Corriere Fiorentino

Bambino muore dopo l’intervento, un caso al Meyer

La Procura ha aperto un fascicolo. Decisa l’autopsia

- Gori

Un bambino di 10 anni, sabato scorso, muore dopo un intervento al Meyer. E i genitori ieri hanno presentato un esposto in Procura per chiedere chiarezza su quanto successo.

Un bambino di dieci anni, sabato scorso, muore dopo un intervento chirurgico al Meyer. E i genitori ieri hanno presentato un esposto in Procura per chiedere chiarezza su quanto successo al loro figlio.

Il bambino, un fiorentino, viene ricoverato venti giorni fa all’ospedale pediatrico fiorentino. Deve essere operato alla spina dorsale ma il suo problema non desta particolar­i preoccupaz­ioni. L’intervento, condotto da un team di neurochiru­rgia che fa capo al dottor Lorenzo Genitori, si rivela però più delicato del previsto. L’operazione vertebrale non può essere portata a conclusion­e perché in sala operatoria emerge il sospetto che il bimbo abbia una grave patologia. Una malattia sottostant­e e pregressa. Così, il piccolo paziente viene riportato in terapia intensiva, dove partono gli esami diagnostic­i, anche genetici, per fare chiarezza sul secondo problema emerso.

Sabato scorso, prima che il responso definitivo degli esami sia arrivato, il bambino viene riportato in sala operatoria con un doppio obiettivo: concludere l’operazione iniziata e non finita venti giorni prima ma anche compiere un intervento esplorativ­o per fare maggiore chiarezza sulla seconda patologia.

«ll bambino — spiegano dal Meyer — purtroppo non ha superato il secondo intervento, per complicanz­e intercorse: nonostante tutti gli sforzi, è deceduto in rianimazio­ne», dopo essere uscito dalla sala operatoria.

Il team di neurochiru­rgia che ha condotto l’intervento non ha atteso ordini dall’alto e ha chiesto subito un riscontro autoptico, accolto dalla direzione dell’ospedale che per fare chiarezza su quanto accaduto ha disposto ogni tipo di accertamen­to. Nei prossimi giorni al Meyer si attendono i risultati degli esami diagnostic­i fatti sul bimbo, oltreché dell’autopsia. E malgrado non ci sia una sola ipotesi, i medici dell’ospedale pediatrico punterebbe­ro l’attenzione sulla possibilit­à che la morte del paziente di dieci anni sia legata a una grave malattia genetica. «Quando muore un bambino il dispiacere è enorme», spiegano dai vertici del Meyer, che esprimono «cordoglio e vicinanza» alla famiglia. I genitori ieri hanno però presentato un esposto in Procura per chiedere a loro volta di fare chiarezza. Il loro figlio era entrato al Meyer per un intervento che, per quanto non di routine, non sembrava destare particolar­i preoccupaz­ioni. In venti giorni la situazione è precipitat­a, fino alla tragedia di sabato.

È probabile quindi che nei prossimi giorni la Procura — che comunque ha aperto un fascicolo — possa disporre degli accertamen­ti, facendo acquisire la cartella clinica e disponendo un’autopsia affidata a consulenti terzi.

Ipotesi Secondo i medici all’orgine della tragedia ci sarebbe una grave malattia genetica

 ??  ?? I locali dell’ospedale pediatrico Meyer, dove è morto nei giorni scorsi il bambino di dieci anni
I locali dell’ospedale pediatrico Meyer, dove è morto nei giorni scorsi il bambino di dieci anni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy