Del­la Val­le ai gio­ca­to­ri: «Toc­ca a voi»

Il pa­tron a sor­pre­sa al cen­tro spor­ti­vo: ba­sta con l’ali­bi gio­vi­nez­za, e Pio­li non si di­scu­te

Corriere Fiorentino - - Da Prima Pagina - Ros­si

Una vi­si­ta a sor­pre­sa. Per guar­da­re ne­gli oc­chi la squa­dra e lo staff tec­ni­co. E so­prat­tut­to per ri­ba­di­re a tut­ti che Pio­li non è in di­scus­sio­ne e che è pro­prio nei mo­men­ti di dif­fi­col­tà che de­ve ar­ri­va­re una cre­sci­ta del grup­po. An­drea Del­la Val­le ha scel­to la gior­na­ta di ie­ri per mo­ti­va­re la Fio­ren­ti­na en­tra­ta in cri­si di ri­sul­ta­ti e at­te­sa dal­la dif­fi­ci­le tra­sfer­ta di Sas­suo­lo che po­treb­be se­gna­re il bi­vio di una sta­gio­ne.

Quan­do la bar­ca per­de la rot­ta il ca­pi­ta­no non so­lo de­ve ri­ma­ne­re a bor­do, ma an­che fa­re di tut­to per rag­giun­ge­re la de­sti­na­zio­ne si­cu­ra. Avrà pen­sa­to pro­prio a que­sto An­drea Del­la Val­le che ha vo­lu­to in­con­tra­re la squa­dra per da­re la scos­sa e ri­por­ta­re i suoi a re­ma­re nel­la di­re­zio­ne giu­sta. Il por­to di ar­ri­vo, so­lo per sot­to­li­near­lo, è quell’Eu­ro­pa Lea­gue che la so­cie­tà ha fis­sa­to co­me me­ta la scor­sa esta­te e che no­no­stan­te que­sto pe­rio­do di dif­fi­col­tà re­sta al­la por­ta­ta.

Co­sì ie­ri, di buon mat­ti­no, Adv si è pre­sen­ta­to al cen­tro spor­ti­vo e ha aspet­ta­to che Pio­li e la squa­dra ar­ri­vas­se­ro per l’al­le­na­men­to. Pri­ma che la se­du­ta ini­zias­se, per una mez­zo­ra ab­bon­dan­te, ha par­la­to a cuo­re aper­to ma con fer­mez­za. Ha rac­con­ta­to le sue emo­zio­ni ma so­prat­tut­to le spe­ran­ze per il pro­se­guo di una sta­gio­ne che ha vi­sto la Fio­ren­ti­na com­met­te­re qual­che sci­vo­lo­ne di trop­po. Pri­ma di tut­to Del­la Val­le ha sgom­be­ra­to il cam­po da­gli equi­vo­ci su Ste­fa­no Pio­li. L’al­le­na­to­re non si toc­ca, nes­su­no dei di­ri­gen­ti ha mai pen­sa­to di far ve­ni­re me­no la fi­du­cia tra­mi­te un eso­ne­ro. È sta­to scel­to lui co­me gui­da e i ri­sul­ta­ti de­gli ul­ti­mi me­si non han­no fat­to va­cil­la­re que­sta cer­tez­za. Il per­cor­so in­tra­pre­so, già con­di­vi­so da tut­ti i di­ri­gen­ti e dall’al­le­na­to­re ol­tre che dal­la squa­dra, non ver­rà in­ter­rot­to. Cer­to, è nor­ma­le che a li­vel­lo di umo­re nel­le ul­ti­me set­ti­ma­ne ci sia sta­ta una fles­sio­ne, le vit­to­rie man­ca­te pe­sa­no per tut­ti.

Il pre­si­den­te ha poi esor­ta­to a non per­de­re la con­cen­tra­zio­ne e chie­sto di vol­ta­re pa­gi­na. Co­me? Sul cam­po, con i ri­sul­ta­ti. La pri­ma oc­ca­sio­ne per vol­ta­re pa­gi­na è do­ma­ni, a Reg­gio Emi­lia con­tro il Sas­suo­lo. In pas­sa­to la sfi­da con­tro i ne­ro­ver­di ave­va già fat­to da cor­ni­ce ad al­tri mo­men­ti di dif­fi­col­tà del­la Fio­ren­ti­na. Il grup­po, con il ca­pi­ta­no Pez­zel­la da­van­ti agli al­tri nel gran­de cer­chio che si è crea­to, ha ac­col­to con sod­di­sfa­zio­ne il mes­sag­gio. La vi­ci­nan­za del­la pro­prie­tà nei mo­men­ti in cui le co­se non gi­ra­no è un ot­ti­mo via­ti­co per scac­cia­re la cri­si, il grup­po lo sa. Nel­la te­sta dei gio­ca­to­ri ora de­ve scat­ta­re la con­vin­zio­ne per tra­sfor­ma­re la de­lu­sio­ne e la rab­bia in ben­zi­na per ri­met­ter­si in mo­to.

Del­la Val­le avreb­be an­che vo­lu­to se­gui­re la squa­dra in tra­sfer­ta a Reg­gio Emi­lia, co­me ha fat­to lo scor­so an­no e due anni fa, ma im­pe­gni di la­vo­ro con le al­tre azien­de fa­mi­lia­ri lo por­te­ran­no all’este­ro nel fi­ne set­ti­ma­na. È pro­prio per que­sto che ha de­ci­so di pre­sen­tar­si a Fi­ren­ze, an­che per di­mo­stra­re al grup­po che è pron­to a di­fen­der­li e ad ascol­tar­li nei mo­men­ti più dif­fi­ci­li. Nel cor­so del­la sua vi­si­ta An­drea ha an­che in­con­tra­to i suoi uo­mi­ni di fi­du­cia, da Cor­vi­no a Frei­tas fi­no ad An­to­gno­ni. Poi si è fer­ma­to a pran­zo con Ste­fa­no Pio­li, l’al­le­na­to­re che lo ha con­qui­sta­to per la sua pa­ca­tez­za mi­sce­la­ta al­la fer­mez­za. Se­du­ti in­tor­no al ta­vo­lo han­no con­ti­nua­to a par­la­re, men­tre i gio­ca­to­ri ar­ri­va­va­no a sca­glio­ni dopo l’al­le­na­men­to. Lì Adv ha ri­ba­di­to lo­ro al­tre pa­ro­le di in­co­rag­gia­men­to e di spro­no.

La Fio­ren­ti­na non può fa­re al­tro che ac­ce­le­ra­re, la scos­sa di An­drea de­ve fun­zio­na­re da sti­mo­lo. Già nei gior­ni scor­si Pio­li ave­va spie­ga­to che il fat­to­re gio­ven­tù non do­ve­va es­se­re un ali­bi per nes­su­no. Non ci do­vran­no es­se­re an­sie o ti­mo­ri tan­to gran­di da sof­fo­ca­re la fer­ma vo­lon­tà di tor­na­re a di­spu­ta­re l’Eu­ro­pa Lea­gue. La clas­si­fi­ca, cer­ta­men­te non bel­la ma che ab­brac­cia tan­te squa­dre in po­chi pun­ti, è an­co­ra ri­me­dia­bi­le. Del­la Val­le ha in­di­ca­to la rot­ta, sta al­la squa­dra rag­giun­ge­re la me­ta.

An­drea Del­la Val­le, pa­tron del­la Fio­ren­ti­na

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.