La sca­la­ta di De­nis che cam­biò la «ban­chi­na»

L’ar­ri­vo al Cre­di­to (col Psi) e la con­qui­sta (con gli im­pren­di­to­ri)

Corriere Fiorentino - - Da Prima Pagina - di MAR­ZIO FA­TUC­CHI

Vent’an­ni di asce­sa. Den­tro la ban­ca, nel­la po­li­ti­ca. Per De­nis Ver­di­ni, so­no sta­ti due de­cen­ni di fuo­co, per di­ven­ta­re pa­dre-pa­dro­ne del Cre­di­to Fio­ren­ti­no e sa­li­re su, in al­to, nel Pdl. Due suc­ces­si par­ti­ti da due no.

CAM­PI BI­SEN­ZIO— «Va a fi­ni­re che c’ar­re­stan tut­ti. Dei mil­le con­ti, 800 son di Cam­pi: sai co­me ci spul­cia­no!». «Guar­da, a me un mi gar­ba­va die­ci an­ni fa, e un’ ce l’ho più, il con­to!». Una sto­ria si può rac­con­ta­re dal­la fi­ne. Da due cam­pi­gia­ni che scher­za­no, da­van­ti ad una cru­di­tè di pe­sce, sul com­mis­sa­ria­men­to del­la «ban­chi­na» che nel­le ma­ni di De­nis Ver­di­ni è di­ven­ta­ta la «ban­co­na» di Cam­pi. An­che il ri­sto­ran­te in cui scher­za­no, «L’Ostri­ca blu», fa par­te del mon­do di Ver­di­ni, il coor­di­na­to­re na­zio­na­le del Pdl ne è so­cio. E qui, nel 1998, si con­sa­crò il suo pe­so po­li­ti­co: una ce­na per fe­de­lis­si­mi con Sil­vio Ber­lu­sco­ni, cam­pa­gna elet­to­ra­le per il Mu­gel­lo, Giu­lia­no Fer­ra­ra (ami­co e di­ret­to­re de Il Fo­glio, di cui Ver­di­ni è so­cio) con­tro An­to­nio Di Pie­tro. Ver­di­ni, nel ’98, è già da an­ni il pre­si­den­te del Cre­di­to Coo­pe­ra­ti­vo Fio­ren­ti­no. E con­si­glie­re re­gio­na­le. Due po­sti do­ve è ar­ri­va­to no­no­stan­te i «no» che ha su­bi­to in pre­ce­den­za. Ver­di­ni è uno for­te. Na­to a Fi­viz­za­no, ma ac­col­to dai cam­pi­gia­ni co­me con­ter­ra­neo, «so­cie­vo­le, com­pa­gno­ne, si fa­ce­va le "va­sche" in cen­tro as­sie­me», co­me ri­cor­da an­che il sin­da­co Adria­no Chi­ni, De­nis da gio­va­ne non era ric­co. Lo di­ven­ta con l’im­port-ex­port di car­ni, ma è un pas­sag­gio. A fi­ne an­ni ’80 è già sta­to con­si­glie­re di quar­tie­re per il Psi ed è, con il fra­tel­lo Et­to­re, uno dei com­mer­cia­li­sti più no­ti di Cam­pi. È in quel mo­men­to che ar­ri­va un no che gli cam­bie­rà la vi­ta.

Il pri­mo no

A dir­lo, que­sto no, è Ugo Pao­li, re­fe­ren­te del­la Dc per la «ban­chi­na». Ver­di­ni in­ve­ce è un espo­nen­te (non an­co­ra di spic­co) del­la cor­da­ta Pci-Psi che mi­ra a far en­tra­re pro­pri rap­pre­sen­tan­ti nel Cda del Cre­di­to. «Mai fat­to as­sem­blee, mai chie­sto in­con­tri, mai in­te­res­sa­to del Cre­di­to: lo pos­so di­re con cer­tez­za, il se­gre­ta­rio del Pci ero io», tuo­na Chi­ni. Pos­si­bi­le che il «Par­ti­to», all’epo­ca mag­gio­ran­za as­so­lu­ta a Cam­pi, che nel­la Pia­na si oc­cu­pa­va di tut­to, non so­lo de­gli ope­rai ma an­che e so­prat­tut­to de­gli ar­ti­gia­ni e del­la pic­co­la e me­dia im­pre­sa, non fos­se in­te­res­sa­to ad un ruo­lo nel­la ban­ca ri­vol­ta pro­prio a lo­ro? «È as­so­lu­ta­men­te co­sì», ri­tuo­na Chi­ni.

Cam­bio di rot­ta

Lo smen­ti­sce Pao­li. Era pre­si­den­te del­la com­mis­sio­ne elet­to­ra­le per il rin­no­vo del Cda: «Fui con­tat­ta­to dal Pci e dal Psi, as­sie­me, che vo­le­va­no ave­re rap­pre­sen­tan­ti nel­la ban­ca: dis­si no», il bloc­co so­cia­le era un al­tro. Ma la cor­da­ta di si­ni­stra rie­sce lo stes­so a eleg­ge­re 4mem­bri su 9: so­lo uno Pci, gli al­tri di area Dc ma «con­te­sta­ta­ri». Ai quattro si uni­sce un al­tro dc, Raf­fael­lo Bac­ci, che sal­ta dall’al­tra par­te. «Fu uno scon­tro ve­ro tra cor­ren­ti Dc», con­fer­ma Chi­ni. La mag­gio­ran­za sto­ri­ca vie­ne scon­fit­ta. Par­te da qui la svol­ta del­la «ban­chi­na na­ta den­tro i lo­ca­li del­la par­roc­chia», ri­cor­da l’ex sot­to­se­gre­ta­rio del­la Dc e vi­ce­sin­da­co di Fi­ren­ze Giu­sep­pe Ma­tul­li.

La sca­la­ta

Pas­sa­no po­chi an­ni, e Ver­di­ni fa sul se­rio. È il ’91. De­nis non è più so­cia­li­sta, ma re­pub­bli­ca­no, ha spo­sa­to la con­tes­sa Si­mo­net­ta Fos­som­bro­ni che lo av­vi­ci­na a Gio­van­ni Spa­do­li­ni. E pun­ta drit­to al­la pre­si­den­za del Cre­di­to. «Si era­no or­ga­niz­za­ti, ec­co­me — con­ti­nua Pao­li — pri­ma an­co­ra che fi­nis­se lo scru­ti­nio sa­pe­va­no dir­ci co­me era an­da­ta». E non po­te­va che es­ser­ci Ver­di­ni di mez­zo: an­che per que­sto di­ven­te­rà, più tar­di, «l’uo­mo dei nu­me­ri» di For­za Ita­lia e Pdl, pron­to ad an­ti­ci­pa­re ri­sul­ta­ti smen­ten­do (a ra­gio­ne) an­che le pro­ie­zio­ni elet­to­ra­li. Co­sì la pic­co­la cas­sa ru­ra­le cam­bia pel­le. Ne­gli an­ni ’90, Cam­pi è al cen­tro di una gran­de tra­sfor­ma­zio­ne ur­ba­na. E la ban­ca? «Non mi ri­cor­do in­ter­ven­ti par­ti­co­la­ri col Co­mu­ne, so­lo un pre­sti­to age­vo­la­to per i dan­neg­gia­ti dall’al­lu­vio­ne del ’91. Le ban­che di ri­fe­ri­men­to del­la si­ni­stra era­no al­tre: Cas­sa di Ri­spar­mio, Ban­ca To­sca­na», ri­cor­da il sin­da­co. Ma c’è un le­ga­me tra Co­mu­ne e Cre­di­to: il tea­tro Dan­te, la ban­ca ha una quo­ta del­la so­cie­tà na­ta per vo­lon­tà del Co­mu­ne: «Era una quo­ta che gli ar­ri­va­va da un pe­gno, per leg­ge do­ve­va­mo la­sciar­ne una ai pri­va­ti. Ora ha l’un per cen­to — mi­ni­miz­za Chi­ni— Al mas­si­mo han­no spon­so­riz­za­to il fe­sti­val "la me­glio Ge­nia". Ma qui, di ban­che, ce n’è 20».

In­tan­to tra i so­ci del Cre­di­to, che dai 350 de­gli an­ni ’80 ar­ri­ve­ran­no agli ol­tre mil­le di og­gi, spun­ta­no mol­ti im­pren­di­to­ri, tra cui an­che Ric­car­do Fu­si, che co­min­cia la col­la­bo­ra­zio­ne con la ban­ca di Ver­di­ni (ora i due so­no in­da­ga­ti as­sie­me per la Scuo­la ma­re­scial­li e per le «gra­vi ir­re­go­la­ri­tà» nel­la ge­stio­ne del­la ban­ca). «Ma nel­le as­sem­blee que­sti im­pren­di­to­ri non si ve­de­va­no, la­scia­va­no la de­le­ga, sem­pre in li­nea con la go­ver­nan­ce di Ver­di­ni. Le ele­zio­ni del Cda so­no sem­pre an­da­te a sen­so uni­co» ri­cor­da Pao­li, ri­ma­sto so­cio del Cre­di­to. Qual­cu­no de­gli ex dc scon­fit­ti pro­ve­rà a rien­tra­re: «Ma le no­stre do­man­de re­sta­no fer­me, per an­ni», rac­con­ta­no. E co­sì, nul­la cam­bia. O qua­si: au­men­ta il con­trol­lo del­la ban­ca da par­te di De­nis, au­men­ta­no i suoi «uo­mi­ni» nei po­sti chia­ve.

I ruo­li chia­ve

Ruo­li di­ri­gen­zia­li ven­go­no af­fi­da­ti al suo av­vo­ca­to, Marco Roc­chi, all’av­vo­ca­to An­to­nio Ma­rot­ti, per un pe­rio­do so­cio di Ver­di­ni ne

Il Gior­na­le del­la To­sca­na, al­la se­gre­ta­ria dell’ami­co Fu­si, Mo­ni­ca Ma­ne­scal­chi; e al di­ret­to­re di Me­tro­po­li, quo­ti­dia­no lo­ca­lis­si­mo (di cui Ver­di­ni è so­cio) che ha se­de a po­che de­ci­ne di me­tri dal Cre­di­to, Fa­bri­zio Nuc­ci. Ec­co­la, la «tra­sver­sa­li­tà» che gli han­no sem­pre ri­co­no­sciu­to: Nuc­ci è ora espo­nen­te del Pd. «Sta nel co­mi­ta­to di­ret­ti­vo, che c’en­tra: sa­ran­no 100 per­so­ne», ri­bat­te Chi­ni. «Ma ha sem­pre avu­to un rap­por­to po­si­ti­vo con la no­stra cit­tà» di­ce an­che un al­tro che Cam­pi la co­no­sce be­ne. È Fran­co Ma­lin­co­ni: ex vi­ce­sin­da­co Psi nel ’90, poi pre­si­den­te Con­fe­ser­cen­ti; lui met­te le ma­ni avan­ti: «Ver­di­ni non è co­me Sca­jo­la, non ha bi­so­gno che nes­su­no gli com­pri la ca­sa. È una per­so­na mol­to per be­ne, ed ha fat­to un gran be­ne a que­sta cit­tà». Per­ché ne­gli an­ni dell’espan­sio­ne (da uno spor­tel­lo a 7, da me­no

Con lui en­tra­ro­no tan­te im­pre­se tra i so­ci, ma non si ve­de­va­no mai De­le­ga­va­no, sem­pre al­li­nea­ti

di tre mi­lio­ni a 56mi­lio­ni di eu­ro più 19 di ri­ser­va), «ha sa­pu­to da­re cre­di­to an­che a chi ave­va idee ma da­va ben po­che ga­ran­zie». È d’ac­cor­do an­che uno che, su Ver­di­ni, non la pen­sa co­me Ma­lin­co­ni: «Ar­ri­va il com­mis­sa­rio, ov­via­men­te sa­rà più ri­gi­do: in tan­ti so­no pre­oc­cu­pa­ti», di­ce l’ex vi­ce­pre­si­den­te del Con­si­glio co­mu­na­le cam­pi­gia­no Quin­ti­lio Che­ru­bi­ni, di fron­te al Cre­di­to in bi­ci. Che­ru­bi­ni si sca­glia con­tro il suo par­ti­to: «Ma non lo sa­pe­va­no, il Pd, chi era Ver­di­ni quan­do ha fat­to l’ac­cor­do sul­la leg­ge elet­to­ra­le in Re­gio­ne?».

Gli al­tri no. E l’al­tra sca­la­ta

Nel se­con­do bi­na­rio di Ver­di­ni c’è la po­li­ti­ca. An­che qui si è pre­so di­ver­si no. Nel ’92, quan­do si can­di­dò sen­za suc­ces­so nel Pri. An­ni dif­fi­ci­li per la fa­mi­glia Ver­di­ni: il fra­tel­lo vie­ne ar­re­sta­to nell’in­chie­sta del Pia­no ca­sa che por­tò a Sol­lic­cia­no an­che Gianni Con­ti. Et­to­re vie­ne so­spet­ta­to di ri­ci­cla­re de­na­ro, fi­ni­rà as­sol­to con for­mu­la pie­na. Il Cre­di­to, di cui è già pre­si­den­te De­nis, non vie­ne nean­che sfio­ra­to dal­le in­da­gi­ni. Poi nel ’94, col Pat­to Se­gni. An­che qui, una dé­ba­cle: il 16 per cen­to con­tro il 62 di Lui­gi Man­co­ni, can­di­da­to dei Pro­gres­si­sti. Poi en­tra in For­za Ita­lia, nel ’95 vie­ne elet­to in Con­si­glio re­gio­na­le, ne di­vie­ne vi­ce­pre­si­den­te. Vor­reb­be cor­re­re da pre­si­den­te del cen­tro­de­stra nel 2000, gli vie­ne pre­fe­ri­to Al­te­ro Mat­teo­li: un al­tro no. Ma po­co do­po en­tra in Par­la­men­to. Il le­ga­me po­li­ti­co con Ber­lu­sco­ni cre­sce, do­po la cam­pa­gna Mu­gel­la­na. Un’aper­tu­ra di cre­di­to che lo por­te­rà a di­ven­ta­re coor­di­na­to­re na­zio­na­le del Pdl. «Da che è en­tra­to in con­si­glio, e poi al­la Ca­me­ra, qui a Cam­pi De­nis si ve­de di ra­do» ri­cor­da Chi­ni. Cer­to, per la fe­sta del cen­te­na­rio, nel 2009, era sul pal­co as­sie­me a Fio­rel­lo. A Cam­pi, lo si è ri­vi­sto spes­so di lu­ne­dì, gior­no di ri­po­so par­la­men­ta­re, all’«Ostri­ca blu», per le riu­nio­ni di la­vo­ro. Del­la ban­ca.

L’ostri­ca blu Ver­di­ni è so­cio del ri­sto­ran­te. Nel ’98 la ce­na col Cav.

Quin­ti­lio Che­ru­bi­ni Ex vi­ce­pre­si­den­te del Con­si­glio co­mu­na­le di Cam­pi

Ugo Pao­li Ex Dc, nell’89 gui­da la com­mis­sio­ne elet­to­ra­le del Cda del­la ban­ca

Adria­no Chi­ni Sin­da­co di Cam­pi Bi­sen­zio, ex se­gre­ta­rio del Pci ne­gli an­ni ’80

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.