Osta­co­lo Mi­lan Ma la Ju­ven­tus de­ve vin­ce­re

Chiel­li­ni sa­rà in cam­po, Cua­dra­do in pan­chi­na Tra i ros­so­ne­ri tor­na­no Ro­ma­gno­li e Ca­la­bria

Corriere di Viterbo - - Sport - Di Ja­co­po Bar­ba­ri­to

▶ TO­RI­NO - “Pen­sia­mo so­lo al cam­pio­na­to e al Mi­lan”. Con que­sto man­tra Al­le­gri ha pre­sen­ta­to la sfi­da di que­sta se­ra all’Al­lianz Sta­dium tra Ju­ven­tus e Mi­lan, che apre il tour de for­ce dei bian­co­ne­ri, chia­ma­ti a gio­ca­re qua­si ogni tre gior­ni fi­no a fi­ne mag­gio, tra cam­pio­na­to, Cham­pions Lea­gue e Cop­pa Ita­lia. “Sia­mo an­co­ra ar­rab­bia­ti per i pun­ti per­si a Fer­ra­ra, ci sia­mo gio­ca­ti un bo­nus. Do­ma­ni (ie­ri, c’è il Mi­lan che ha vin­to le ul­ti­me 5 par­ti­te e co­mun­que è sem­pre il Mi­lan. So­lo do­po pen­se­re­mo al Real Ma­drid, chi vuol ca­pi­re ca­pi­sca: in­sie­me al Bar­cel­lo­na è la squa­dra più for­te al mon­do, va vis­su­ta co­me sfi­da mon­dia­le. Ma l’obiet­ti­vo è il cam­pio­na­to”, ha spie­ga­to Al­le­gri. “Il pre­sen­te è ora e do­ma­ni gio­ca­no i mi­glio­ri”, ha as­si­cu­ra­to Al­le­gri. “Ri­schia­mo di gio­ca­re a -1, il cam­pio­na­to è lun­go e il Na­po­li ha so­lo un obiet­ti­vo. È fuo­ri da tut­to e cre­do che sia un an­no trop­po im­por­tan­te per loro per­ché san­no an­che loro che il pros­si­mo an­no sa­rà dif­fi­ci­le”. Tra le buo­ne no­ti­zie c’è la to­ta­le di­spo­ni­bi­li­tà di Chiel­li­ni e il re­cu­pe­ro di Cua­dra­do, che an­drà in pan­chi­na. “Pian pia­no li re­cu­pe­ria­mo tut­ti”, ha scher­za­to Al­le­gri. Ju­ven­tus-Mi­lan sa­rà an­che la pri­ma vol­ta di Bo­nuc­ci da av­ver­sa­rio do­po l’ad­dio. Una sto­ria com­men­ta­ta co­sì da Al­le­gri al­la vi­gi­lia: “Per lui sa­rà una se­ra­ta spe­cia­le, ha da­to tan­to al­la Ju­ve e la Ju­ve ha da­to tan­to a lui. Ha fat­to una scel­ta co­me è giu­sto che fac­cia un pro­fes­sio­ni­sta. Si­cu­ra­men­te è ri­ma­sto nel cuo­re dei ti­fo­si, è mol­to le­ga­to a Buf­fon, Bar­za­gli e Chiel­li­ni. All’ini­zio - ha pro­se­gui­to il tec­ni­co bian­co­ne­ro - quan­do è par­ti­to sem­bra­va che la di­fe­sa del­la Ju­ve si fos­se in­de­bo­li­ta, nor­ma­le per­ché ave­va da­to tan­to ne- gli equi­li­bri di una di­fe­sa mol­to col­lau­da­ta. Poi son cre­sciu­ti mol­to Be­na­tia e Ru­ga­ni, ad esem­pio”. “Ran­co­re non ce n’è - ha as­si­cu­ra­to Al­le­gri - l’epi­so­dio di Por­to era una de­ci­sio­ne pre­sa per il be­ne suo e del­la squa­dra. De­ci­sio­ne pon­de­ra­ta, giu­sta, poi è rien­tra­to su­bi­to e ha fat­to mol­to be­ne. Ran­co­ri non ci de­vo­no es­se­re, con Leo ho unot­ti­mo rap­por­to e poi lui ha pre­so de­ci­sio­ne di­ver­sa che sin­ce­ra­men­te non mi aspet­ta­vo ma è sta­ta ri­spet­ta­ta dal­la so­cie­tà”. Nel Mi­lan tor­na­no Ro­ma­gno­li e Ca­la­bria e Gat­tu­so è fi­du­cio­so: “Ci vo­le­va que­sta so­sta, spe­ria­mo di fa­re il ru­sh fi­na­le co­me ab­bia­mo fat­to que­sti ul­ti­mi due me­si. Se ve­dia- mo i nu­me­ri non c’è sto­ria. Dob­bia­mo pre­pa­ra­re que­sta par­ti­ta sa­pen­do che è gran­dis­si­ma squa­dra, che da 6 an­ni è im­bat­ti­bi­le. Sa­rà dif­fi­ci­le ma so­no si­cu­ro che fa­re­mo una gran­dis­si­ma par­ti­ta, dob­bia­mo met­te­re da par­te i nu­me­ri e fa­re di tut­to per fa­re buo­na ga­ra e - ha ag­giun­to - met­te­re in dif­fi­col­tà la Ju­ven­tus”. ◀

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.