Corriere di Verona

Fumata nera tra Sboarina e sindacati

-

(l.a.) Incontro senza esiti rilevanti, a palazzo Barbieri, tra i vertici di Cgil, Cisl e Uil ed il sindaco Federico Sboarina. In discussion­e il futuro di Agsm e Amia, ma non avendo rilevato novità, i sindacati hanno avviato la procedura prevista per indire lo stato di agitazione, mossa che può preludere anche a un futuro sciopero. L’incontro col sindaco ha avuto un avvìo nervosissi­mo, perché a Sboarina non era ancora passata la feroce arrabbiatu­ra causata dal mancato incontro di lunedì (rinviato dalla segreteria del sindaco per una visita medica, visita di cui i sindacati avevano messo in dubbio l’esistenza). Superato questo scontro iniziale (a tratti con toni altissimi) si è entrati nel merito. Sboarina ha promesso che ci saranno consultazi­oni più frequenti, ma ha aggiunto che su temi come il passaggio di 15 dipendenti da Amia ad Agsm la competenza è solo dell’azienda e con essa si deve parlare. Insoddisfa­tti i sindacati. Per Lucia Perina (Uil) «non sono arrivate risposte concrete», mentre per Stefano Facci (Cgil) «al di là dei 15 trasferime­nti ci sono temi fondamenta­li, come l’integrazio­ne AgsmAim o il deficit di Amia, su cui occorrereb­be un confronto». È stata quindi avviata la «procedura di raffreddam­ento» che impone, per i dipendenti pubblici, una fase di mediazione in extremis per evitare, se possibile, lo sciopero.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy