L’uo­mo ros­so, con un ami­co a ca­sa Agnel­li

Ho chia­ma­to mio fi­glio Ce­sa­re in ono­re di mio pa­dre, brac­cian­te, co­mu­ni­sta e pic­chia­to­re di fa­sci­sti

Corriere Fiorentino - - Da Prima Pagina - di DA­VID AL­LE­GRAN­TI

Non fa­te­vi in­gan­na­re dal­la sua vo­ce mo­no­cor­de: quan­do par­la, co­mi­zio o in­ter­vi­sta che sia, En­ri­co Ros­si ha una vo­ce piat­ta e bas­sa, cer­te vol­te sem­bra per­fi­no ar­ran­chi, ep­pu­re il ti­po è fa­ci­le all’in­caz­za­tu­ra, e quan­do lo fa il to­no sa­le fi­no a lam­bi­re gli dei (e chis­sà, for­se le pre­sun­te in­ter­cet­ta­zio­ni bran­di­te da De­nis Ver­di­ni ci di­ran­no qual­co­sa di più). In Re­gio­ne ri­cor­da­no an­co­ra di una li­ti­ga­ta fra lui e il ca­po­grup­po pd, ex de­mo­cri­stia­no, Al­ber­to Mo­na­ci, sul­la no­mi­na del di­ret­to­re ge­ne­ra­le all’ospe­da­le le Scot­te di Sie­na. E co­me ha ri­co­no­sciu­to an­che il pre­si­den­te wal­ter­mon­dia­li­sta Clau­dio Mar­ti­ni un pa­io di me­si fa quan­do ci fu il pas­sag­gio di con­se­gne al Ci­breo, «En­ri­co è più to­sto e grin­to­so di me. Io so­no più pa­ca­to, do­po die­ci an­ni di zen ci vo­le­va uno co­me lui...». Ec­co, il neo­go­ver­na­to­re trop­po zen non è e for­se lui non fa­rà mai un as­ses­so­ra­to al per­do­no co­me il suo pre­de­ces­so­re. «È ca­par­bio e qual­che vol­ta ra­sen­ta qua­si la ti­gno­si­tà», ri­co­no­sce Mar­co Car­ra­re­si, ca­po­grup­po dell’Udc, uno abi­tua­to a far­lo in­fu­ria­re con le sue in­ter­ro­ga­zio­ni in Con­si­glio re­gio­na­le sul­la sa­ni­tà.

Quan­do nel 2000 sbar­cò in Re­gio­ne era fre­sco del­la sua espe­rien­za am­mi­ni­stra­ti­va a Pon­te­de­ra, do­ve ha fat­to l’as­ses­so­re e il sin­da­co, e do­ve tut­ti lo ri­cor­da­no con mol­to af­fet­to, so­prat­tut­to per aver sal­va­to la Piag­gio, che gra­zie al­la sua me­dia­zio­ne e al­la trat­ta­ti­va con Gio­van­ni­no Agnel­li, non fi­nì in Cam­pa­nia co­me la pro­prie­tà avreb­be vo­lu­to. Con una del­le pri­me in­ter­vi­ste da con­si­glie­re re­gio­na­le neoe­let­to nei Ds ( 16.248 pre­fe­ren­ze, pri­ma di di­ven­ta­re as­ses­so­re al­la sa­ni­tà) con­qui­stò il cuo­re di mol­ti com­pa­gni di par­ti­to che non lo co­no­sce­va­no, spie­gan­do a Re­pub­bli­ca co­me mai suo fi­glio si chia­mi Ce­sa­re: «In ono­re di suo non­no, brac­cian­te, co­mu­ni­sta e pic­chia­to­re di fa­sci­sti. L’aria che re­spi­ra­vo in ca­sa era que­sta, so­no fi­glio di un’ope­ra­ia e di un ca­mio­ni­sta. Cre­sciu­to in cam­pa­gna, a Bien­ti­na». An­zi, co­me gli pia­ce di­re, nel «pa­du­le di Bien­ti­na». Ros­si si pre­sen­tò co­sì ai to­sca­ni, e da quell’or­go­glio ope­ra­io non si è mai se­pa­ra­to. Non a ca­so un an­no fa al Tir­re­no dis­se che lui avreb­be vo­lu­to un Pd me­no pis­se­ro: «Non pos­sia­mo es­se­re la si­ni­stra dei fi­ghet­ti e dei sa­pu­tel­li, di quel­li che fan­no i ri­for­mi­sti sen­za mai con­fron­tar­si col po­po­lo, con i la­vo­ra­to­ri. La si­ni­stra non può chiu­der­si nei pa­laz­zi del po­te­re e smet­te­re di par­la­re di giu­sti­zia, di egua­glian­za e di pro­gres­so: se lo fa, che si­ni­stra è?». Nel Pd, so­prat­tut­to fra gli ex dies­si­ni, non gra­di­ro­no mol­to. In fon­do lui, for­se per di­mo­stra­re che non era co­sì fi­ghet­to da non spor­car­si un po’ le ma­ni pu­re con pa­dro­ni e pa­dron­ci­ni, av­viò la fa­mo­sa trat­ta­ti­va con Gio­van­ni­no Agnel­li, di cui poi di­ven­ne ami­co: «Era un im­pren­di­to­re di­ver­so da­gli al­tri — rac­con­tò qual­che an­no do­po — di for­ma­zio­ne ame­ri­ca­na, mol­to friend­ly, aper­to al con­fron­to. In­tel­li­gen­tis­si­mo, con lui era bel­lo di­scu­te­re an­che di po­li­ti­ca. Lo ri­cor­do co­me un in­du­stria­le il­lu­mi­na­to, ca­pa­ce di ave­re vi­sio­ni». A pro­po­si­to di Piag­gio, la Ve­spa lui non ce l’ave­va, sua ex mo­glie sì, ma un ca­pi­tom­bo­lo in un bur­ro­ne gli fe­ce pre­fe­ri­re la mac­chi­na. In ma­re in­ve­ce, che ama mol­to, da qual­che tem­po usa un goz­zo che tie­ne or­meg­gia­to nel por­to di Li­vor­no.

Il Cy­ber­scout Mat­teo Ren­zi ha di­chia­ra­to che il tem­po del­la con­cer­ta­zio­ne, co­sì com’è sem­pre sta­ta con­ce­pi­ta, è fi­ni­to, ma for­se Ros­si su que­sto ter­re­no lo su­pe­ra, fa­cen­do an­che me­no bac­ca­no, nel sen­so che lui pri­ma de­ci­de e poi con­cer­ta, co­me ha fat­to sul­la crea­zio­ne di li­sta uni­ca chi­rur­gi­ca e la ra­zio­na­liz­za­zio­ne dei me­di­ci di fa­mi­glia. In­som­ma, Ros­si è uno che sa trat­ta­re e sa an­che to­glier­si d’im­pic­cio quan­do c’è qual­che si­tua­zio­ne spia­ce­vo­le. Ba­ste­reb­be chie­der­lo al pre­si­de del­la fa­col­tà di Me­di­ci­na Gian­fran­co Gen­si­ni, un tem­po mol­to vi­ci­no a Ros­si tan­to che pa­re ne sia sta­to an­che con­si­glie­re (in­sie­me al brac­cio de­stro dell’as­ses­so­re, Le­do Go­ri, che pro­ba­bil­men­te sa­rà il suo ca­po del­la se­gre­te­ria), pri­ma del­le di­sav­ven­tu­re giu­di­zia­rie. Non cre­de in Dio, En­ri­co Ros­si, ma ver­so la Chie­sa — in cui ve­de un al­lea­to e non un com­pe­ti­tor— mo­stra ri­spet­to.

Co­sì co­me per il sa­cro, e non a ca­so a no­vem­bre ha pub­bli­ca­to un in­ter­ven­to su To­sca­na Og­gi di­cen­do che il Cri­sto è «un gran­de ri­vo­lu­zio­na­rio e il cro­ci­fis­so è un sim­bo­lo co­sì for­te che non va né im­po­sto né ban­di­to». Non fu un in­ter­ven­to di cal­co­lo per ac­ca­par­rar­si i vo­ti dei cat­to­li­ci o del­le ge­rar­chie ec­cle­sia­sti­che, nei cui con­fron­ti non c’è un rap­por­to di con­trap­po­si­zio­ne: in­som­ma co­me di­co­no nel Pd, «non fa il man­gia­pre­ti», e nell’Udc so­no con­vin­ti che ades­so «mol­to pro­ba­bil­men­te ten­te­rà ap­proc­ci po­li­ti­ci con noi». Ciò non gli im­pe­di­sce di man­te­ne­re po­si­zio­ni lai­cis­si­me, ri­ba­di­te an­che quan­do li­ti­gò con Francesco Sto­ra­ce, al­lo­ra mi­ni­stro del­la Sa­lu­te: «La To­sca­na ha po­co da van­tar­si del suo si­ste­ma sa­ni­ta­rio, vi­sto che è la re­gi­na dell’in­cen­ti­vo dell’abor­to (è il 2006, sia­mo in cam­pa­gna elet­to­ra­le, e il ri­fe­ri­men­to va al­la spe­ri­men­ta­zio­ne del­la Ru486 in cor­so all’ospe­da­le di Pon­te­de­ra ma an­che in al­tre Asl, ndr) ». Sto­ra­ce mi­nac­ciò di ren­de­re più restrittiv­o l’uso del­la pil­lo­la, Ros­si si in­fu­riò e dis­se: «Si trat­ta di pat­tu­me po­li­ti­co. La de­stra ha ini­zia­to la cam­pa­gna elet­to­ra­le ti­ran­do fuo­ri tut­ti in­sie­me una se­rie di te­mi su cui non ha fat­to nien­te du­ran­te gli an­ni di go­ver­no».

Ma non tut­ti a de­stra lo de­te­sta­no, an­zi. A par­te il mi­ni­stro Tre­mon­ti, che ha elo­gia­to i con­ti in pa­reg­gio del­la sa­ni­tà to­sca­na, pri­ma che Ros­si si can­di­das­se nel Pd di lui di­ce­va­no un gran be­ne. E an­che in cam­pa­gna elet­to­ra­le, a mi­cro­fo­ni spen­ti, con­ti­nua­va­no a ri­pe­te­re che in­som­ma «l’as­ses­so­re sa il fat­to suo» ed è «un bra­vo am­mi­ni­stra­to­re». Ros­si in­fat­ti si pre­sen­ta co­me il «sin­da­co del­la To­sca­na» (non a ca­so lui e il Pd han­no sem­pre par­la­to di que­sta re­gio­ne co­me di una gran­de cit­tà), e co­me spie­ga­no nel suo par­ti­to è «uno che sta at­ten­to al­le que­stio­ni stra­te­gi­che a dif­fe­ren­za di Mar­ti­ni: in­som­ma me­no so­cial fo­rum e più eco­no­mia. Non fa­rà vi­bra­re i cuo­ri dei to­sca­ni, ma pre­ste­rà più at­ten­zio­ne al­le lo­ro ta­sche». È di­ver­so an­che da Ren­zi, uno che con il suo oba­mi­smo a trat­ti ire­ni­co fa sbat­te­re le ci­glia, men­tre «Ros­si non fa mai so­gna­re», se non le don­ne, per­ché ha fa­ma di es­se­re uno a cui piac­cio­no mol­to (e lo­ro vo­len­tie­ri lo ri­cam­bia­no). Ros­si— no­men omen— è pre­si­den­te del­la Re­gio­ne To­sca­na, è sta­to elet­to con il XXX. E co­me ha det­to qual­che gior­no fa al­la tra­smis­sio­ne ra­dio­fo­ni­ca

Un gior­no da pe­co­ra, «la Bul­ga­ria re­si­ste».

Da si­ni­stra, in sen­so ora­rio: al­la de­stra di Van­ni­no Chi­ti du­ran­te un co­mi­zio elet­to­ra­le; da sin­da­co, da­van­ti al gon­fa­lo­ne di Pon­te­de­ra; con gli ope­rai ai can­cel­li del­la Piag­gio, du­ran­te la trat­ta­ti­va con­tro la de­lo­ca­liz­za­zio­ne; ai co­man­di di un...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.