Fe­li­na, bam­bo­la e punk Pat­ty Pra­vo a Pa­laz­zo

Gia­ni e la mo­stra: «È un omag­gio al­la cul­tu­ra pop»

Corriere Fiorentino - - Culture - Edoar­do Sem­mo­la

Ag­gres­si­va, dan­dy, punk, sve­sti­ta, scol­la­ta, ric­ciu­ta o co­to­na­ta, sgam­bet­tan­te e fe­li­na sul pal­co del Pi­per ne­gli anni Ses­san­ta, poi a ca­val­lo del ven­to ne­gli scat­ti di An­ge­lo Fron­to­ni, o an­co­ra in ver­sio­ne «tu­ni­ca» in una più re­cen­te im­ma­gi­ne san­re­me­se, se­ve­ra e ca­sti­ga­ta in ne­ro se­du­ta al pia­no­for­te, truc­ca­ta da alie­no o in ver­sio­ne «da­vid­bo­wiea­na». È Pat­ty Pra­vo: vi­sta, fo­to­gra­fa­ta, di­pin­ta in tut­te le sue for­me e ma­ni­fe­sta­zio­ni, cam­bi di look, di im­pat­to ar­ti­sti­co, nel cor­so di ol­tre mez­zo se­co­lo di car­rie­ra mu­si­ca­le e non, rac­con­ta­ta in tutti i co­lo­ri della sua car­rie­ra in una mo­stra che il Con­si­glio Re­gio­na­le della To­sca­na le de­di­ca a Firenze: da oggi al 12 lu­glio nel­la sa­la del­le Fe­ste di pa­laz­zo Ba­sto­gi (via Ca­vour 18, da lu­ne­dì a ve­ner­dì 10-12 e 15-19): Pat­ty Pra­vo – Me­ta­mor­fo­si di una di­va è l’espo­si­zio­ne di im­ma­gi­ni, abi­ti, ri­cor­di, di­se­gni che hanno per pro­ta­go­ni­sta Ni­co­let­ta Stram­bel­li, a cu­ra di Ric­car­do Be­nel­li. Rias­su­men­do tutto in una so­la pa­ro­la: «So­no una don­na li­be­ra». Co­sì la stes­sa ar­ti­sta sin­te­tiz­za l’ani­ma della mo­stra.

Tro­via­mo Pat­ty Pra­vo nell’omag­gio del re dei po­ster ci­ne­ma­to­gra­fi­ci, Na­no Cam­peg­gi, e nel­la ver­sio­ne «Bam­bo­la», de­di­ca­ta a una del­le sue più ce­le­bri can­zo­ni, ma una de­di­ca sui ge­ne­ris per­ché è la «bam­bo­la» gon­fia­bi­le iden­ti­fi­ca­bi­le co­me sex toy, rea­liz­za­ta da Gior­da­no Cur­re­ri. Ma la pos­sia­mo scor­ge­re an­che in di­men­sio­ni de­ci­sa­men­te più «an­ge­li­che» co­me nel ri­trat­to a fi­gu­ra in­te­ra di Fa­bri­zio Pas­sa­rel­la. Ol­tre ai tan­ti omag­gi ese­gui­ti da nu­me­ro­si ar­ti­sti nel cor­so de­gli anni, in mo­stra tro­via­mo al­cu­ni abi­ti che la can­tan­te ha in­dos­sa­to sui pal­chi di mez­zo mon­do com­pre­so il ce­le­bre to­tal black del Festival di San­re­mo del 1997 quan­do can­tò ... E dim­mi che non vuoi mo­ri­re.

C’era an­che lei, Ni­co­let­ta-Pat­ty, ie­ri nel pa­laz­zo della Re­gio­ne To­sca­na per l’inau­gu­ra­zio­ne ac­can­to al pre­si­den­te del con­si­glio re­gio­na­le Eu­ge­nio Gia­ni. Ac­col­ta da ol­tre cin­quan­ta fan mol­to fo­co­si che hanno in­va­so l’adia­cen­te Tea­tro della Com­pa­gnia inon­dan­do­la di gri­da e af­fet­to. «Una mo­stra de­di­ca­ta a una can­tan­te nel pa­laz­zo del Con­si­glio? Vie­ne in con­tro al­la no­stra vo­lon­tà di aprir­ci e con­fron­tar­si con la cul­tu­ra di mas­sa» ha spie­ga­to Gia­ni cer­can­do di far­si lar­go tra la fol­la.

«Firenze è sem­pre sta­ta me­ra­vi­glio­sa­men­te ge­ne­ro­sa con me — ha esor­di­to la can­tan­te ta­glian­do il na­stro — a Pa­laz­zo Pit­ti so­no espo­sti al­cu­ni miei abi­ti che mi col­lo­ca­no, in­giu­sta­men­te ma con gran­de or­go­glio, tra le don­ne più im­por­tan­ti del No­ve­cen­to. E ora que­sta mo­stra, un al­tro at­to d’amo­re». Pat­ty Pra­vo ac­co­glie con un sor­ri­so la pa­ro­la «di­va» nel ti­to­lo della mo­stra che per lei si­gni­fi­ca «so­lo» che «so­no una per­so­na che fa be­ne il suo me­stie­re da più di 50 anni e ho un do­no».

Lei e la cit­tà «Firenze è sem­pre sta­ta ge­ne­ro­sa con me Que­sto di oggi è un at­to d’amo­re»

Pro­ta­go­ni­sta A sinistra Pat­ty Pra­vo al ta­glio del na­stro della mo­stra, ie­ri con Pao­lo Bam­ba­gio­ni ( a sinistra) ed Eu­ge­nio Gia­ni A de­stra, dall’alto, l’ope­ra «Leo­nar­do meee­ts Pat­ty Par­vo» di Alan Pa­scuz­zi, (2017) e Pat­ty in ver­sio­ne «Mar­tian» di Vin­cen­zo Bo­nan­ni (2016)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.