«Cam­bio di pas­so per i vi­gi­li»

Il co­man­dan­te e i fron­ti aper­ti in cit­tà: la­vo­ria­mo be­ne, i fio­ren­ti­ni chie­do­no di più

Corriere Fiorentino - - Da Prima Pagina - Di Pao­lo Cec­ca­rel­li e Mar­zio Fa­tuc­chi

«Stia­mo fa­cen­do un buon la­vo­ro, ma bi­so­gna es­se­re più in­ci­si­vi, a par­ti­re dal con­tra­sto agli abu­si­vi e ai fal­si mi­mi che gi­ra­no in cen­tro». Ales­san­dro Ca­sa­le è di­ven­ta­to il co­man­dan­te del­la po­li­zia mu­ni­ci­pa­le fio­ren­ti­na po­co più di un an­no fa. Per lui è dun­que tem­po di un pri­mo bi­lan­cio. «Sto cer­can­do di da­re un nuo­vo rit­mo al­le no­stre at­ti­vi­tà: ca­pi­sco che que­sto pos­sa crea­re ma­lu­mo­ri in­ter­ni, ma dob­bia­mo ri­spon­de­re al­la cit­tà», di­ce il co­man­dan­te.

Ales­san­dro Ca­sa­le, co­man­dan­te del­la po­li­zia mu­ni­ci­pa­le di Fi­ren­ze, pren­de il cel­lu­la­re e scor­re i da­ti su­gli in­ter­ven­ti dei vi­gi­li in cit­tà. «Ogni mat­ti­na ri­ce­vo un re­port su quan­te pat­tu­glie so­no in stra­da, do­ve so­no e co­sa fan­no». Ca­sa­le pun­ta mol­to sull’ana­li­si dei nu­me­ri, a par­ti­re da quel­li dell’or­ga­ni­co del­la mu­ni­ci­pa­le (780 agen­ti) che lo por­ta­no più di una vol­ta du­ran­te que­sta in­ter­vi­sta nel­la se­de del Cor­rie­re Fio­ren­ti­no a ri­cor­da­re che «la co­per­ta è cor­ta e che se spo­sto una pat­tu­glia su un fron­te, ne la­scio sco­per­to un al­tro». Pe­rò, ag­giun­ge, «la co­sa im­por­tan­te per noi è non per­de­re di vi­sta la per­ce­zio­ne dei fio­ren­ti­ni: se la cit­tà chie­de at­ten­zio­ne su un di­sa­gio, dob­bia­mo sa­per ri­spon­de­re. Per que­sto ho chie­sto agli agen­ti di es­se­re più in­ci­si­vi e reat­ti­vi su al­cu­ni fe­no­me­ni, co­me i fal­si mi­mi e l’abu­si­vi­smo com­mer­cia­le in cen­tro sto­ri­co».

Co­man­dan­te, lei è ar­ri­va­to a Fi­ren­ze 13 me­si fa. Do­ve par­cheg­gia l’au­to in cit­tà?

«La mia au­to è ri­ma­sta a Mi­la­no.

Qui va­do qua­si esclu­si­va­men­te a pie­di, an­che quan­do so­no in ser­vi­zio».

Beh, avrà ca­pi­to che par­cheg­gia­re l’au­to a Fi­ren­ze è un di­sa­stro...

«No. Il fat­to è che ven­go da una real­tà, quel­la lom­bar­da, do­ve l’uti­liz­zo del mez­zo pub­bli­co è una nor­ma­li­tà».

E qui usa bus e tram­via? «In qual­che oc­ca­sio­ne ho usa­to la tram­via e l’ho tro­va­ta pie­na. Ma le di­stan­ze so­no a mi­su­ra di gam­ba, quin­di va­do spes­so a pie­di».

Con l’oc­chio del vi­gi­le ur­ba­no, qual è il pro­ble­ma più gran­de di Fi­ren­ze?

«Io ho la­vo­ra­to in un pae­se da 3.200 abi­tan­ti, poi in una cit­tà da 50 mi­la e in un’al­tra da 130 mi­la: i pro­ble­mi so­no gli stes­si, cam­bia­no le di­men­sio­ni e le di­na­mi­che del­la cit­tà. A Fi­ren­ze cer­te pro­ble­ma­ti­che di­ven­ta­no più im­por­tan­ti per­ché la cit­tà è fre­quen­ta­ta da mi­lio­ni di per­so­ne: dall’abu­si­vi­smo com­mer­cia­le al con­trol­lo dei lo­ca­li, tut­to è più com­ples­so».

E il traf­fi­co? Non se la ca­ve­rà di­cen­do che an­che su que­sto tut­to il mon­do è pae­se...

«Quan­do ero co­man­dan­te del­la mu­ni­ci­pa­le a Mon­za, in ca­so di pro­ble­mi po­te­vo usa­re tan­gen­zia­li e cir­con­val­la­zio­ni co­me val­vo­le di sfo­go. Que­sta op­por­tu­ni­tà qui non c’è e se suc­ce­de qual­co­sa sui via­li, ne ri­sen­te tut­ta Fi­ren­ze. Ma non si può di­re che la cit­tà non si sia or­ga­niz­za­ta: pen­sia­mo an­che so­lo al­la tec­no­lo­gia che re­go­la ai se­ma­fo­ri, che è una ec­cel­len­za na­zio­na­le».

Gio­ve­dì scor­so so­no sta­ti de­nun­cia­ti due ag­gres­so­ri del car­dio­chi­rur­go e di sua mo­glie in­cin­ta di 9 me­si. Ma quel­la se­ra in via de­gli An­sel­mi c’era­no de­ci­ne di ra­gaz­zi­ni a in­ci­ta­re gli ag­gres­so­ri e a fa­re bel­la­men­te tut­to ciò che vo­le­va­no, as­sie­pa­ti sul­le au­to in so­sta e sui mo­to­ri­ni par­cheg­gia­ti ovun­que. In­som­ma, la fo­to­gra­fia di una ma­la­mo­vi­da che sem­bra fuo­ri con­trol­lo. Non è com­pi­to an­che del­la po­li­zia mu­ni­ci­pa­le fer­mar­la, fa­cen­do ri­spet­ta­re le re­go­le?

«Bi­so­gna par­ti­re dal bas­so, fa­cen­do ri­spet­ta­re tut­te le nor­me più ele­men­ta­ri del­le ci­vi­le convivenza. Si pen­sa sem­pre ci sia qual­co­sa di più gra­ve di cui oc­cu­par­si, in­ve­ce una so­cie­tà si ba­sa su re­go­le ele­men­ta­ri. Pren­dia­mo la so­sta: una zo­na do­ve le au­to so­no par­cheg­gia­te ovun­que dà l’idea di una ter­ri­to­rio non go­ver­na­to at­ten­ta­men­te».

A Fi­ren­ze la so­sta sel­vag­gia è una pia­ga. Co­sa fa­te per con­tra­star­la?

«Sia­mo mol­to im­pe­gna­ti an­che su que­sto. Fac­cia­mo un la­vo­ro che for­se non ha ef­fet­ti spe­cia­li, ma che al­la fi­ne pa­ga».

Quan­ti vi­gi­li ci so­no ogni not­te sul­la stra­da per con­trol­la­re la mo­vi­da e tut­to ciò che la crea, co­me i lo­ca­li, l’al­col, il ru­mo­re?

«Le pren­do il re­port che mi han­no man­da­to sta­ma­ni (ve­ner­dì scor­so, ndr): di not­te avre­mo 29 pat­tu­glie in ser­vi­zio dal­le 20 di se­ra al­le 6 di mat­ti­na. Lo sfor­zo è gran­de: ogni not­te una pat­tu­glia che la­vo­ra con Alia, una che con­trol­la l’area mo­nu­men­ta­le e i mi­ni­mar­ket, tre pat­tu­glie di pron­to in­ter­ven­to e una per in­ci­den­ti, tre pat­tu­glie an­ti­a­bu­si­vi­smo in bor­ghe­se, una che si oc­cu­pa del­le se­gna­la­zio­ni dei cit­ta­di­ni. E que­st’ul­ti­mo è un ser­vi­zio im­por­tan­tis­si­mo, per­ché ciò che ci di­co­no i fio­ren­ti­ni ci con­sen­te di af­fron­ta­re me­glio i pro­ble­mi».

In tut­ta sin­ce­ri­tà, que­sti nu­me­ri so­no suf­fi­cien­ti per una cit­tà co­me Fi­ren­ze?

«È ov­vio che se aves­si a di­spo­si­zio­ne il dop­pio de­gli agen­ti, sa­rei so­lo con­ten­to. Ma fac­cia­mo be­ne an­che con la do­ta­zio­ne at­tua­le, cer­can­do di ot­ti­miz­za­re e mas­si­miz­za­re. E co­mun­que stia­mo as­su­men­do al­tri 100 agen­ti».

Più vol­te il sin­da­co ha ri­cor­da­to che l’or­di­ne pub­bli­co e la si­cu­rez­za non so­no com­pi­to del Co­mu­ne ma del­le for­ze dell’or­di­ne. Poi pe­rò fa­te i con­cor­si e chie­de­te pre­stan­za fi­si­ca, ave­te in­tro­dot­to i ca­ni an­ti-dro­ga e au­men­ta­to gli agen­ti an­ti-de­gra­do, e vor­re­ste spe­ri­men­ta­re il ta­ser. Non è una con­trad­di­zio­ne o peg­gio un’ipo­cri­sia?

«Noi ab­bia­mo del­le com­pe­ten­ze che ri­guar­da­no la vi­ta nor­ma­le del­la cit­tà: si­cu­rez­za stra­da­le e ur­ba­na, am­bien­te, tu­te­la del con­su­ma­to­re. La cri­mi­na­li­tà è di com­pe­ten­za del­lo Sta­to, ma non è che ci vol­tia­mo dall’al­tra par­te se per esem­pio du­ran­te il con­trol­lo di un’au­to ab­bia­mo il so­spet­to che ci sia­no stu­pe­fa­cen­ti».

Pon­te Vec­chio è un pic­co­lo gran­de suk. Ep­pu­re i vi­gi­li im­pe­gna­ti non sem­bra­no ge­ne­ral­men­te mol­to reat­ti­vi di fron­te a con­cla­ma­te vio­la­zio­ni del­la le­ga­li­tà, co­me la ven­di­ta di mer­ce con­traf­fat­ta: cam­mi­na­no su e giù sen­za in­ter­ve­ni­re. Per­ché?

«Non è un suk! For­se lo era pri­ma, ma ora la si­tua­zio­ne è mi­glio­ra­ta. Ogni gior­no im­pie­ghia­mo due pat­tu­glie per tu­te­la­re l’im­ma­gi­ne di Pon­te Vec­chio, che è un brand mon­dia­le. Ci sia­mo da­ti que­sta or­ga­niz­za­zio­ne: le pat­tu­glie in ser­vi­zio evi­ta­no che gli abu­si­vi po­si­no la mer­ce a ter­ra, al­tre in­ter­ven­go­no per la re­pres­sio­ne ve­ra e pro­pria».

Scu­si, co­man­dan­te, pe­rò co­sì con­fer­ma che i vi­gi­li in ser­vi­zio su Pon­te Vec­chio pas­seg­gia­no e ba­sta.

«Se fos­se­ro lo­ro a in­ter­ve­ni­re per fa­re i se­que­stri, il pon­te re­ste­reb­be sco­per­to per ore per­ché le ope­ra­zio­ni di se­que­stro e se­gna­la­zio­ne non so­no im­me­dia­te. In ogni ca­so vor­rei ri­cor­da­re che da gen­na­io ad og­gi ab­bia­mo se­que­stra­to 174 mi­la og­get­ti fal­si, vin­cen­do per que­sto un pre­mio An­ci. Non si può di­re che sia­mo fer­mi».

Il lun­gar­no Pe­co­ri Gi­ral­di è or­mai la riva su cui de­ci­ne e de­ci­ne di pull­man sca­ri­ca­no tu­ri­sti pro­ve­nien­ti da ogni do­ve, bloc­can­do il traf­fi­co. Il Co­mu­ne di­ce che i con­trol­li ven­go­no fat­ti, ma i pull­man ogni gior­no so­no lì. Per­ché? Chiu­de­te gli oc­chi?

«No, no: noi non chiu­dia­mo

gli oc­chi. Ma si tor­na al­la que­stio­ne del­la co­per­ta cor­ta: per met­te­re una pat­tu­glia fis­sa sul lun­gar­no Pe­co­ri Gi­ral­di, de­vo la­scia­re sco­per­to un al­tro luo­go. Tol­go gli agen­ti da Pon­te Vec­chio? O da via de’ Ne­ri? Non mi sem­bra una buo­na idea. Noi dob­bia­mo si­cu­ra­men­te ot­ti­miz­za­re, ma la ri­fles­sio­ne da fa­re sem­pre è sul­la pro­por­zio­na­li­tà tra il pro­ble­ma e il no­stro in­ter­ven­to».

Ma il pro­ble­ma di fon­do non è che i pull­man van­no fat­ti fer­ma­re al­tro­ve?

«Esat­to. Il Co­mu­ne pun­ta a spo­star­li nel par­cheg­gio di via­le Gui­do­ni, quan­do sa­rà in fun­zio­ne la li­nea 2 del­la tram­via».

A pro­po­si­to di tram­via: a 4 me­si dall’en­tra­ta in fun­zio­ne la li­nea 3, l’im­pe­gno dei vi­gi­li sul fron­te del traf­fi­co è au­men­ta­to o di­mi­nui­to?

(Ca­sa­le sor­ri­de, ndr) «Di­cia­mo che, cam­bian­do l’as­set­to del­la mo­bi­li­tà, c’è bi­so­gno di un’at­ten­zio­ne par­ti­co­la­re. Pe­rò pos­so di­re che in al­cu­ni gior­ni, co­me mar­te­dì scor­so, i via­li era­no già più sca­ri­chi di au­to. Gli ef­fet­ti si co­min­cia­no a ve­de­re, an­che se in ma­nie­ra un po’ ran­dom».

Piaz­za Sta­zio­ne e piaz­za Dal­ma­zia: con le mo­di­fi­che vo­lu­te dall’as­ses­so­re Gior­get­ti, la si­tua­zio­ne è mi­glio­ra­ta, peg­gio­ra­ta o è ri­ma­sta la stes­sa?

«Ri­spet­to all‘av­vio, ab­bia­mo al­leg­ge­ri­to i ser­vi­zi stan­dard sia al­la sta­zio­ne che in piaz­za Dal­ma­zia. Ma na­tu­ral­men­te man­te­nia­mo le an­ten­ne bel­le drit­te, con quat­tro pat­tu­glie che si oc­cu­pa­no dei via­li e tre al­la sta­zio­ne».

Do­po 13 me­si, che voto da­reb­be al­la sua squa­dra?

«So­no sod­di­sfat­to. La­vo­ria­mo be­ne e stia­mo rag­giun­gen­do buo­ni ri­sul­ta­ti. Ma il no­stro com­pi­to è mi­glio­rar­ci ogni gior­no. Ad esem­pio ho chie­sto più reat­ti­vi­tà sull’abu­si­vi­smo com­mer­cia­le in cen­tro: noi dob­bia­mo es­se­re do­ve ci so­no i tap­pe­ti­ni, non 50 me­tri più in là. E la stes­sa co­sa va­le sui fal­si mi­mi. Ca­pi­sco che que­sto cam­bia­men­to di rit­mo pos­sa su­sci­ta­re qual­che ma­lu­mo­re in­ter­no, ma dob­bia­mo ri­spon­de­re al­le esi­gen­ze del­la cit­tà».

So­no que­sti ma­lu­mo­ri ad aver cau­sa­to le di­mis­sio­ni di Sil­via Ben­ci­ni da re­spon­sa­bi­le dei vi­gi­li del­la zo­na Une­sco, an­ti­ci­pa­te ie­ri da Re­pub­bli­ca Fi­ren­ze?

«In ge­ne­ra­le non com­men­to le vi­cen­de in­ter­ne dei la­vo­ra­to­ri».

Ma te­me uno scio­pe­ro a bre­ve?

«As­so­lu­ta­men­te no, tra l’al­tro sto fa­cen­do un per­cor­so di con­di­vi­so­ne del­le scel­te or­ga­niz­za­ti­ve con tut­ti i sin­da­ca­ti».

Il la­vo­ro dei vi­gi­li è mol­to cri­ti­ca­to, non so­lo dai gior­na­li. Ha mai pen­sa­to di la­scia­re?

«No. Una vol­ta ar­ri­va­to qui, po­te­vo de­ci­de­re di la­scia­re le co­se co­sì co­me era­no, de­le­gan­do tut­to ai 7 li­vel­li di ge­rar­chia. Ma ave­vo e ho in te­sta un al­tro ti­po di la­vo­ro, con il cit­ta­di­no al cen­tro. E sen­to la pre­sen­za di un’am­mi­ni­stra­zio­ne co­mu­na­le che so­stie­ne il co­rag­gio di scel­te nuo­ve».

Rom­pi­ca­po traf­fi­co La si­tua­zio­ne in piaz­za Dal­ma­zia e al­la sta­zio­ne è mi­glio­ra­ta, ma te­nia­mo co­mun­que agen­ti in zo­na Io co­me mi spo­sto? Qua­si sem­pre a pie­di

I pull­man sul lun­gar­no Met­te­re una pat­tu­glia fis­sa non è la so­lu­zio­ne, sa­ran­no spo­sta­ti nel par­cheg­gio di via­le Gui­do­ni quan­do sa­rà in fun­zio­ne la li­nea 2

La rior­ga­niz­za­zio­ne Sto cer­can­do di da­re un al­tro rit­mo al la­vo­ro del­la Mu­ni­ci­pa­le e ca­pi­sco che ci sia­no dei ma­lu­mo­ri, ma non cre­do ci sa­ran­no scio­pe­ri

Scel­to tra 25 can­di­da­ti Ca­sa­le è di­ven­ta­to co­man­dan­te vin­cen­do la se­le­zio­ne or­ga­niz­za­ta da Palazzo Vec­chio nel 2017

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.