Il nu­me­ro uno dei nu­me­ri uno «È amo­re»

IL VO­TO DEI TI­FO­SI FRAN­CE­SCO TOL­DO

Corriere Fiorentino - - Da Prima Pagina - di Da­vid Guet­ta

Il nu­me­ro uno dei nu­me­ri uno. Fran­ce­sco Tol­do è il por­tie­re più vo­ta­to dai ti­fo­si nel gio­co che sce­glie la mi­glior for­ma­zio­ne dei 90 an­ni vio­la: «Io il mi­glio­re? Che bel­lo — di­ce lui — Sar­ti, Al­ber­to­si e Gal­li era­no su­per, ma il fee­ling che ho con la cit­tà fa la dif­fe­ren­za. La pa­ra­ta più bel­la è quel­la a Wem­bley su Ka­nu. Non c’è fio­ren­ti­no che non me la ri­cor­di».

Il nu­me­ro uno dei nu­me­ri uno… Fran­ce­sco Tol­do sor­ri­de al­la bat­tu­ta, vor­reb­be mi­ni­miz­za­re, ma si ve­de che è mol­to con­ten­to di es­se­re in te­sta tra i por­tie­ri del «Dream Team» vio­la, da­van­ti a Gio­van­ni Gal­li e Ric­ky Al­ber­to­si, due gi­gan­ti e non so­lo per l’al­tez­za. «Quan­do ho ri­ce­vu­to l’in­vi­to dal­la Fio­ren­ti­na — rac­con­ta Tol­do — mi so­no emo­zio­na­to e so­no an­da­to col pen­sie­ro ai miei an­ni tra­scor­si al Fran­chi. Ar­ri­vai che ero po­co più che un ra­gaz­zo e me ne so­no an­da­to da uo­mo. Sta­gio­ni in­di­men­ti­ca­bi­li, sem­pre con un gran­de fee­ling e al­la fi­ne cre­do che la gen­te ab­bia ap­prez­za­to il mio en­tu­sia­smo e i miei va­lo­ri».

Sì, pe­rò tra i pa­li bi­so­gna­va pa­ra­re… «Quel­lo pen­so di aver­lo fat­to ab­ba­stan­za be­ne ne­gli ot­to an­ni di Fi­ren­ze (Tol­do ar­ri­vò in se­rie B, nel ‘93, per an­dar­se­ne nel 2001 ac­cla­ma­to da uno sta­dio in­te­ro, ndr), an­che se non ero trop­po bra­vo nel­le usci­te al­te. Gal­li in que­sto mi su­pe­ra­va, Sar­ti e Al­ber­to­si in­ve­ce li ri­cor­do dav­ve­ro po­co, ero un bam­bi­no quan­do gio­ca­va gli ul­ti­mi an­ni col Mi­lan. Cer­to, il suo era un al­tro cal­cio, mol­to me­no com­pli­ca­to di quel­lo no­stro». Per vo­ta­re la top 11 di tut­ti i tem­pi, i ti­fo­si vio­la avran­no tem­po fi­no al 15 ago­sto. Fran­ce­sco pe­rò sta sba­ra­glian­do la con­cor­ren­za e al­me­no a sen­tir lui re­sta­re al co­man­do non gli di­spia­ce­reb­be per nien­te: «Non pos­so­no ne­gar­lo, mi fa­reb­be dav­ve­ro mol­to pia­ce­re vin­ce­re que­sta classifica. Mi riem­pi­reb­be d’or­go­glio es­se­re il pri­mo tra i por­tie­ri ed en­tra­re co­sì nel­la sto­ria del­la Fio­ren­ti­na. Non è che pe­rò pos­sa met­ter­mi a fa­re una cam­pa­gna elet­to­ra­le per far­mi vo­ta­re, ma­ga­ri po­trei chie­de­re a qual­che ami­co che an­co­ra ho nel­le te­le­vi­sio­ni fio­ren­ti­ne di tra­smet­te­re del­le mie vec­chie pa­ra­te…».

Ti­po quel­la a Lon­dra su Ka­nu, l’at­tac­can­te dell’Ar­se­nal che re­stò di sa­le di fron­te all’im­pre­sa di Tol­do.

«Eh, quel­la se la ri­cor­da­no tut­ti, con il trion­fo di Wem­bley in­sie­me ad una squa­dra ve­ra­men­te for­tis­si­ma. Im­ma­gi­no che Ba­ti­stu­ta fa­rà il pie­no di voti, ma vo­glio pro­prio ve­de­re se ci sa­rà mai una for­ma­zio­ne idea­le che non com­pren­da lui e An­to­gno­ni: che spet­ta­co­lo sa­reb­be sta­to ve­der­li gio­ca­re in­sie­me. Ma­ga­ri pu­re in­sie­me a Ma­nuel Rui Co­sta».

Ep­pu­re la sua Fio­ren­ti­na ha vin­to «so­lo» due vol­te la Cop­pa Ita­lia e una Su­per­cop­pa. «Po­te­va­mo dav­ve­ro fa­re qual­co­sa in più per­ché c’era­no gio­ca­to­ri straor­di­na­ri, ba­sta pen­sa­re a Rui Co­sta, ma an­che gli al­tri non scher­za­va­no, ba­sta pen­sa­re a cos’era il cal­cio ita­lia­no al­la fi­ne degli an­ni no­van­ta. La gen­te co­mun­que ci ri­cor­da sem­pre vo­len­tie­ri, pur non aven­do vin­to lo scu­det­to. Chi in­ve­ce ha con­qui­sta­to il tri­co­lo­re par­te un po’ svan­tag­gia­to in que­sta splen­di­da ini­zia­ti­va del­la Fio­ren­ti­na, per­ché a vo­ta­re so­no e sa­ran­no so­prat­tut­to le nuo­ve ge­ne­ra­zio­ni che non han­no mai vi­sto gio­ca­re dal vi­vo i gran­di cam­pio­ni del pas­sa­to. De Si­sti, Mer­lo, Ju­li­n­ho e tut­ti gli al­tri pe­rò re­sta­no mi­ti in­tra­mon­ta­bi­li».

Ma Tol­do ce la fa­rà ad es­se­re pre­sen­te il 28 ago­sto? «Ci pro­ve­rò in tut­te le ma­nie­re. L’In­ter, per cui la­vo­ro, gio­ca nel po­me­rig­gio del­lo stes­so gior­no ma cer­che­rò di or­ga­niz­zar­mi al me­glio, ci ten­go mol­to. Se rie­sco a ve­de­re le par­ti­te dei vio­la? Non sem­pre, in com­pen­so una del­le guar­die del cor­po del pre­si­den­te Tho­hir è uno sca­te­na­to ti­fo­so del­la Fio­ren­ti­na e quin­di mi ca­pi­ta spes­so di par­la­re con lui del­la squa­dra di Sou­sa. per me è un pia­ce­re, an­che se or­mai man­co da Fi­ren­ze da quin­di­ci an­ni».

Nel mag­gio 2002 la cur­va Fie­so­le rup­pe uno sciopero so­lo per an­da­re a sa­lu­tar­lo men­tre in­dos­sa­va, per la pri­ma vol­ta da av­ver­sa­rio, la ma­glia ne­raz­zur­ra. Fran­ce­sco ci ri­pen­sa e si emo­zio­na sul se­rio a pen­sa­re di po­ter tor­na­re a cal­pe­sta­re il pra­to ver­de del Fran­chi: «So­no sen­sa­zio­ni che non si pos­so­no pre­ve­de­re, ma­ga­ri sa­rà co­me quan­do a di­cem­bre so­no en­tra­to nel­la Hall of Fa­me vio­la, ma for­se an­co­ra di più». Ap­pun­ta­men­to al­lo­ra tra me­no di un me­se, quan­do in­sie­me a Fran­ce­sco una splen­di­da par­ta di cam­pio­ni fe­steg­ge­rà il no­van­te­si­mo com­plean­no vio­la: «Sa co­sa le di­co? — chiu­de Tol­do — mi sen­to dav­ve­ro for­tu­na­to a po­ter vi­ve­re mo­men­ti del ge­ne­re, Fi­ren­ze è uni­ca e so­no ono­ra­to di aver scrit­to pagine im­por­tan­ti per la Fio­ren­ti­na».

Ri­cor­di La pa­ra­ta su Ka­nu a Wem­bley è mi­ti­ca Per vin­ce­re non fa­rò cam­pa­gna elet­to­ra­le, ma se gli ami­ci ri­met­tes­se­ro in on­da le mie pa­ra­te..

Fran­ce­sco Tol­do ai tem­pi vio­la Sul­la de­stra men­tre scher­za con Rui Co­sta A si­ni­stra, Tol­do og­gi Al­bum

Il sa­lu­to Tol­do por­ta­to in brac­cio da com­pa­gni e ti­fo­si nel gior­no del­la sua ul­ti­ma par­ti­ta al Fran­chi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.