È la pri­ma don­na gay a ca­po del sin­da­ca­to dei po­li­ziot­ti «Vo­glio aiu­ta­re i miei col­le­ghi»

La­vo­ra in que­stu­ra, elet­ta nel Siulp-Cgil. «Spe­ro di aiu­ta­re i miei col­le­ghi a fa­re co­ming out»

Corriere Fiorentino - - Da Prima Pagina -

Di lei si di­rà che è la pri­ma po­li­ziot­ta omo­ses­sua­le a rag­giun­ge­re il ver­ti­ce di un or­ga­ni­smo sin­da­ca­le del­le for­ze dell’ordine. Ma Mi­che­la Pa­sca­li, 45 an­ni, elet­ta nel­la se­gre­te­ria na­zio­na­le del Sil­pC­gil, uno dei sin­da­ca­ti più nu­me­ro­si del­la po­li­zia, non ci sta ad es­se­re so­lo un simbolo. «È ov­vio che le te­ma­ti­che Lgbt fan­no par­te del­la mia at­ti­vi­tà ma ci sa­rà al­tro, al­tri­men­ti svi­li­rei il mio ruo­lo e quel­lo del sin­da­ca­to. Mi han­no vo­lu­to nel­la se­gre­te­ria na­zio­na­le non cer­to per­ché so­no omo­ses­sua­le». I te­mi nel­la sua agen­da, spie­ga, sa­ran­no tan­ti: «Sia­mo po­chi, vec­chi, con sti­pen­di ri­dot­ti, senza ri­cam­bio e senza con­trat­to». Mi­che­la è in po­li­zia da vent’an­ni, ha la­vo­ra­to al­la Pol­fer di Milano, poi a Fi­ren­ze do­ve è as­si­sten­te ca­po con il ruo­lo di tec­ni­co in­for­ma­ti­co. Nel­la sua pri­ma vi­ta ave­va un ma­ri­to, da cui ha avu­to due fi­gli che han­no 17 e 14 an­ni. Die­ci an­ni fa, do­po la se­pa­ra­zio­ne dal ma­ri­to, è ar­ri­va­ta Be­ne­det­ta, la sua com­pa­gna. «Ho un rap­por­to ot­ti­mo con i miei fi­gli e con il lo­ro pa­dre, sia­mo una fa­mi­glia bel­lis­si­ma», di­ce.

Da an­ni è im­pe­gna­ta sul­le te­ma­ti­che Lgbt (è vi­ce­pre­si­den­te dell’as­so­cia­zio­ne «Po­lis Aper­ta») a giu­gno si è vi­sta ne­ga­re dal­la que­stu­ra la pos­si­bi­li­tà di par­te­ci­pa­re in di­vi­sa al­la riu­nio­ne a Pa­ri­gi dell’Eu­ro­pean Glbt Po­li­ce As­so­cia­tion, or­ga­ni­smo che riu­ni­sce le as­so­cia­zio­ni che in 16 pae­si si bat­to­no per il ri­co­no­sci­men­to dei di­rit­ti del­le per­so­ne omo­ses­sua­li tra le for­ze di po­li­zia e ar­ma­te. Di­vie­to can­cel­la­to dal Di­par­ti­men­to, pur­ché la par­te­ci­pa­zio­ne fos­se fuori dal ser­vi­zio.

«Spe­ro — di­ce — che la mia ele­zio­ne pos­sa aiu­ta­re tan­ti col­le­ghi a fa­re co­ming out, a con­sen­ti­re a tut­ti quel­li che vi­vo­no un di­sa­gio di usci­re fuori senza ver­go­gnar­si di quel­lo che so­no». Du­ran­te que­sti vent’an­ni tra­scor­si in po­li­zia Mi­che­la ha su­bi­to com­por­ta­men­ti omo­fo­bi «ma al­la fi­ne — spie­ga — in ca­ser­ma è co­me nel­la vi­ta rea­le, di­pen­de chi ti tro­vi di fron­te. Ci so­no col­le­ghi e fun­zio­na­ri che han­no una sen­si­bi­li­tà enor­me e che han­no sem­pre ri­spet­ta­to le mie scel­te, altri in­ve­ce che ope­ra­no in ma­nie­ra ses­si­sta. I pro­ble­mi prin­ci­pa­li li lo ho avu­ti con del­le col­le­ghe non di­chia­ra­te ma omo­ses­sua­li. Il so­lo ac­co­sta­men­to con me da par­te de­gli altri sca­te­na­va in lo­ro rea­zio­ni pe­san­ti, un at­teg­gia­men­to pro­vo­ca­to dal­la pau­ra. È un pro­ble­ma cul­tu­ra­le, c’è nel­la po­li­zia, nel­le for­ze ar­ma­te e nel­la vi­ta rea­le».

Ora pe­rò le prio­ri­tà di Mi­che­la sin­da­ca­li­sta so­no al­tre. «In­nan­zi­tut­to il ri­cam­bio ge­ne­ra­zio­na­le. Que­sto go­ver­no cer­to non ha cam­bia­to la si­tua­zio­ne, si la­vo­ra sem­pre più in emer­gen­za, sia­mo a ran­ghi ri­dot­ti e con un’età ele­va­ta. Le pro­mes­se di Sal­vi­ni sem­bra­no so­lo pro­pa­gan­da».

Agen­da «Le te­ma­ti­che Lgbt fan­no par­te del­la mia at­ti­vi­tà, ma ci sa­rà an­che al­tro per non svi­li­re il ruo­lo del sin­da­ca­to. Non so­no qui per­ché so­no omo­ses­sua­le»

Mi­che­la Pa­sca­li, 45 an­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.