VIAG­GIO NEL­LA STO­RIA DEI ME­DI­CI: UN INI­ZIO CHIARISSIMO

Fu il pri­mo del­la fa­mi­glia di cui co­no­scia­mo la fir­ma Da lui, che vi­ve­va in cit­tà, di­scen­de Gio­van­ni di Bic­ci La ve­ra sto­ria del ca­sa­to Che non ha le sue ori­gi­ni nel Mu­gel­lo co­me si cre­de ma nel­la Fio­ren­za chiu­sa dal­le mu­ra ma­til­dia­ne

Corriere Fiorentino - - Da Prima Pagina - Di Mau­ro Bon­cia­ni

❞ L’avo del­la ge­nìa fu mem­bro del Con­si­glio di Fi­ren­ze e nel 1201 sti­pu­lò un’al­lean­za coi se­ne­si per la con­qui­sta di Se­mi­fon­te

Tut­to è av­vol­to nell’in­cer­tez­za, il lo­ro luo­go di ori­gi­ne, il ca­po­sti­pi­te, la na­sci­ta del­lo stem­ma, ma dal­la neb­bia del­la sto­ria esce il no­me di Chiarissimo, l’uo­mo i cui di­scen­den­ti so­no di­ven­ta­ti Du­chi e Gran­du­chi di To­sca­na, span­den­do il no­me dei Me­di­ci nel mon­do. Sui Me­di­ci so­no sta­ti scrit­ti li­bri, gi­ra­ti film e fic­tion te­le­vi­si­ve, su di lo­ro si ba­sa la for­tu­na di Fi­ren­ze gra­zie al «pat­to di fa­mi­glia» che vin­co­lò al­la cit­tà i ca­po­la­vo­ri de­gli Uf­fi­zi, ma cir­co­la­no an­che tan­te ine­sat­tez­ze che fan­no la for­tu­na del­le gui­de e de­gli au­to­ri di sce­neg­gia­tu­re ma che so­no nel mi­glio­re dei ca­si «scor­cia­to­ie» per ar­ri­va­re a par­la­re de­gli uo­mi­ni e del­le don­ne del­la ca­sa­ta e dei lo­ro luo­ghi. E cer­to, po­chis­si­mi han­no sen­ti­to par­la­re di Chiarissimo e del­le ori­gi­ni del­la fa­mi­glia.

Il viag­gio nel­la lo­ro sto­ria ini­zia non nel Mu­gel­lo, co­me vuo­le la leg­gen­da e co­me es­si nar­ra­va­no, ma nel cuo­re del­la Fio­ren­za che ave­va su­pe­ra­to l’an­no Mil­le ed era rac­chiu­sa nel­le mu­ra ma­til­dia­ne, co­strui­te at­tor­no al 1078, la ce­le­bre «cer­chia an­ti­ca» evo­ca­ta da Dan­te nel­la Di­vi­na Com­me­dia, che in­glo­bò il Bat­ti­ste­ro e la cat­te­dra­le di San­ta Re­pa­ra­ta e di­fen­de­va gli ol­tre die­ci­mi­la fio­ren­ti­ni che vi vi­ve­va­no, tut­ti in ri­va de­stra dell’Ar­no. Non c’è trac­cia sto­ri­ca dell’ori­gi­ne mu­gel­la­na dei Me­di­ci, le pri­me pro­prie­tà so­no do­cu­men­ta­te dal 1169 nel mer­ca­to vec­chio del­la cit­tà, con ca­se, un pa­laz­zo e una tor­re, ac­can­to al­la chie­set­ta di San Tommaso, do­ve og­gi c’è l’Ho­tel Sa­voy, in piaz­za del­la Re­pub­bli­ca, la­to via Ro­ma e che fu ab­bat­tu­ta a fi­ne Ot­to­cen­to nel ri­sa­naA­ve­rar­do men­to del cen­tro.

Nul­la si co­no­sce del ca­po­sti­pi­te leg­gen­da­rio Me­di­co di Po­tro­ne, dal cui no­me de­ri­ve­reb­be quel­lo del­la fa­mi­glia, né di un ca­va­lie­re di Car­lo Ma­gno, Ave­rar­do, al­tro no­me in­di­ca­to co­me il pri­mo dei Me­di­ci e che si rac­con­ta­va af­fron­tò il gi­gan­te Mu­gel­lo che ter­ro­riz­za­va quel ter­ri­to­rio e lo scon­fis­se: du­ran­te lo scon­tro il gi­gan­te con­fic­cò più vol­te la pro­pria maz­za nel­lo scu­do do­ra­to di Ave­rar­do e i se­gni ri­ma­sti sul­lo scu­do ispi­ra­ro­no lo stem­ma con le pal­le ros­se su fon­do oro (in real­tà l’ori­gi­ne del­lo stem­ma è igno­ta). La teo­ria del­le ori­gi­ni mu­gel­la­ne si ba­sa an­che sul fat­to che ave­va­no il pa­tro­na­to di chie­se nel­la zo­na e due ca­stel­li nel ter­ri­to­rio di San Pie­ro a Sie­ve, ma la sto­ria do­cu­men­ta­ta ini­zia a Fi­ren­ze e all’ori­gi­ne ci fu Giam­buo­no, di cui non sap­pia­mo mol­to al­tro se non che nac­que at­tor­no al 1131 e mo­rì at­tor­no ai ses­san­ta anni e che eb­be da una mo­glie che non co­no­scia­mo i fi­gli Chiarissimo, na­to nel 1167, e Bo­na­giun­ta. Bo­na­giun­ta è ci­ta­to nei do­cu­men­ti co­me con­si­glie­re del Co­mu­ne nel 1216 e te­sti­mo­ne in un at­to del 1221 ed è il pri­mo Me­di­ci ri­por­ta­to su un do­cu­men­to, ma la sua di­scen­den­za si estin­se nel XV se­co­lo non pri­ma di es­ser­si im­pa­ren­ta­ti con i Del­la To­sa, una del­le an­ti­che fa­mi­glie no­bi­li fio­ren­ti­ne. È da Chiarissimo, il pri­mo Me­di­ci la cui fir­ma ap­pa­re su un do­cu­men­to e che abi­ta­va nel mer­ca­to vec­chio, che de­ri­va­no i «Me­di­ci di Ca­fag­gio­lo», il ra­mo che nel gi­ro di un se­co­lo e mez­zo por­tò a Gio­van­ni di Bic­ci, uno de­gli uo­mi­ni più ric­chi del suo tem­po, abi­le ban­chie­re e po­li­ti­co, fon­da­to­re del­le for­tu­ne del­la ca­sa­ta in en­tram­bi i cam­pi. Chiarissimo fu mem­bro del Con­si­glio del­la Cit­tà di Fi­ren­ze, nel 1201 fu tra co­lo­ro che sti­pu­la­ro­no un’al­lean­za tra se­ne­si e fio­ren­ti­ni per la con­qui­sta di Se­mi­fon­te, cit­tà for­ti­fi­ca­ta del­la Val­del­sa de­gli Al­ber­ti e che fu ra­sa al suo­lo e non ri­sor­se più, ed eb­be un fi­glio che spo­sò Ales­sia Gri­mal­di di Ge­no­va, pri­ma mo­glie del­la ca­sa­ta di cui ab­bia­mo no­me e co­gno­me. Non si sa che me­stie­re fa­ces­se Chiarissimo, ma cer­to i Me­di­ci sta­va­no pas­san­do dal po­po­lo mi­nu­to al po­po­lo gras­so e la con­sor­te­ria ave­va ab­ba­stan­za sol­di da al­lar­ga­re le pro­prie­tà in Mu­gel­lo, tan­to che nel 1300 com­prò una di­mo­ra al Treb­bio, poi di­ven­ta­to il ca­stel­lo che la fa­mi­glia ten­ne per qua­si 4 se­co­li. L’al­be­ro ge­nea­lo­gi­co dei Me­di­ci è com­pli­ca­tis­si­mo, ma in sin­te­si da Chiarissimo, at­tra­ver­so suo fi­glio Fi­lip­po, il fi­glio di Fi­lip­po Ave­rar­do, il fi­glio di Ave­rar­do chia­ma­to co­me il pa­dre e gon­fa­lo­nie­re di giustizia (una del­le mas­si­me ca­ri­che del Co­mu­ne) e i suoi fi­gli e re­la­ti­va pro­le si ar­ri­va ad Ave­rar­do Bic­ci de’ Me­di­ci, il cui fi­glio Gio­van­ni di Bic­ci nac­que nel 1360 e mo­rì nel 1429, la­scian­do ric­chez­za a po­te­re a Co­si­mo il Vec­chio. Ave­rar­do Bic­ci era un mer­can­te, con ren­di­te fon­dia­rie dai pos­se­di­men­ti nel Mu­gel­lo e i Me­di­ci che era­no iscrit­ti all’ar­te di Ca­li­ma­la non spic­ca­va­no più di tan­to tra i mer­can­ti del­la cit­tà: fu Gio­van­ni di Bic­ci, at­tra­ver­so la crea­zio­ne di un ban­co e il rapporto con Vie­ri di Cam­bio, ti­to­la­re dell’uni­ca azien­da Me­di­ci im­pe­gna­ta in com­mer­ci e cam­bio su sca­la in­ter­na­zio­na­le, e gra­zie agli af­fa­ri con la Cu­ria pa­pa­le, a fa­re for­tu­na, usan­do la sua in­fluen­za con­tro l’an­ti­ca no­bil­tà e in par­ti­co­la­re gli Al­bi­zi. Fu Gio­van­ni che, in via Lar­ga, og­gi via Ca­vour, rag­grup­pò le ca­se dei Me­di­ci ed eles­se il quar­tie­re a pal­co­sce­ni­co del­la ca­sa­ta fi­nan­zian­do l’am­plia­men­to del­la chie­sa di San Lo­ren­zo e ot­te­nen­do­vi spa­zio per le se­pol­tu­re. Gio­van­ni di Bic­ci nel 1421 fu gon­fa­lo­nie­re di giustizia, nel 1421-22 am­ba­scia­to­re pres­so il Pa­pa, nel 1423 uno dei Die­ci di Ba­lìa che di­res­se­ro la guer­ra con­tro Mi­la­no, nel 1424 am­ba­scia­to­re a Bo­lo­gna e a Ve­ne­zia per la cit­tà e si spen­se il 20 feb­bra­io 1429 sen­za fa­re te­sta­men­to, ma se­con­do il bi­sni­po­te Lo­ren­zo il Ma­gni­fi­co la­scian­do 180.000 fio­ri­ni. E un ruo­lo che suo fi­glio Co­si­mo sep­pe sfrut­ta­re per far­si Si­gno­re del­la cit­tà.

1. Con­ti­nua

Bot­ti­cel­li: uo­mo con me­da­glia di Co­si­mo

A si­ni­stra Gio­van­ni di Bic­ci, pa­dre di Co­si­mo il Vec­chio, sot­to lo stem­ma dei Me­di­ci (pal­le ros­se su fon­do oro) che, nar­ra la leg­gen­da, de­ri­va dai col­pi in­fer­ti sul­lo scu­do di un avo del ca­sa­to, dal gi­gan­te del Mu­gel­lo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.