Sull’iso­la dei fa­mo­si vin­ce la buo­na Ita­lia

Corriere di Viterbo - - Primo Piano - Di Mi­che­le Cu­cuz­za

▶Sor­pre­sa.

Il vin­ci­to­re de “L'iso­la dei fa­mo­si” su Ca­na­le 5 non è il bo­naz­zo di tur­no né la sco­no­sciu­ta che ur­la e sgo­mi­ta ma Ni­no For­mi­co­la, un tran­quil­lo 65en­ne col­to e sen­si­bi­le, il “Gaspare” ar­gu­to pro­ta­go­ni­sta per an­ni del­la scena ca­ba­ret­ti­sti­ca mi­la­ne­se in cop­pia con An­drea Bram­bil­la, lo “Zuz­zur­ro” che pur­trop­po ci ha la­scia­ti 5 an­ni fa. Per il nuo­vo tea­tro che è la tv ge­ne­ra­li­sta, quel­la che su­pe­ra di slan­cio i 4 mi­lio­ni di ascol­ta­to­ri a se­ra, in pre­va­len­za an­zia­ni e donne, è un col­po di scena: “un uo­mo schiet­to, in­tel­li­gen­te, sar­ca­sti­co, mai ba­na­le. Ni­no rap­pre­sen­ta la sim­pa­tia ge­nui­na, as­so­cia­ta a una men­te bril­lan­te”, lo in­co­ro­na­no i so­cial. Che non man­ca­no di sot­to­li­nea­re il ver­san­te “uma­ni­ta­rio” del suo suc­ces­so: “La vit­to­ria di #Ni­no è una ri­vin­ci­ta per tutti co­lo­ro che cre­do­no di non po­ter­si più rial­za­re do­po una ca­du­ta”, ri­fe­ren­do­si al fat­to che da qual­che tem­po il comico di ta­len­to era fi­ni­to nel co­no d'om­bra di co­lo­ro che non so­no più sul­la cre­sta dell'on­da: da un po' la televisione si era di fat­to di­men­ti­ca­ta di lui. “E' un pro­gram­ma stra­no, non ho mai fat­to una co­sa del ge­ne­re, so­no con­vin­to di non en­trar­ci nul­la”, ha spie­ga­to For­mi­co­la sor­pre­so pure lui, con i luc­ci­co­ni e le la­cri­me sul­le guan­ce men­tre ri­ve­de­va in un fil­ma­to di sin­te­si la sua av­ven­tu­ra sull'iso­la. Nel rin­cor­rer­si, non so­lo sul web, di spie­ga­zio­ni e in­ter­pre­ta­zio­ni del per­ché di que­sto suc­ces­so a sor­pre­sa, ec­co­ci pure noi: è il pre­mio all' Ita­lia buo­na, il ri­co­no­sci­men­to tri­bu­ta­to con il te­le­vo­to da un pae­se stu­fo di fur­bi­zie, ci­ni­smi, rab­bie e ran­co­ri. Mai For­mi­co­la si è la­scia­to an­da­re sull'iso­la a ur­la, ma­li­zie, ag­gres­si­vi­tà e ris­se ver­ba­li, sem­pre con­ci­lian­te, pa­ca­to, so­cie­vo­le. Det­to con il do­vu­to ri­spet­to per l'ac­co- sta­men­to, qual­co­sa che ri­cor­da la re­cen­te, sor­pren­den­te on­da­ta di lut­to ir­re­fre­na­bi­le per la mor­te pre­ma­tu­ra di Fa­bri­zio Friz­zi: vo­glia­mo be­ne ai migliori, a chi tie­ne drit­ta mal­gra­do tut­to la bar­ra del giu­sto com­por­ta­men­to so­cia­le, a chi è per­be­ne e non cambia, no­no­stan­te vi­si­bi­li­tà e suc­ces­so. C'è an­che l'al­tro la­to, na­tu­ral­men­te: pre­mia­re i 'buo­ni' con il te­le­co­man­do ci as­sol­ve in qual­che mo­do dal­la con­trad­di­zio­ne che ci at­tra­ver­sa, per la qua­le in tv non ci per­dia­mo né ris­se né sfan­cu­la­men­ti an­nes­si e non ri­nun­cia­mo a go­der­ci il fan­ta­sti­co pa­no­ra­ma che si sta- glia ol­tre il me­ta­fo­ri­co bu­co del­la ser­ra­tu­ra te­le­vi­si­va, fat­to di tra­di­men­ti e nuo­vi amo­raz­zi, esi­bi­zio­ni estre­me di “ri­fat­ti”, cor­pi mo­struo­si op­pu­re per­fet­ti, ex di­vi di­men­ti­ca­ti fi­ni­ti in mi­se­ria, mam­me felici di of­frir­si in at­te­sa all'obiet­ti­vo, pic­ci­ne­rie e su­per­fi­cia­li­tà dei di­vi non trop­po lon­ta­ne, al­me­no in que­sto, dal no­stro quo­ti­dia­no. Sem­pre snoc­cio­lan­do, co­me una gia­cu­la­to­ria, il “non se ne può più” di tur­no e pre­mian­do in­tan­to, per di­re, con un pub­bli­co da 6 mi­lio­ni, la giu­sti­zia giu­sta, e so­prat­tut­to im­man­ca­bi­le, di Montalbano. Co­me vor­rem­mo che fos­se. Sa­pen­do in­tan­to co­me van­no le co­se. Giu­sti e ret­ti sull'iso­la, co­sì co­sì toc­ca­ta ter­ra. ◀

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.