Se­rie C Vi­ter­be­se, avan­ti (mol­to) ada­gio

A Pi­sto­ia ter­zo ri­sul­ta­to di fi­la sen­za vit­to­rie, mar­te­dì il re­cu­pe­ro con il Pia­cen­za

Corriere di Viterbo - - Sport - Clau­dio Di Marco

▶ VI­TER­BO

An­che l’ul­ti­ma par­ti­ta pri­ma di Pa­squa è cor­sa via. Sen­za sus­sul­ti, sen­za ac­cor­ger­si più di quan­to che era­no cam­bia­te co­se im­por­tan­te al­la gui­da tec­ni­ca gial­lo­blù. MO­DI­FI­CHE Chi si aspet­ta­va tan­te mo­di­fi­che è ri­ma­sto de­lu­so, chi si at­ten­de­va il tan­dem of­fen­si­vo, lo stes­so, vi­sto che il nuo­vo al­le­na­to­re ha toc­ca­to po­co o nul­la ri­spet­to a quell’un­di­ci che ave­va gio­ca­to ul­ti­ma­men­te, al net­to de­gli in­for­tu­ni. Una co­sa pre­vi­sta da mol­ti è sta­to Bi­smark in cam­po dall’ini­zio, an­che se nel primo tem­po il co­lo­red si è vi­sto po­co, nell’am­bi­to di una ga­ra ab­ba­stan­za bloc­ca­ta, in cui le due squa­dre si so­no equi­val­se e han­no pun­ta­to due o tre vol­te ver­so i por­tie­ri av­ver­sa­ri sen­za par­ti­co­la­ri pe­ri­co­li. De Vi­to è sta­ta l’uni­ca ve­ra no- vi­tà - ol­tre che la sor­pre­sa - del­la Vi­ter­be­se del nuo­vo Gian­ni­ched­da, che ha ri­mes­so in cam­po il ter­zi­no ex Mi­lan, sen­za ri­cor­re­re a va­ria­zio­ni sul te­ma, quel­lo, ad esem­pio di un Si­ni la­te­ra­le e di un Ata­na­sov ri­mes­so in mez­zo in­sie­me a Ri­nal­di. Per il Bul­ga­ro, che scal­pi­ta­va, pro­ba­bil­men­te ci sa­rà da at­ten­de­re an­co­ra. Per il re­sto si è ri­vi­sto il tri­den­te of­fen­si­vo, che ha in­ci­so li­mi­ta­ta­men­te, se si pen­sa che le uni­che ve­re oc­ca­sio­ni da gol le ha avu­te Bal­das­sin nel se­con­do tem­po.

IAN­NA­RIL­LI Una fra­zio­ne di ga­ra in cui la Vi­ter­be­se ha sof­fer­to un po’ a con­te­ne­re una Pi­sto­ie­se pro­po­si­ti­va, che si è av­vi­ci­na­ta pe­ri­co­lo­sa­men­te più vol­ta al­la por­ta di Ian­na­ril­li, tor­na­to al­le sue so­li­te "pa­ra­to­ne": al ter­zo ten­ta­ti­vo de­gli avan­ti aran­cio­ni si è con­fi­gu­ra­to ad­di­rit­tu- ra il ... mi­ra­co­lo!

Evi­den­te è sta­ta la su­pe­rio­ri­tà del­la Pi­sto­ie­se nell’ul­ti­ma mez­zo­ra, an­che se il con­tro­pie­de del­la Vi­ter­be­se è sto­ri­ca­men­te va­li­do, sca­te­na­to in un pa­io di oc­ca­sio­ni da Cal­de­ri­ni e con fi­na­liz­za­to­re di tur­no, co­me det­to, Bal­das­sin, ri­ma­sto all’asciut­to. Il re­sto è sta­ta tan­ta di­fe­sa, ol­tre a Ian­na­ril­li. Ri­nal­di roc­cio­so, che ha esul­ta­to co­me aves­se fat­to un gol, quan­do ha sal­va­to l’in­te­ra di­fe­sa, su una pe­ri­co­lo­sis­si­ma oc­ca­sio­ne dei pa­dro­ni di ca­sa. Ian­na­ril­li e Ri­nal­di so­no sta­ti l’ico­na di una Vi­ter­be­se che ha por­ta­to via un pun­to da Pi­sto­ia, ma che non ha fat­to di cer­to una grande ga­ra, con più di un ele­men­to giù di cor­da e qual­cun al­tro trop­po le­sto a pro­te­sta­re con l’ar­bi­tro.

CA­LEN­DA­RIO Il ca­len­da­rio ri­ma­ne fit­tis­si­mo: mar­te­dì pros­si­mo c’è già in pro­gram­ma il re­cu­pe­ro di cam­pio­na­to con il Pia­cen­za al­la Pa­laz­zi­na.

Un tur­no im­por­tan­te per ve­ri­fi­ca­re da par­te del nuo­vo al­le­na­to­re le in­di­ca­zio­ni emer­se dal suo de­but­to e per ca­pi­re se si ve­drà mag­gior­men­te la sua ma­no o se aspet­te­rà il re­cu­pe­ro, ad esem­pio di Jef­fer­son e De Sou­sa per va­ra­re quel mo­du­lo che lui stas­so ha det­to es­ser­gli con­ge­nia­le. ◀

PRO­TA­GO­NI­STA TRA I PA­LI L’estre­mo An­tho­ny Ian­na­ril­li a Pi­sto­ia è tor­na­to al­le sue so­li­te pre­sta­zio­ni su­per­la­ti­ve er­gen­do­si a pro­ta­go­ni­sta con­tro gli aran­cio­ni e neu­tra­liz­zan­do di­ver­se oc­ca­sio­ni, un pa­io del­le qua­li ad­di­rit­tu­ra in mo­do mi­ra­co­lo­so

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.