Ad­dio a Ra­di­ce, il mi­ster dei gio­va­ni An­to­gno­ni e Ba­ti

Ad­dio all’al­le­na­to­re che nel ‘76 fe­ce vo­la­re Fi­ren­ze. Nel 93’ ci ri­pro­vò, ma Vit­to­rio...

Corriere Fiorentino - - Da Prima Pagina - di Da­vid Guet­ta

Un li­bro non si giu­di­ca mai dal­la co­per­ti­na, è ve­ro, ma nean­che dall’ul­ti­ma pa­gi­na, che nel ca­so di Gi­gi Ra­di­ce, scom­par­so ie­ri all’età di 83 anni, è sta­ta cer­ta­men­te la più brut­ta e la più in­giu­sta. Non ci si può fer­ma­re in­fat­ti al 3 gen­na­io 1993, cioè il gior­no del suo ama­ro ad­dio al­la pan­chi­na vio­la con la squa­dra quar­ta in clas­si­fi­ca, per spie­ga­re cos’è sta­to per la Fio­ren­ti­na un al­le­na­to­re fan­ta­sti­co ne­gli anni set­tan­ta, il pri­mo e il più bra­vo a tra­dur­re in Ita­lia l’af­fa­sci­nan­te cal­cio olan­de­se che ave­va con­qui­sta­to il mon­do.

Le pro­ve ge­ne­ra­li del­lo sto­ri­co scu­det­to gra­na­ta con­qui­sta­to nel 1976 Ra­di­ce le fe­ce pro­prio a Fi­ren­ze, in­gag­gia­to ap­pe­na tren­tot­ten­ne dal pre­si­den­te Ugo­li­ni. Ar­ri­va­va dopo due anni di in­se­gna­men­ti sve­de­si, leg­gi al­la vo­ce Lie­d­holm, ma ci vo­le­va una scos­sa. Lui pro­vò a dar­la con una ni­dia­ta mol­to più che pro­met­ten­te, dei qua­si cam­pio­ni gui­da­ti da un gio­va­nis­si­mo An­to­gno­ni. Al tec­ni­co brian­zo­lo pia­ce­va mol­tis­si­mo svez­za­re i ra­gaz­zi più bra­vi, il pro­ble­ma era che in vio­la c’era­no an­co­ra fior di se­na­to­ri, so­prat­tut­to uno: Pic­chio De Si­sti. Non si pre­se­ro mai ca­rat­te­rial­men­te e al ca­pi­ta­no vio­la pri­ma ven­ne tol­ta la mi­ti­ca ma­glia nu­me­ro die­ci e poi an­che quel­la da ti­to­la­re, ma la squa­dra vo­la­va e quel­la era la so­la co­sa che con­ta­va.

Poi nel gi­ro­ne di ri­tor­no ci fu qua­si un ina­bis­sa­men­to, mi­schia­to a cer­ti gos­sip più o me­no ve­ri­tie­ri che por­ta­ro­no ra­pi­da­men­te Ra­di­ce in rot­ta di col­li­sio­ne con la pre­si­den­za. Il ri­sul­ta­to fu che si pre­fe­rì an­da­re sul gran­de no­me ed ec­co quin­di ar­ri­va­re un Roc­co mol­to de­mo­ti­va­to Di­cias­set­te anni dopo ci fu il se­con­do tem­po del­la sua sto­ria con Fi­ren­ze, qua­si ina­spet­ta­ta. Un re­ma­ke na­to per espres­so vo­le­re di Ma­rio Cec­chi Gori, men­tre a Vit­to­rio l’idea non pia­ce­va af­fat­to, co­me ven­ne poi am­pia­men­te di­mo­stra­to nel­la ver­go­gno­sa sce­na­ta po­st scon­fit­ta in­ter­na con l’Ata­lan­ta. Ra­di­ce ria­ni­mò atle­ti­ca­men­te una squa­dra che La­za­ro­ni ave­va al­le­na­to con me­to­di mol­to di­scu­ti­bi­li e so­prat­tut­to ge­stì il pri­mo Ba­ti­stu­ta. Non fu su­bi­to amo­re, an­zi Gi­gi il bur­be­ro era piut­to­sto per­ples­so da­van­ti al­la tec­ni­ca del fu­tu­ro Re Leo­ne, ma il ra­gaz­zo di Re­con­qui­sta fu più for­te di qual­sia­si dub­bio e al­la fi­ne di­ven­tò in­so­sti­tui­bi­le, fa­cen­do ar­rab­bia­re mol­tis­si­mo l’om­bro­so Mar­co Bran­ca. Il cam­pio­na­to suc­ces­si­vo fu quel­lo del­la gran­de il­lu­sio­ne, con la cop­pia Ba­ti-Ba­ia­no che spo­po­la­va, un cal­cio di­ver­ten­te e an­che il­lu­sio­ni di scu­det­to, fi­no ad ar­ri­va­re a quel­la ma­le­det­ta do­me­ni­ca di gen­na­io.

Ma­rio era ri­ma­sto a Ro­ma bloc­ca­to da una bron­chi­te e il ba­sto­ne del co­man­do era co­sì nel­le ma­ni di Vit­to­rio, che per­se com­ple­ta­men­te il con­trol­lo, ag­gre­den­do con vee­men­za il suo al­le­na­to­re dopo la scon­fit­ta con l’Ata­lan­ta. Se non fos­se sta­to li­cen­zia­to, Ra­di­ce si sa­reb­be cer­ta­men­te di­mes­so per­ché cer­te co­se non po­te­va per­met­ter­se­le nes­su­no, nean­che il suo pre­si­den­te. La­sciò Fi­ren­ze sen­za im­ma­gi­na­re l’in­cre­di­bi­le re­tro­ces­sio­ne di qual­che me­se dopo e con l’or­go­glio di un re­cord dif­fi­cil­men­te bat­ti­bi­le: ha gio­ca­to tre vol­te al Fran­chi con­tro la Ju­ve e tre vol­te ha vin­to, sem­pre con lo stes­so pun­teg­gio: due a ze­ro. Fos­se so­lo per que­sto, ma non è so­lo per que­sto, me­ri­te­reb­be un po­sto d’ono­re nel­la sto­ria vio­la.

La Fio­ren­ti­na del­la sta­gio­ne 92-93 che ar­ri­vò qua­si fi­no in vet­ta per poi fi­ni­re l’an­no con la re­tro­ces­sio­ne A si­ni­stra Gi­gi Ra­di­ce in­sie­me al suo men­to­re Nils Lie­d­holm

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.