Nar­del­la s’in­fu­ria: il mio par­ti­to si chia­ma Fi­ren­ze

Corriere Fiorentino - - Primo Piano -

«Il mio par­ti­to si chia­ma Fi­ren­ze», di­ce Da­rio Nar­del­la. È ar­rab­bia­to, il sin­da­co, ma ten­ta di tra­sfor­ma­re l’ira in ener­gia per la lun­ga cam­pa­gna elet­to­ra­le che lo aspet­ta. È ar­rab­bia­to per­ché la can­di­da­tu­ra di Mar­co Min­ni­ti, di cui è sta­to uno dei pri­mi fir­ma­ta­ri, è nau­fra­ga­ta per le ten­sio­ni tra l’ex mi­ni­stro dell’In­ter­no e Mat­teo Ren­zi. Ed è ar­rab­bia­to per­ché le vo­ci sul pos­si­bi­le nuo­vo par­ti­to dell’ex pre­mier (smen­ti­to ie­ri per la pri­ma vol­ta a tar­da se­ra) crea­no agitazione an­che nel Pd fio­ren­ti­no a 5 me­si dal­le ele­zio­ni. Quel­la per Pa­laz­zo Vec­chio sa­rà una sfi­da ad al­tis­si­mo va­lo­re sim­bo­li­co: vin­ce­re a Fi­ren­ze, per la Le­ga, vor­reb­be di­re umi­lia­re i ren­zia­ni. Non a ca­so il 20 di­cem­bre Mat­teo Sal­vi­ni ar­ri­ve­rà in cit­tà per lan­cia­re la cam­pa­gna del Car­roc­cio. In que­sto con­te­sto, Nar­del­la avreb­be bi­so­gno di un par­ti­to com­pat­to e im­pe­gna­to so­lo sul­le ele­zio­ni. In­ve­ce si ri­tro­va in mez­zo al con­gres­so e for­se al­la vi­gi­lia di una scis­sio­ne. Da qui la scel­ta di non par­la­re più del­le be­ghe in­ter­ne al Pd e di pun­ta­re tut­to sul suo pro­fi­lo di sin­da­co. «Ora so­no al 100% pan­cia a ter­ra im­pe­gna­to per Fi­ren­ze. Non ho in­ten­zio­ne di oc­cu­par­mi del­la po­li­ti­ca na­zio­na­le: so­no con­cen­tra­to su Fi­ren­ze, fac­cio il sin­da­co di Fi­ren­ze, e mi pre­pa­ro per pro­por­re ai fio­ren­ti­ni un pro­get­to per i pros­si­mi cin­que an­ni», ha det­to ie­ri, con la ri­pe­ti­zio­ne del no­me del­la cit­tà che sem­bra di­ven­ta­re il man­tra per scac­cia­re gli in­cu­bi tar­ga­ti Pd. Pun­ta­re tut­to sul­le co­se fat­te da pri­mo cit­ta­di­no, di­sin­ne­sca­re il rac­con­to del­le ele­zio­ni co­me un pic­co­lo re­fe­ren­dum su Ren­zi e il ren­zi­smo, da­re un pro­fi­lo ci­vi­co al­la coa­li­zio­ne. Tra­dot­to: da­re for­za al­le li­ste ci­vi­che, in par­ti­co­la­re quel­la che por­te­rà il suo no­me, che af­fian­che­ran­no il Pd. Tra que­ste po­treb­be es­ser­ci an­che quel­la di Vit­to­rio Sgar­bi. «Mi ha chie­sto Nar­del­la di so­ste­ne­re la sua can­di­da­tu­ra con la li­sta Ri­na­sci­men­to», ha det­to Sgar­bi a Rtv38, ag­giun­gen­do pe­rò che «Fi­ren­ze pro­ba­bil­men­te non re­ste­rà al­la si­ni­stra. Trop­pi so­no sta­ti gli er­ro­ri di Ren­zi». Nar­del­la non smen­ti­sce la ri­chie­sta, an­zi: «Sgar­bi? È una per­so­na bril­lan­te». (P.C.)

Vit­to­rio Sgar­bi «Da­rio mi ha chie­sto di so­ste­ne­re la sua can­di­da­tu­ra con la li­sta Ri­na­sci­men­to»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.