sa» e che ie­ri ha in­cas­sa­to il so­ste­gno an­che di Stuart Milk, pre­si­den­te del­la Har­vey Milk Foun­da­tion - che rac­con­ta di co­me «so­no con­ten­to di es­se­re ar­ri­va­to co­sì al­la sfi­da fi­na­le con Franz. Sen­za per­de­re mai il ri­spet­to e il fair play che c’è sta­to tra di noi. Cre­do sa­rà un con­fron­to che re­ste­rà nel­la sto­ria del Ba­ca­nal».

E, in ef­fet­ti, que­ste so­no le aspet­ta­ti­ve. Per­ché an­che il co­mi­ta­to elet­to­ra­le del Franz sta muo­ven­do le sue pe­di­ne per por­ta­re più gen­te pos­si­bi­le al vo­to. «L’uni­ca co­sa im­por­tan­te - di­ce lui - è che la gen­te si por­ti la car­ta d’iden­ti­tà per vo­ta­re e che si di­ver­ta. Per il re­sto con Fox il ri­spet­to è re­ci­pro­co. Tra i due a sbi­lan­ciar­si è Fox: «Fi­no a qual­che gior­no fa ero con­vin­to di per­de­re, ades­so co­min­cio a non es­ser­ne co­sì si­cu­ro...». Men­tre Franz gio­ca di ca­ba­la, che il 2 mi­ca l’ha scel­to a ca­so. «L’ho pro­prio vo­lu­to. È quel­lo del can­di­da­to che ha qua­si sem­pre per­so, ma­ga­ri sta vol­ta...». A sto pun­to non re­sta che di­re il clas­si­co «Vin­ca il mi­glio­re», ri­por­tan­do una ri­fles­sio­ne di Gam­ba­le: «A dif­fe­ren­za che nel­la po­li­ti­ca, in que­ste ele­zio­ni nes­su­no è ve­nu­to da me pen­san­do che io po­tes­si dar­gli qual­co­sa. Pa­pà del Gno­co mi­ca ag­giu­sta i mar­cia­pie­di o ti si­ste­ma la stra­da.. L’uni­ca co­sa che mi è sta­ta chie­sta è sta­to un sor­ri­so...». E sta a ve­de­re che il Car­ne­va­le po­treb­be ispi­ra­re an­che la po­li­ti­ca...

Fox Sfi­da­te il bloc­co del­le au­to e ve­ni­te a di­ver­tir­vi con noi

Franz

Og­gi ini­zia il Car­ne­va­le di Ve­ro­na, tut­to il re­sto è pas­sa­to

Duel­loDa si­ni­stra, Fran­ce­sco «Franz» Gam­ba­le e Se­ba­stia­no «Fox» Ri­dol­fi che og­gi si sfi­de­ran­no per l’ele­zio­ne di Pa­pà del Gno­co

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.