“Fio­ro­nia­ni e pa­nun­zia­ni? Due mon­di di­ver­si”

Il can­di­da­to del Pd Fran­ce­sco Ser­ra non spe­gne le po­le­mi­che. La Ciam­bel­la: “Apria­mo al­le ci­vi­che”

Corriere di Viterbo - - Viterbo - A.Q.

Per lei non è un duel­lo; per lui è la com­pe­ti­zio­ne tra due mon­di di­ver­si. Lei si scher­mi­sce die­tro al­la fa­se di ascol­to de­gli iscrit­ti, che han­no la li­ber­tà di in­di­ca­re chi vo­glio­no; per lui è o sin­da­co o nien­te. Per lei è ora di far­la fi­ni­ta con gli ap­pel­la­ti­vi tra fio­ro­nia­ni e pa­nun­zia­ni; per lui è sì una ba­na­liz­za­zio­ne di­vi­de­re il Pd pro­vin­cia­le in fio­ro­nia­ni e pa­nun­zia­ni, ma tant'è.

Lui è Fran­ce­sco Ser­ra; lei è Lui­sa Ciam­bel­la. So­no, al­lo sta­to at­tua­le, i due aspi­ran­ti can­di­da­ti sin­da­co del Pd al­le ele­zio­ni co­mu­na­li del 10 giu­gno.

“Nonc'è al­cu­no scon­tro tra me e Ser­ra. Non mi so­no can­di­da­ta a nul­la. Se qual­cu­no ha fat­to il mio nome so­no con­ten­ta, ma c'è una fa­se di ascol­to in at­to: dob­bia­mo re­ce­pi­re ciò che di­co­no gli iscrit­ti, non im­por­re lo­ro un re­fe­ren­dum”. In­som­ma, la vi­ce­sin­da­co smen­ti­sce che ci sia in at­to “un der­by” tra lei e lui. Anzi, di­ce ba­sta agli “ap­pel­la­ti­vi di fio­ro­nia­ni e pa­nun­zia­ni”. Af­fer­ma: “Vo­glia­mo proseguire il cam­mi­no di cam­bia­men­to del­la cit­tà, ag­giu­stan­do il ti­ro su quel­lo che non è sta­to fat­to be­ne. Ogni iscrit­to dev'es­se­re li­be­ro di di­re ciò che pen­sa, e an­che di sug­ge­ri­re even­tua­li can­di­da­ti ester­ni”. La vi­ce­sin­da­co esor­ta il Pd “ad aprir­si”, a “non ar­roc­car­si: sì al­le li­ste ci­vi­che e ai par­ti­ti che a li­vel­lo na­zio­na­le stan­no con il Pd”. Sul­la pos­si­bi­li­tà che le due ani­me del par­ti­to pos­sa­no riav­vi­ci­nar­si: “Ri­ten­go che ognu­no ten­ga a rap­pre­sen­ta­re al meglio il Pd e a sta­re in­sie­me. Vo­glia­mo co­strui­re una coa­li­zio­ne (Pd, ci­vi­ci e par­ti­ti ami­ci, ndr) e es­se­re com­pe­ti­ti­vi”. In quanto, “re­cu­pe­ra­re è pos­si­bi­le: sia­mo l’uni­co par­ti­to in cui c'è una rea­le dia­let­ti­ca. Cer­to, do­po la dia­let­ti­ca ci sta la sin­te­si”.

Se la Ciam­bel­la sce­glie il bas­so pro­fi­lo, Ser­ra non si na­scon­de: “So­no il can­di­da­to del­la mi­no­ran­za del par­ti­to. Spe­ro che al più pre­sto (tut­to di­pen­de dal­le li­tur­gie in­ter­ne) si co­no­sca il nome del can­di­da­to del­la mag­gio­ran­za, vi­sto che è co­sì dif­fi­ci­le sa­pe­re chi sia”. Di­ce che “non fa­rò più il con­si­glie­re: do­po quat­tro man­da­ti bi­so­gna sta­re a ca­sa”. Pen­sa si pos­sa ap­pia­na­re la frat­tu­ra fra le due ani­me del Pd? “Co­min­cia­no a es­se­re dei mon­di as­so­lu­ta­men­te di­ver­si. Nei me­to­di. Nei mo­di di pen­sa­re. An­che se la­vo­ro per cer­ca­re di riav­vi­ci­nar­li”. ◀

Can­di­da­to del­la mi­no­ran­za Fran­ce­sco Ser­ra

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.