Par­la il co­lom­bia­no: «Al­tro che Milan, io qui per restare»

Par­la Muriel Il co­lom­bia­no e la scel­ta di Fi­ren­ze: «Sogno di restare a lun­go Io e la Fio­ren­ti­na pos­sia­mo dar­ci mol­to a vi­cen­da. Il Milan? Mai avu­to dub­bi»

Corriere Fiorentino - - Da Prima Pagina - di Tom­ma­so Lo­re­to

«La par­ti­ta di Mal­ta ha con­fer­ma­to che sto be­ne, non ve­do l’ora di gio­ca­re». Luis Muriel è en­tu­sia­sta del­la sua nuo­va av­ven­tu­ra e nel gior­no del­la sua pre­sen­ta­zio­ne sgom­bra il cam­po dai dub­bi sul­le sue con­di­zio­ni fi­si­che. «Le ho sen­ti­te le vo­ci sul fat­to che ten­do a in­gras­sa­re — at­tac­ca il co­lom­bia­no — ma cir­co­la­va­no so­lo quan­do le co­se an­da­va­no ma­le. Quan­do se­gna­vo nes­su­no si la­men­ta­va del mio peso. La ve­ri­tà è che so­no ma­tu­ra­to mol­to, non so­no più il ra­gaz­zo che ha com­mes­so tan­ti er­ro­ri».

C’è da cre­de­re a quel che di­ce, gli oc­chi gli bril­la­no e a Mal­ta, su­pe­ra­ta la fa­ti­ca dei pri­mi al­le­na­men­ti, le gam­be han­no ri­co­min­cia­to a gi­ra­re. «So­no ar­ri­va­to in un gruppo che mi ha ac­col­to al­la gran­de. C’è sta­ta su­bi­to la giu­sta chi­mi­ca con tut­ti, il pri­mo gior­no sem­bra­va che fos­si qui da sem­pre. Spe­ro di ri­pe­te­re le mie sta­gio­ni migliori con Udinese e Samp­do­ria. La­vo­re­rò du­ro per que­sto, so­lo co­sì posso es­se­re cer­to del ri­scat­to a fi­ne sta­gio­ne». Fi­ren­ze co­me pun­to d’ar­ri­vo: «In que­sto mo­men­to del­la mia car­rie­ra la Fio­ren­ti­na rappresenta mol­to, sogno di restare a lun­go. Posso da­re mol­to e questa piaz­za può da­re mol­to a me. Quan­do mi han­no det­to che c’era la pos­si­bi­li­tà di an­da­re an­che al Milan non ho avu­to dub­bi sul­la scel­ta di Fi­ren­ze. Ave­vo già par­la­to con Cor­vi­no e Pio­li, poi il mio ami­co Cua­dra­do mi ha con­vin­to de­fi­ni­ti­va­men­te».

Pio­li è se­du­to ac­can­to a lui, ri­de quan­do gli chie­do­no se vor­reb­be gio­ca­re con Si­meo­ne, ma quan­do si par­la del To­ro si fa se­rio: «A Mal­ta han­no la­vo­ra­to tut­ti be­ne, so­no in tan­ti quel­li che po­treb­be­ro gio­ca­re do­me­ni­ca ma cam­bie­rò mol­te po­si­zio­ni per­ché non vo­glio dar vantaggi a Maz­zar­ri — di­ce il tec­ni­co — Vo­glia­mo an­da­re avan­ti in coppa an­che se il cam­mi­no è com­pli­ca­to, dun­que schie­re­rò la for­ma­zio­ne mi­glio­re con tre at­tac­can­ti. Il mercato? Muriel può migliorarci, è in gra­do di cam­bia­re la ga­ra da un mo­men­to all’al­tro, se tro­ve­re­mo un’oc­ca­sio­ne del ge­ne­re a cen­tro­cam­po non ci fa­re­mo co­glie­re im­pre­pa­ra­ti».

In­tan­to i se­gna­li ar­ri­va­ti dal co­lom­bia­no con­fer­ma­no la vo­glia di esor­di­re. «In pas­sa­to mi so­no tro­va­to be­ne gio­can­do die­tro a Di Na­ta­le o Quagliarella, le scel­te pe­rò spet­ta­no al tec­ni­co. Io mi sen­to in gra­do di gio­ca­re in ogni zo­na dell’at­tac­co. Ci aspet­ta una par­ti­ta dif­fi­ci­le, il To­ri­no è una squa­dra ag­gres­si­va. Sa­rà una bat­ta­glia per­ché fisicamente so­no for­ti». L’uo­mo giu­sto, nel po­sto giu­sto, al mo­men­to giu­sto: Muriel vuole di­ven­ta­re que­sto per la Fio­ren­ti­na. Senza pro­cla­mi ma riu­scen­do fi­nal­men­te a te­ner fe­de a quel pa­ra­go­ne con Ro­nal­do che gli af­fib­biò Co­smi: «An­che se ho i pie­di pian­ta­ti a ter­ra l’ho sem­pre vis­su­to co­me un mo­ti­vo di gran­de or­go­glio per­ché vuol di­re che stai fa­cen­do be­ne il tuo la­vo­ro — con­clu­de Muriel — pe­rò vo­glio fa­re il mio per­cor­so e scri­ve­re una storia im­por­tan­te con la ma­glia viola».

Die­tro la scel­ta «A con­vin­cer­mi è sta­to an­che il mio ami­co Cua­dra­do. Il ruo­lo? A me ba­sta gio­ca­re»

Ste­fa­no Pio­li in­sie­me a Luis Muriel che ha scel­to la ma­glia nu­me­ro 29

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.