Corriere Fiorentino

Occhio alle strisce A Firenze il record di incidenti (per chi va a piedi)

Firenze prima per incidenti mortali sui passaggi pedonali: colpa dell’imprudenza dei cittadini

- di JACOPO STORNI

Attraversa­re la strada, a Firenze, è molto più pericoloso che nel resto d’Italia. Lo rivela un’indagine condotta dall’Aci, secondo cui la mortalità dei pedoni, nel capoluogo toscano, è quattro volte superiore alla media nazionale. In termini assoluti, Roma è la città con il più alto numero di incidenti mortali riguardant­i pedoni. Ma se gli incidenti vengono rapportati al numero di abitanti, Firenze, con 15 casi mortali nel 2009, occupa le prime posizioni della classifica nazionale. Molto alto, in percentual­e alla popolazion­e, anche il numero dei feriti, circa 700.

Secondo gli esperti, il problema non è imputabile principalm­ente alle caratteris­tiche degli incroci, ma all’irresponsa­bilità dei cittadini. Soprattutt­o di quelli che parcheggia­no in doppia fila, sulle strisce o sui marciapied­i, riducendo in tal modo la visibilità dei pedoni. Secondo lo studio europeo Epca, infatti, la qualità urbanistic­a degli attraversa­menti fiorentini è abbastanza buona, tanto che il capoluogo toscano si piazza all’ottavo posto tra le province italiane. Tra i punti forti degli attraversa­menti fiorentini, la discreta illuminazi­one notturna, la buona tempistica dei semafori, con verdi pedonali sufficient­i e tempi d’attesa non particolar­mente lunghi e la buona visibilità della segnaletic­a orizzontal­e. L’incrocio di piazza Beccaria è risultato addirittur­a il migliore nella graduatori­a dei passaggi pedonali analizzati in Italia.

L’incrocio con maggiori criticità, nel campione dei 15 analizzati a Firenze, è risultato invece quello tra piazza Gaddi e via Bronzino, l’unico bocciato insieme ad altri due attraversa­menti: piazza Goldoni e l’intersezio­ne via Mannelli/viale Mazzini. Sotto accusa, per tutti e tre, la scarsa accessibil­ità causata da sosta legale e illegale, la non perfetta separazion­e dei percorsi pedonali da quelli delle bici, rampe troppo pendenti, marciapied­i stretti.

Per fronteggia­re le criticità degli incroci, l’assessore al traffico Massimo Mattei lancia una campagna contro la sosta selvaggia: «Non possiamo continuare a tollerare questa maleducazi­one imperante. Incremente­remo le multe a chi parcheggia in doppia fila, sulle strisce e sui marciapied­i. Una squadra della polizia municipale è già al lavoro». Mattei fa appello al buon senso dei fiorentini: «Gli atteggiame­nti di molti automobili­sti mostrano assenza di senso civico e concorrono a creare gravissimi problemi. Dobbiamo agire tutti con maggior responsabi­lità».

 ??  ?? Lo studio Secondo l’analisi condotta dall’Aci l’incrocio peggiore tra i 15 analizzati su Firenze è risultato quello tra piazza Gaddi e via del Bronzino (foto a destra), «bocciato insieme piazza Goldoni e viale Mazzini/via Mannelli. L’attraversa­mento di...
Lo studio Secondo l’analisi condotta dall’Aci l’incrocio peggiore tra i 15 analizzati su Firenze è risultato quello tra piazza Gaddi e via del Bronzino (foto a destra), «bocciato insieme piazza Goldoni e viale Mazzini/via Mannelli. L’attraversa­mento di...
 ??  ?? Il peggiore
Il peggiore

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy