«Ma non di­te che può ca­pi­ta­re a chiun­que»

Corriere Fiorentino - - Da Prima Pagina - di An­to­nio Mon­ta­na­ro

«È fuor­vian­te par­la­re di di­men­ti­can­za, si di­men­ti­ca un og­get­to non un bam­bi­no. Qui in­ve­ce sia­mo di fron­te all’an­nul­la­men­to del­la real­tà uma­na di un neo­na­to». Lo psichiatra Mar­ti­no Rig­gio spie­ga co­sì la mor­te in au­to del­la pic­co­la Ta­ma­ra a Ca­stel­fran­co di So­pra.

«La do­man­da da cui par­ti­re è: per­ché do­po aver la­scia­to il fi­glio­let­to in mac­chi­na que­ste mam­me o que­sti pa­dri van­no a la­vo­ra­re, han­no un’ot­ti­ma me­mo­ria la­vo­ra­ti­va e so­cia­le, e l’uni­ca la­cu­na mne­sti­ca è pro­prio il fi­glio?». Mar­ti­no Rig­gio, psichiatra e psi­co­te­ra­peu­ta, si è for­ma­to al­la scuo­la dell’Ana­li­si col­let­ti­va di Mas­si­mo Fa­gio­li. Per da­re una spie­ga­zio­ne all’en­ne­si­mo tra­gi­co ab­ban­do­no in au­to di un bam­bi­no — mer­co­le­dì mat­ti­na a Ca­stel­fran­co di So­pra (Arezzo) e tan­te al­tre vol­te in pas­sa­to (a Va­da, Pia­cen­za, Vi­cen­za) — par­te dall’uso del­le pa­ro­le: «Par­la­re di di­men­ti­can­za è fuor­vian­te. Si può di­men­ti­ca­re un pac­co, un om­brel­lo, una bor­sa, ma non un neo­na­to. La di­men­ti­can­za è ri­vol­ta al­la real­tà ma­te­ria­le, qui ci tro­via­mo di fron­te all’an­nul­la­men­to del­la real­tà psi­chi­ca dell’al­tro».

Al­lo­ra co­sa è suc­ces­so nel­la men­te del­la ma­dre del­la pic­co­la Ta­ma­ra?

«Il pun­to è ca­pi­re co­sa è suc­ces­so pri­ma di quel­la mat­ti­na. Non ho mai vi­si­ta­to la si­gno­ra e non pos­so da­re ri­spo­ste cer­te, ma si de­ve pren­de­re se­ria­men­te in con­si­de­ra­zio­ne la pos­si­bi­li­tà di una ma­lat­tia che, pro­ba­bil­men­te, non si era ma­ni­fe­sta­ta fi­no a quel mo­men­to in mo­do ecla­tan­te e vi­sto­so».

Sta par­lan­do del­la co­sid­det­ta am­ne­sia dis­so­cia­ti­va, già pre­sa in con­si­de­ra­zio­ne ne­gli an­ni scor­si per ca­si si­mi­li?

«No, an­che evo­ca­re l’am­ne­sia dis­so­cia­ti­va è fuo­ri luo­go: so­no di­stur­bi che in ge­ne­re com­pa­io­no in con­co­mi­tan­za di un even­to al­ta­men­te stres­san­te e col­pi­sco­no, per esem­pio, quel­le per­so­ne che du­ran­te o su­bi­to do­po un bom­bar­da­men­to si tro­va­va­no a cam­mi­na­re tra le ma­ce­rie non ri­cor­dan­do­si più il lo­ro no­me e la stra­da di ca­sa. Se il di­stur­bo è co­sì gra­ve pe­rò ap­pa­re im­pro­ba­bi­le che nel cor­so di un’in­te­ra mat­ti­na­ta non se ne ac­cor­ga nes­su­no. E poi se c’è un di­stur­bo del­la me­mo­ria è im­pos­si­bi­le che si fo­ca­liz­zi so­lo ed esclu­si­va­men­te su di una per­so­na, in que­sto ca­so il bam­bi­no». Dov’è, quin­di, la cau­sa? «In un rap­por­to do­ve la real­tà uma­na del bam­bi­no vie­ne an­nul­la­ta. Per po­ter ca­pi­re bi­so­gna par­ti­re da un con­cet­to mol­to ca­ro a noi psi­chia­tri: l’af­fet­ti­vi­tà. L’af­fet­ti­vi­tà è quel­la di­men­sio­ne com­ples­sa di in­te­res­se, di mo­vi­men­to ver­so l’al­tro es­se­re uma­no con cui crea­re un rap­por­to. Di con­tro si può ri­ca­va­re co­sa sia l’anaf­fet­ti­vi­tà che è spes­so uno dei sin­to­mi più gra­vi di al­cu­ne ma­lat­tie psi­chia­tri­che. L’anaf­fet­ti­vi­tà è il non ave­re al­cun in­te­res­se per l’al­tro, nes­sun mo­vi­men­to. L’al­tro non sa­reb­be un es­se­re uma­no. O me­glio, ra­zio­nal­men­te si può an­che ri­co­no­sce­re che lo è. Ma non è co­me me. Se par­lia­mo di un bim­bo mol­to pic­co­lo, non par­la, non ca­pi­sce, non si espri­me, spes­so dor­me. Al­lo­ra non è ra­zio­na­le, lo­gi­co. In­som­ma non è co­me me».

Sta di­cen­do che la chia­ve è il rap­por­to ge­ni­to­re-fi­glio?

«Tra un adul­to e un bam­bi­no mol­to pic­co­lo c’è la stes­sa pos­si­bi­li­tà di sta­bi­li­re e fa­re un rap­por­to rea­le che tra due adul­ti. Cam­bia so­lo il mo­do, la ma­nie­ra, ma il rap­por­to che pos­sia­mo sta­bi­li­re è rea­le. L’anaf­fet­ti­vi­tà in­ve­ce por­ta a non per­ce­pi­re l’al­tro co­me un pos­si­bi­le, rea­le, part­ner di rap­por­to. Si per­de di vi­sta cos’è un es­se­re uma­no e an­che un bam­bi­no di po­chi me­si lo è. In un con­te­sto di ma­lat­tia di que­sto ge­ne­re la pos­si­bi­li­tà, non di am­ne­sia, ma di rea­liz­za­re la pul­sio­ne di an­nul­la­men­to teo­riz­za­ta da Fa­gio­li ora­mai 47 an­ni fa è al­tis­si­ma. Con l’an­nul­la­men­to si per­de an­che quel mi­ni­mo di re­la­zio­ne che c’era pri­ma col bam­bi­no, che quin­di non vie­ne più vi­sto. E que­sto può por­ta­re a non con­si­de­ra­re più la sua pre­sen­za in au­to, co­me se lui lì non ci fos­se mai sta­to».

Ci può fa­re qual­che al­tro esem­pio di an­nul­la­men­to?

«Ri­ma­nen­do nel­la di­na­mi­ca ge­ni­to­re-fi­glio, la sot­to­va­lu­ta­zio­ne di un ec­ces­si­vo di­ma­gri­men­to o di ta­gli che com­pa­io­no su brac­cia, gam­be o più sem­pli­ce­men­te dell’ab­ban­do­no sco­la­sti­co, che sta rag­giun­gen­do per­cen­tua­li al­tis­si­me. Il non ve­de­re la real­tà dell’al­tro è an­nul­la­men­to».

Ma può ca­pi­ta­re a tut­ti? Qual­che gior­no fa la ma­dre di Ca­stel­fran­co di So­pra ha lin­ka­to su Fa­ce­book un ar­ti­co­lo su quan­to sia stres­san­te uni­re ma­ter­ni­tà e la­vo­ro…

«No, suc­ce­de so­lo a chi sta ve­ra­men­te ma­le. Lo stress, le tan­te si­tua­zio­ni di pres­sio­ne con cui de­ve con­vi­ve­re tut­ti i gior­ni qual­sia­si gio­va­ne ge­ni­to­re, so­prat­tut­to una mam­ma, am­pli­fi­ca­no il di­sa­gio ma non pos­so­no es­ser­ne la cau­sa, che va ri­cer­ca­ta al­tro­ve».

Co­me si può usci­re dal­lo choc di per­de­re una fi­glia co­sì?

«La pos­si­bi­li­tà di cu­ra c’è per tut­ti: al­la na­sci­ta sia­mo tut­ti sa­ni, ci am­ma­lia­mo nei rap­por­ti con gli al­tri. Bi­so­gna cu­ra­re sen­za col­pe­vo­liz­za­re quel­la per­so­na che all’im­prov­vi­so ha pa­le­sa­to in mo­do dram­ma­ti­co ciò che era la­ten­te e la­vo­ra­re sul re­cu­pe­ro dell’af­fet­ti­vi­tà».

È fuor­vian­te par­la­re di di­men­ti­can­za, qui è sta­ta an­nul­la­ta la real­tà del­la bam­bi­na

Mar­ti­no Rig­gio, psichiatra del­la scuo­la di Mas­si­mo Fa­gio­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.