La ra­gaz­za fa mo­bi­li Con la va­li­gia in ma­no

Per­so­nag­gi Una gio­va­ne ar­chi­tet­to e un la­vo­ro «su mi­su­ra»

Corriere Fiorentino - - Culture - Al­le­gra Sal­va­do­ri

Viag­gia­re è sem­pre sta­ta, per mol­ti, una pas­sio­ne, un pia­ce­re, ma an­che un’ar­te. Ep­pu­re qual­che vol­ta viag­gia­re può di­ven­ta­re uno sti­le di vi­ta.

Lo sa be­ne Sa­ra Bal­dec­chi, 33 an­ni, ar­chi­tet­to fio­ren­ti­no, sul cui pas­sa­por­to si po­treb­be stu­dia­re la geo­gra­fia tan­to ha viag­gia­to nel­la sua vi­ta. Ti­to­la­re dell’azien­da Ar­re­dARIA (www.ar­re­da­ria­de­si­gn.it), Sa­ra si è in­ven­ta­ta un me­stie­re che la por­ta in In­do­ne­sia a di­se­gna­re e pro­dur­re, su or­di­na­zio­ne, mo­bi­li ema­nu­fat­ti lo­ca­li per pri­va­ti ed ho­tel.

Tut­to ha ini­zio nel 2006 quan­do, per ca­so, la gio­va­ne im­pren­di­tri­ce incontra ad una fie­ra di ar­chi­tet­tu­ra quel­lo che sa­rà il suo pri­mo for­ni­to­re. An­co­ra re­le­ga­ta nel­lo stu­dio fio­ren­ti­no in cui era di­pen­den­te e do­ve il la­vo­ro era «si­cu­ro e ben pa­ga­to», Sa­ra ini­zia a fan­ta­sti­ca­re di po­ter tor­na­re a viag­gia­re, co­me già fa­ce­va da ra­gaz­za quan­do con lo zio ave­va gi­ra­to mez­za Au­stra­lia a so­li 17 an­ni. E co­sì, an­co­ra ine­sper­ta, pen­sa be­ne di co­min­cia­re una col­la­bo­ra­zio­ne dall’Ita­lia con l’In­do­ne­sia, in­vian­do gli schiz­zi dei suoi pri­mi or­di­ni, co­me quel­lo per la hall di un no­to al­ber­go del­la Ver­si­lia. Ben pre­sto tut­ta­via com­pren­de che la ge­stio­ne a di­stan­za non fun­zio­na, i mo­bi­li non rie­sco­no, le sca­den­ze sal­ta­no, man­ca il con­trol­lo.

«Bi­so­gna­va par­ti­re con la va­li­gi­na», spie­ga Sa­ra che og­gi ha una ca­sa in af­fit­to nel cen­tro di Ja­va do­ve tra­scor­re me­si in­te­ri a se­gui­re le pro­du­zio­ni dei suoi mo­bi­li, sia­no es­si strut­tu­re in fer­ro, cor­ni­ci, im­bot­ti­ti da ester­ni, par­quet, o sa­lot­ti in­te­ri in rat­tan. «Or­mai so­no una viag­gia­tri­ce in­cal­li­ta, so­no riu­sci­ta a co­struir­mi da ze­ro un la­vo­ro ‘‘su mi­su­ra’’ che mi dà la scu­sa di sa­li­re su un ae­reo e ri­met­ter­mi in di­scus­sio­ne ad ogni viag­gio» rac­con­ta l’ar­chi­tet­to fio­ren­ti­no che dal 2006 ad og­gi ha pro­get­ta­to, pro­dot­to ed im­por­ta­to tan­tis­si­mi mo­bi­li ed al­tri og­get­ti per al­ber­ghi co­me il Goya al For­te dei Mar­mi, il Ca­vour a Fi­ren­ze ed al­tri an­co­ra. Sa­ra rac­co­glie pro­get­ti in Ita­lia gra­zie an­che al pas­sa­pa­ro­la di chi ha vi­sto e toc­ca­to con ma­no le sue crea­zio­ni: «De­vo con­trol­la­re la qua­li­tà, la pro­du­zio­ne, sce­glie­re le fi­ni­tu­re, ri­pro­por­zio­na­re le co­se che non tor­na­no, se­gui­re le spe­di­zio­ni». Il la­vo­ro non è fa­ci­le spe­cial­men­te quan­do sei una don­na che ten­ta di far­si stra­da nel più po­po­lo­so pae­se a mag­gio­ran­za mu­sul­ma­na del mon­do. Ne­gli an­ni so­no cam­bia­ti i for­ni­to­ri, le di­na­mi­che del viag­gio, le abi­tu­di­ni, le mo­da­li­tà di ac­ces­so ad una cul­tu­ra co­sì di­ver­sa e lon­ta­na, ma la pas­sio­ne e la vo­glia di viag­gia­re non è mai pas­sa­ta «an­che do­po che so­no sta­ta as­sa­li­ta da una scim­mia!». Ed il mor­so si ve­de be­ne, pro­prio lì, sul brac­cio de­stro, che og­gi ha per­so sen­si­bi­li­tà.

Qui a Fi­ren­ze Sa­ra ha il fi­dan­za­to Nic­co­lò che la vor­reb­be un po’ più con sé e chis­sà, for­se pro­prio per que­sto, da un an­no l’ar­chi­tet­to glo­be­trot­ter ha aper­to un ma­gaz­zi­no a Cam­pi do­ve ven­de in­sie­me a del­le col­la­bo­ra­tri­ci, og­get­ti che han­no rea­liz­za­to a lo­ro gu­sto. Ma­de in In­do­ne­sia. Per­ché viag­gia­re, co­me di­ce Ed­gar Al­lan Poe, è co­me so­gna­re.

In po­sa Sa­ra Bal­dec­chi, 33 an­ni, ac­can­to al­le seg­gio­le con il suo no­me e sot­to in In­do­ne­sia men­tre la­vo­ra con al­cu­ni ar­ti­gia­ni; nel ton­do una pol­tro­na et­ni­ca del­la sua azien­da

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.