«Mi pia­ce cam­bia­re ruo­li e im­pe­gni, so­no at­tri­ce ma an­che wed­ding plan­ner»

Corriere Fiorentino - - Culture - Mar­co Lu­ce­ri

Per la gi­gan­te­sca in­du­stria del ci­ne­ma in­dia­no la gio­va­ne Taap­see Pan­nu è una star, ep­pu­re per cer­ti ver­si ap­pa­re an­co­ra co­me una fi­gu­ra mi­ste­rio­sa. Sa­rà per­ché fi­no­ra le è riu­sci­to di sfug­gi­re al­le fa­ci­li eti­chet­te: ex mo­del­la di­ven­ta­ta poi at­tri­ce, in bre­vis­si­mo tem­po (ha esor­di­to cinque anni fa) ha sa­pu­to far­si stra­da sia nel­le gran­di pro­du­zio­ni com­mer­cia­li che nei ge­ne­ri po­po­la­ri, e per­si­no in un cer­to ci­ne­ma d’au­to­re.

A dar pro­va del­la sua ver­sa­ti­li­tà so­no i due film che Pan­nu ver­rà a pre­sen­ta­re a Fi­ren­ze, in oc­ca­sio­ne del «Ri­ver to Ri­ver – Flo­ren­ce In­dian Film Fe­sti­val», al ci­ne­ma La Com­pa­gnia. Il pri­mo (do­ma­ni ore 20,30), Mulk, è un dram­ma giu­di­zia­rio sul con­flit­to mai so­pi­to tra hin­du e mu­sul­ma­ni, men­tre il se­con­do (mar­te­dì 11 ore 20,30), Hu­sband Ma­te­rial, è una com­me­dia ro­man­ti­ca in sal­sa Bol­ly­wood: «So­no sem­pre sta­ta un mul­ti ta­sker — rac­con­ta l’at­tri­ce — Fin dai miei gior­ni di scuo­la, ero so­li­ta pren­de­re par­te a più at­ti­vi­tà e cer­ca­re di es­se­re un buon ca­po­can­no­nie­re. Mi pia­ce de­fi­nir­mi un jol­ly di tut­ti i me­stie­ri. Pen­so che de­ri­vi dal fat­to che mi an­no­io fa­cil­men­te di tut­to ciò che po­treb­be ren­de­re mo­no­to­na la vi­ta. Per man­te­ne­re vi­vo il fuo­co in me, per vi­ve­re e sve­gliar­mi ogni mat­ti­na con la giu­sta ca­ri­ca, mi as­si­cu­ro di es­se­re coin­vol­ta in tut­to ciò che de­si­de­ro, con una cor­ret­ta pia­ni­fi­ca­zio­ne di idee. Per que­sto che, quan­do scel­go i ruo­li da in­ter­pre­ta­re, cer­co di non ri­pe­te­re gli stes­si per­so­nag­gi. Se fa­ces­si il con­tra­rio non mi di­ver­ti­rei più». Men­tre si gu­sta la sua asce­sa al ci­ne­ma, ha fat­to in mo­do di por­ta­re le sue am­bi­zio­ni an­che in al­tri am­bi­ti, co­me quel­lo dell’or­ga­niz­za­zio­ne di ma­tri­mo­ni, gra­zie al­la sua The Wed­ding Fac­to­ry, che ge­sti­sce con la so­rel­la Sha­gun; e non fi­ni­sce qui, per­ché Taap­see, ap­pas­sio­na­ta di sport fin dall’in­fan­zia, ha re­cen­te­men­te ac­qui­sta­to an­che una squa­dra nel­la Prie­mer Bad­min­ton Lea­gue. E di cer­to non si è ti­ra­ta in­die­tro, quan­do si è trat­ta­to di ade­ri­re an­che al mo­vi­men­to MeToo, che con­ti­nua a de­nun­cia­re i tan­ti epi­so­di di vio­len­za nei con­fron­ti del­le don­ne nel mon­do del ci­ne­ma: «Spe­ro che que­sto mo­vi­men­to aiu­ti a por­ta­re sen­si­bi­li­tà, tol­le­ran­za e sen­so di si­cu­rez­za tra i due ses­si — spie­ga — Che il ge­ne­re non sia un tram­po­li­no di lan­cio o un osta­co­lo du­ran­te il per­cor­so pro­fes­sio­na­le e che pos­sia­mo vi­ve­re in una so­cie­tà in cui la ses­sua­li­tà pos­sa es­se­re ce­le­bra­ta, non sfrut­ta­ta».

Mul­ti­ta­sking

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.