Vi­ter­be­se sot­to esa­me nel­la cop­pa c’è il fu­tu­ro

CAL­CIO Se­rie C Con­to al­la ro­ve­scia ver­so Ales­san­dria

Corriere di Viterbo - - Da Prima Pagina - Di Clau­dio Di Marco

▶ VI­TER­BO La Vi­ter­be­se ha un do­ve­re: pen­sa­re so­lo all’Ales­san­dria! Al­me­no fi­no al 25 aprile, poi sui ve­drà! Per il mo­men­to, quin­di, c’è da ri­muo­ve­re le sco­rie del­la sconfitta di Cuneo, ma an­che dei ri­sul­ta­ti tutt’al­tro che po­si­ti­vi del­le ul­ti­me settimane, che han­no ri­schia­to di sciu­pa­re un­cam­mi­no as­sai bel­lo, quel­lo del­la stri­scia po­si­ti­va ini­zia­ta con l'ar­ri­vo di Sot­ti­li.

ALES­SAN­DRIA La Vi­ter­be­se ri­par­te da qui, con una set­ti­ma­na di tem­po a di­spo­si­zio­ne da de­di­ca­re esclu­si­va­men­te al­la par­ti­ta di Ales­san­dria, or­mai l’obiet­ti­vo prin­ci­pa­le, per­chè, ol­tre all’am­bì­to tro­feo, si­gni­fi­che­reb­be an­che una gri­glia play off ec­cel­len­te. Si ri­pren­de co­sì, a Grot­te di Ca­stro, si ri­pren­de dagli al­le­na­men­ti, dal fac­cia a fac­cia tra Ca­mil­li e Sot­ti­li, che sem­bra aver por­ta­to ai chia­ri­men­ti, pe­ral­tro nean­che co­sì scon- ta­ti, do­po quel­lo che era ac­ca­du­to a se­gui­to del­la sconfitta di Cuneo. Ri­ma­ne la pro­va in­co­lo­re dei gio­ca­to­ri, in ge­ne­ra­le, con pic­chi pre­oc­cu­pan­ti per una par­te di es­si. CA­MIL­LI A lo­ro Ca­mil­li - do­po aver “ri­spar­mia­to” l’al­le­na­to­re - non le ha man­da­te di cer­to a di­re. Può dar­si che lo ri­fa­rà di nuo­vo in mo­do­di­ret­to, ma non è quel­lo che con- ta: con­ta che que­sto grup­po, che pure, du­ran­te la stagione, è sta­to ca­pa­ce di fa­re - a trat­ti - co­se mol­to in­te­res­san­ti, si met­ta in te­sta che ha a di­spo­si­zio­ne due chan­ces in­cre­di­bi- li per il fi­ne stagione. Per la Vi­ter­be­se, ma an­che per lo­ro stes­si, per la pro­pria car­rie­ra! Ci sa­rà da la­vo­ra­re so­do. Per tutti, per lo staff, ma an­che per gli uo­mi­ni che si rac­cor­da- no con la so­cie­tà, per Min­guz­zi, tor­na­to al suo ruo­lo di ds, e di tutti gli al­tri, an­che quel­li che la­vo­ra­no ogni gior­no nell’om­bra. Ie­ri se­ra i gio­ca­to­ri han­no fat­to tutti ri­tor­no al­le pro­prie abi­ta­zio­ni, nell’Al­to La­zio, e sta­mat­ti­na sa­ran­no di nuo­vo sul ret­tan­go­lo del “Pa­ris”, per ini­zia­re una ful­li-mmer­sion che si esau­ri­rà so­lo mer­co­le­dì po­me­rig­gio. Con la spe­ran­za di ave­re an­che qual­che car­ta in più da gio­ca­re, in pri­mis un “as­so”, Jef­fer­son, l’at­tac­can­te più for­te che la Vi­ter­be­se pos­sie­de, uno di quel­li che pos­so­no de­ter­mi­na­re il ri­sul­ta­to, an­che ad Ales­san­dria.

Og­gi la ban­da Sot­ti­li si al­le­na a Grot­te e il tec­ni­co con­fi­da nel re­cu­pe­ro di Jeff

SO­GNO Pas­sa­re dal “Pa­ris” al “Moc­ca­gat­ta”, con un so­gno da col­ti­va­re, per quanto dif­fi­ci­le pos­sa es­se­re, può sem­bra­re dif­fi­ci­le, ma se la Vi­ter­be­se vor­rà an­co­ra da­re un sen­so al­la pro­pria stagione - e mol­ti dei gio­ca­to­ri spe­ra­re di es­ser­ci an­che il pros­si­mo an­no - va­le la pe­na di pro­var­ci! ◀

SOT­TO ESA­ME I gio­ca­to­ri del­la Vi­ter­be­se chia­ma­ti a ri­scat­ta­re le ul­ti­me de­lu­sio­ni dal­la fi­na­le di Ales­san­dria che ar­ri­ve­rà do­po il tur­no di ri­po­so in cam­pio­na­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.