Lisi e l’edi­to­re dei ta­len­ti

Il pri­mo romanzo del­lo scrit­to­re fio­ren­ti­no gra­zie a ef­fe­qu: a Or­be­tel­lo il tram­po­li­no di lan­cio di gio­va­ni au­to­ri to­sca­ni protagonisti di fe­sti­val e ri­vi­ste

Corriere Fiorentino - - Culture - Di Vanni San­to­ni

Si­mo­ne Lisi, fio­ren­ti­no classe ’85, sa­rà un esor­dien­te ma il suo non è un no­me igno­to per chi se­gue la ri­bol­len­te sce­na let­te­ra­ria cit­ta­di­na di que­sti an­ni: lo si è let­to su va­rie del­le ri­vi­ste di re­cen­te emer­sio­ne, co­me A few words, Stan­za 251 o Fu­ga dal­la boc­cio­fi­la del­la qua­le è tra i fon­da­to­ri; lo si è let­to su ri­vi­ste on­li­ne non fio­ren­ti­ne, ma le­ga­te a va­rio ti­to­lo al sor­ge­re di una nuo­va coor­te di va­li­di nar­ra­to­ri, co­me «Scrit­to­ri pre­ca­ri» o «Cra­pu­la Club»; lo si è sen­ti­to leg­ge­re ai rea­ding al Caf­fè Not­te o a quel­li del Fe­sti­val del­le Let­te­ra­tu­re So­cia­li, ol­tre ai mol­ti che lui stes­so ha or­ga­niz­za­to in gi­ro per la cit­tà.

E se è ve­ro che og­gi scri­ve­re su ri­vi­ste, e in se­con­da bat­tu­ta or­ga­niz­za­re even­ti let­te­ra­ri, è il mo­do più ef­fi­ca­ce per ar­ri­va­re a un de­but­to in li­bre­ria, non ci si stu­pi­rà di tro­va­re og­gi, su­gli scaf­fa­li, il suo pri­mo romanzo, Un’al­tra ce­na, edi­to da ef­fe­qu e in­te­ra­men­te am­bien­ta­to in un in­ter­no, un pic­co­lo ap­par­ta­men­to do­ve vi­ve una cop­pia di tren­ten­ni. Un romanzo in cui l’uni­tà di tem­po e azio­ne è qua­si to­ta­le, da­to che, fat­ti sal­vi rac­con­ti e fla­sh­back, più un’in­cur­sio­ne me­ta­nar­ra­ti­va, si svol­ge nell’esat­to ar­co del­la ce­na, dal­la preparazione al suo svol­gi­men­to, fi­no ai sa­lu­ti e al­le con­si­de­ra­zio­ni a por­ta chiu­sa. Gio­ca mol­to con i dia­lo­ghi, Lisi, ma non ama gli ec­ces­si: l’in­quie­tu­di­ne è la­ten­te, il ru­mo­re del mon­do sta fuo­ri, e di­scor­si e pen­sie­ri sono ri­por­ta­ti con toc­co lie­ve e una sen­si­bi­li­tà da «scrit­to­re da ca­me­ra». Ta­le ra­re­fa­zio­ne ab­brac­cia an­che il te­ma por­tan­te del romanzo: se è ve­ro, co­me ha di­chia­ra­to lo stes­so Lisi, che «do­ve c’è un tren­ten­ne c’è cri­si», i suoi tren­ten­ni pa­io­no co­sì usi a que­sto sta­to da con­si­de­rar­lo nor­ma­li­tà, la pu­ra e sem­pli­ce ac­qua in cui nuo­ta­no.

An­che la pos­si­bi­li­tà di ri­bel­lar­si vie­ne con­si­de­ra­ta so­lo in ter­mi­ni di un at­ti­vi­smo cul­tu­ra­le cer­to non ri­vo­lu­zio­na­rio — si va­gheg­gia l’oc­cu­pa­zio­ne di un ci­ne­ma ab­ban­do­na­to on­de ren­der­lo al pub­bli­co — e co­mun­que re­sta ipo­te­si mai ve­ra­men­te pre­sa sul se­rio. Per­ché, co­me dice uno dei par­te­ci­pan­ti al­la ce­na, tut­ti gio­va­ni adul­ti che com­bi­na­no ele­va­te ca­pa­ci­tà di ana­liz­za­re il con­te­sto con una scar­sis­si­ma, e au­to­di­chia­ra­ta, co­no­scen­za del pro­prio ve­ro sé, «esi­ste so­lo la vi­ta bor­ghe­se», an­che quan­do la bor­ghe­sia co­min­cia a ca­pi­re di es­se­re sta­ta ero­sa, di es­se­re di­ven­ta­ta so­lo un pro­le­ta­ria­to col­to e con qual­che be­ne­fit in più, e pri­vo or­mai del­la stes­sa ca­pa­ci­tà di pen­sa­re col­let­ti­va­men­te: l’uni­ca so­cie­tà in cui an­co­ra si ri­tie­ne pos­si­bi­le crea­re sen­so è quel­la a due, lo spa­zio con­di­vi­so del­la cop­pia e del­la sua abi­ta­zio­ne: un ri­fu­gio, e il suo rit­mo in­te­rio­re, che ven­go­no di­pin­ti da Lisi con to­ni chia­ri che pa­io­no ispi­ra­ti dal­le ope­re tar­de di DeLil­lo, ma sen­za dis­so­cia­zio­ne, o dal ci­ne­ma di Ha­ne­ke, ma sen­za vio­len­za.

Un romanzo quin­di che ben si in­se­ri­sce nel­la nuo­va col­la­na di nar­ra­ti­va di ef­fe­qu, se è ve­ro che il di­ret­to­re edi­to­ria­le Fran­ce­sco Qua­tra­ro ha det­to di cer­ca­re ro­man­zi «leg­ge­ri e in­quie­ti». E se va­le la pe­na par­la­re di Un’al­tra ce­na in quan­to buon romanzo, va­le la pe­na far­lo an­che per sot­to­li­nea­re l’im­por­tan­za per la cit­tà, in que­sto mo­men­to sto­ri­co-let­te­ra­rio, dell’edi­to­re in que­stio­ne: ef­fe­qu ne­gli ul­ti­mi an­ni ci ha da­to l’esor­dio di Fran­ce­sco D’Isa, quel­lo di Ga­brie­le Mer­li­ni e quel­lo di Mat­teo Pa­sco­let­ti che, sì è um­bro ma le­ga­to al­la «sce­na» (e poi, co­me in­se­gna Ma­la­par­te, gli um­bri sono un po’ to­sca­ni); pres­so ef­fe­qu sono usci­te an­to­lo­gie, cu­ra­te dal­lo stes­so Mer­li­ni, che han­no fat­to il pun­to del­la pri­ma ge­ne­ra­zio­ne del­la sce­na, co­me «Se­le­zio­ne Na­tu­ra­le», e poi del­la se­con­da, co­me «Odi», o an­co­ra «Di tut­ti i mon­di pos­si­bi­li», cu­ra­ta da Sil­via Co­stan­ti­no e na­ta da sim­po­si sul fan­ta­sy te­nu­ti­si da To­doMo­do e al­la Ci­té.

In­som­ma, tut­ti quei gio­va­ni e gio­va­nis­si­mi au­to­ri che han­no let­to al Caf­fè Not­te o al Fe­sti­val del­le Let­te­ra­tu­re So­cia­li in Pol­ve­rie­ra, che si sono for­ma­ti in ri­vi­ste co­me 404:FNF, Riot Van, L’eco del nul­la, Street Book Ma­ga­zi­ne o Con.Tem­po, che han­no or­ga­niz­za­to Fi­ren­ze Ri­Vi­sta oi sud­det­ti rea­ding men­tre le isti­tu­zio­ni con­ti­nua­va­no a pa­tro­ci­na­re even­ti stan­chi o sem­pre più di­stan­ti dal­la vi­ta cit­ta­di­na, la lo­ro spon­da edi­to­ria­le l’han­no tro­va­ta in un pic­co­lo edi­to­re di Or­be­tel­lo. Un fat­to che of­fre la spon­da per un in­vi­to all’ul­ti­mo grande edi­to­re pre­sen­te sul no­stro ter­ri­to­rio. Se Giun­ti, spe­cie ades­so che con l’ac­qui­si­zio­ne di Bom­pia­ni si è do­ta­ta di una co­sto­la ad al­to tas­so let­te­ra­rio, po­sas­se l’oc­chio sul te­so­ro che c’è nel­la sua cit­tà, un te­so­ro di au­to­ri gio­va­ni o gio­va­nis­si­mi am­bi­zio­si e in più di un ca­so già de­gni di una «ma­jor», po­treb­be da un la­to da­re ul­te­rio­re spin­ta di cre­sci­ta a que­sta sce­na co­sì vi­ta­le, e dall’al­tro tro­va­re un mag­gior ra­di­ca­men­to nel­la so­cie­tà let­te­ra­ria cit­ta­di­na; nel frat­tem­po, ci te­nia­mo stret­ta ef­fe­qu, e le au­gu­ria­mo vi­ta lun­ga.

La sto­ria di «Un’al­tra ce­na» è in­te­ra­men­te am­bien­ta­ta in un pic­co­lo ap­par­ta­men­to do­ve vi­ve una cop­pia di tren­ten­ni e l’in­quie­tu­di­ne è la­ten­te

Pri­ma di lui i de­but­ti di Fran­ce­sco D’Isa, Ga­brie­le Mer­li­ni, Mat­teo Pa­sco­let­ti e poi an­to­lo­gie che han­no fat­to il pun­to del­la sce­na let­te­ra­ria di og­gi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.