Na­dia Ter­ra­no­va e il suo ro­man­zo: sto­ria di se­pa­ra­zio­ni

Na­dia Ter­ra­no­va a Fi­ren­ze con «Addio Fan­ta­smi»: rac­con­to la li­be­ra­zio­ne da un’as­sen­za do­lo­ro­sa Il nuo­vo li­bro del­la scrit­tri­ce si­ci­lia­na Og­gi da Fe­ny­sia

Corriere Fiorentino - - Da Prima Pagina - di An­to­nio Mon­ta­na­ro

A 13 an­ni Ida La­qui­da­ra è co­stret­ta ad af­fron­ta­re la pri­ma se­pa­ra­zio­ne del­la sua vita, quel­la più do­lo­ro­sa: il pa­dre, ma­la­to di de­pres­sio­ne, va via da ca­sa. E non tor­ne­rà più. Da quel mo­men­to è in­va­sa da un vuo­to enor­me: «lei sta lì den­tro e ci vi­ve intorno». A 36 an­ni tor­na a Mes­si­na, in quell’abi­ta­zio­ne che ha la­scia­to per tra­sfe­rir­si a Ro­ma, do­ve vi­ve con il ma­ri­to Pie­tro e la­vo­ra per la ra­dio: la ma­dre l’ha ri­chia­ma­ta per­ché c’è da ri­strut­tu­ra­re l’ap­par­ta­men­to di fa­mi­glia che vuo­le met­te­re in ven­di­ta.

È in que­sti ven­ti­tré an­ni che si svol­ge la sto­ria rac­con­ta­ta in Addio Fan­ta­smi (Ei­nau­di Sti­le Li­be­ro), se­con­do ro­man­zo (do­po l’esor­dio con gli An­ni al con­tra­rio) di Na­dia Ter­ra­no­va. Il li­bro sarà pre­sen­ta­to og­gi a Fi­ren­ze alle 17.30 nel­la se­de del­la Scuo­la di scrit­tu­ra Fe­ny­sia, in via de’ Puc­ci, 4. «Se­pa­ra­zio­ne — rac­con­ta la gio­va­ne scrit­tri­ce si­ci­lia­na — è una parola che rac­chiu­de tan­te co­se, con cui spes­so dob­bia­mo fa­re i con­ti: vi­ve­re è un con­ti­nuo se­pa­rar­si da qualcuno, da qual­co­sa. E se­pa­rar­si vuol di­re ri­fon­dar­si, ri­co­struir­si. Ida, la pro­ta­go­ni­sta del ro­man­zo, al­la fi­ne si di­sin­ca­glia dal bloc­co che ha fre­na­to tut­ta la sua esi­sten­za e lo fa do­po un per­cor­so lun­go e do­lo­ro­so». Nel viag­gio ver­so la ca­sa pe­ri­co­lan­te, con il tet­to dan­neg­gia­to dall’ac­qua e do­ve so­no cu­sto­di­ti tut­ti i suoi ri­cor­di ado­le­scen­zia­li, pian pia­no di­ven­ta con­sa­pe­vo­le, apre gli oc­chi sul pe­so dell’as­sen­za del pa­dre. «Ida la­scia a Ro­ma il ma­ri­to per tor­na­re a Mes­si­na, ma tra lo­ro c’è an­che una se­pa­ra­zio­ne dei cor­pi, per­ché si è esaurito il de­si­de­rio, o quan­to me­no si è esau­ri­ta la pri­ma fa­se dell’in­con­tro tra due per­so­ne, quel­la più pas­sio­na­le. E il de­si­de­rio for­se va ri­fon­da­to o for­se no, chis­sà».

Nel li­bro si in­trec­cia­no, dun­que, va­rie se­pa­ra­zio­ni. An­che quel­la dall’ami­ca Sa­ra, che le fa no­ta­re quan­to il vuo­to di que­gli an­ni ab­bia por­ta­to al­la rot­tu­ra del lo­ro rap­por­to: «Il do­lo­re è la co­sa più egoi­sta che esi­ste — con­ti­nua Na­dia Ter­ra­no­va — e la co­sa che più se­pa­ra gli es­se­ri uma­ni, al­me­no nel­la pri­ma fa­se, quan­do è vio­len­to, quan­do non è an­co­ra ela­bo­ra­to. Non pos­sia­mo pen­sa­re che di que­sto no­stro egoi­smo gli al­tri non si ac­cor­ga­no. Quan­do si rin­con­tra con la sua mi­glio­re ami­ca, fi­nal­men­te Ida rie­sce a ve­der­la estra­nian­do­si da sé, da quel­la bol­la in cui era im­pri­gio­na­ta. In real­tà Sa­ra l’ave­va vi­sta e l’ave­va re­spin­ta quel­la bol­la. Spe­ro che da­van­ti a que­sta par­te del li­bro al­la fi­ne il let­to­re ri­co­no­sca le ra­gio­ni di Sa­ra e la sua sen­si­bi­li­tà».

Ma c’è an­che l’in­con­tro con uno sco­no­sciu­to, Ni­kos (l’ope­ra­io gre­co che sta ri­pa­ran­do il tet­to del­la ca­sa), che spin­ge la pro­ta­go­ni­sta di Addio Fan­ta­smi a ve­de­re in pro­fon­di­tà i ven­ti­tré an­ni tra­scor­si dal­la scom­par­sa del pa­dre: «A vol­te con un estra­neo riu­scia­mo a es­se­re più au­ten­ti­ci, più li­be­ri. Lui fiu­ta di po­ter la­sciar­si an­da­re con Ida e le parla del­la mor­te del­la sua com­pa­gna, del fu­ne­ra­le. È l’uni­co mo­men­to in cui Ida non in­va­de con il suo do­lo­re gli al­tri. Lei ascol­ta e ba­sta, la sua vita intorno al vuo­to ri­ma­ne in di­spar­te. È sem­pre sgra­de­vo­le fa­re una clas­si­fi­ca del do­lo­re, ma nel rac­con­to di Ni­kos, lei ri­scon­tra una tra­gi­ci­tà più ag­ghiac­cian­te del­la sua, ri­ma­ne pa­ra­liz­za­ta e rea­gi­sce».

Un al­tro ele­men­to ri­cor­ren­te nel ro­man­zo è l’ac­qua, quel­la che at­tra­ver­so il ven­to umi­do con­su­ma le abi­ta­zio­ni o quel­la che Ida da bam­bi­na ve­de nel­le pu­pil­le del pa­dre ac­cuc­cia­to nel let­to.

«So­no cre­sciu­ta a Mes­si­na, te­nen­do il ma­re come pun­to car­di­na­le. Come di­ce­va Scia­scia ri­fe­ren­do­si al­la sic­ci­tà, in Si­ci­lia l’ac­qua è an­che un pro­ble­ma. Nel ro­man­zo l’ac­qua è il pa­dre. Fa­re i con­ti con l’ac­qua, con una pre­sen­za-as­sen­za mi­nac­cio­sa, si­gni­fi­ca fa­re i con­ti con il pa­dre». Un te­ma for­te, pre­sen­te an­che ne­gli An­ni al con­tra­rio do­ve Ma­ra, 11 an­ni, si con­fron­ta sem­pre con una fi­gu­ra pa­ter­na as­sen­te, an­che se per al­tri mo­ti­vi. «So­no due per­so­nag­gi ra­di­cal­men­te di­ver­si, pe­rò so­no una la pos­si­bi­le e sim­bo­li­ca pro­se­cu­zio­ne dell’al­tra. Que­sto li­bro non è sta­to me­no do­lo­ro­so dal pun­to di vi­sta del­lo sca­vo per­so­na­le, pe­rò ho sen­ti­to una li­ber­tà in­fi­ni­ta, che ho uti­liz­za­to mol­to nel­lo sti­le, nel­la lin­gua». Quin­di con Ida si è «di­sin­ca­glia­ta» an­che lei? «Sì, di­rei pro­prio di sì», risponde la scrit­tri­ce.

Il ca­stel­lo del Pu­pa­ro a Ma­re­gros­so (Mes­si­na) è il luo­go do­ve si svol­ge l’in­con­tro tra Ida, la pro­ta­go­ni­sta di «Addio fan­ta­smi», e il gio­va­ne Ni­kos

Na­dia Ter­ra­no­va è na­ta a Mes­si­na nel 1978 e vi­ve a Ro­ma

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.