Lo sfo­go del su­per chi­rur­go: «Gua­da­gno tan­to? Sal­vo vi­te»

Ca­reg­gi, Ste­fà­no e la hit dei red­di­ti dei me­di­ci: io so quan­ta fa­ti­ca mi co­sta ogni eu­ro che in­cas­so

Corriere Fiorentino - - Da Prima Pagina - Giu­lio Go­ri

Esco­no le clas­si­fi­che dei «pa­pe­ro­ni» di Ca­reg­gi e il chi­rur­go da mez­zo mi­lio­ne di eu­ro all’anno, Pier­lui­gi Ste­fà­no, si sfo­ga: «A chi gio­va sa­pe­re quan­to gua­da­gna il me­di­co che ma­ga­ri ti sal­va la vi­ta?». Il pri­ma­rio di car­dio­chi­rur­gia rac­con­ta la vi­ta di chi, tra la sala ope­ra­to­ria e lo stu­dio del­le vi­si­te, si al­za alle sei di mat­ti­na e già pri­ma dell’al­ba sta sal­van­do una vi­ta a un pa­zien­te. Fi­no a tar­da se­ra. «In un’epoca di odia­to­ri se­ria­li, di per­so­ne che vo­mi­ta­no pa­ro­le sui so­cial sem­pre ca­ri­che di li­vo­re — di­ce — Non so a che ore si sve­gli­no cal­cia­to­ri, in­fluen­cer e fe­no­me­ni del web. Io mi sve­glio alle 6 tut­te le mat­ti­ne e non mi ver­go­gno dei miei gua­da­gni. Altri non so».

Ie­ri mat­ti­na si è al­za­to alle 6, qua­si due ore pri­ma dell’al­ba. E an­co­ra pri­ma che il so­le sor­ges­se era in sala ope­ra­to­ria a ri­pa­ra­re i cuo­ri dei pa­zien­ti, a sal­va­re vi­te. Per con­ti­nua­re fi­no a not­te fon­da. Co­sì, il pro­fes­sor Pier­lui­gi Ste­fà­no si è la­scia­to an­da­re a un ama­ro sfo­go, pub­bli­co, con un po­st su Fa­ce­book, do­po che la clas­si­fi­ca dei red­di­ti dei pro­fes­sio­ni­sti di Ca­reg­gi è di­ven­ta­ta pub­bli­ca. Con la ter­za piaz­za del po­dio e qua­si mez­zo mi­lio­ne di eu­ro all’anno, il pri­ma­rio di car­dio­chi­rur­gia si è vi­sto og­get­to di cri­ti­che sui so­cial. E non gli è an­da­ta giù. Non so­lo per­ché «in un’epoca di odia­to­ri se­ria­li, di per­so­ne che vo­mi­ta­no pa­ro­le sui so­cial sem­pre ca­ri­che di li­vo­re, pub­bli­ca­re di­chia­ra­zio­ni dei red­di­ti mi sem­bra inop­por­tu­no».

Il prin­ci­pa­le mo­ti­vo dell’ir­ri­ta­zio­ne di Ste­fà­no è la man­ca­ta per­ce­zio­ne del valore del la­vo­ro e del­la fa­ti­ca cui so­no sot­to­po­sti i me­di­ci che la­vo­ra­no nel pub­bli­co: «Noi sap­pia­mo quan­ta fa­ti­ca ci sia co­sta­to ognu­no di que­gli eu­ro gua­da­gna­ti. Co­no­sco le mie not­ti sui li­bri ed i con­ti­nui ag­gior­na­men­ti, il te­le­fo­no sem­pre ac­ce­so e la re­pe­ri­bi­li­tà an­che du­ran­te la not­te dell’ultimo dell’anno — scri­ve — La sa­ni­tà è una co­sa se­ria e de­li­ca­ta, co­me lo è il la­vo­ro de­gli in­fer­mie­ri e de­gli ope­ra­to­ri sa­ni­ta­ri che so­no fon­da­men­ta­li e che, lo­ro sì, do­vreb­be­ro pro­vo­ca­re in­di­gna­zio­ne per quan­to so­no sot­to­pa­ga­ti».

Per un chi­rur­go in pri­ma li­nea, per­si­no una te­le­fo­na­ta è un pro­ble­ma. Alle 16 ri­spon­de a una no­stra chia­ma­ta, si scu­sa per non ave­re avu­to il tem­po di ri­spon­de­re a un pre­ce­den­te mes­sag­gio e spie­ga di es­se­re im­pe­gna­to in una vi­si­ta: «Per le 7 me­no un quar­to do­vrei ave­re qual­che mi­nu­to li­be­ro», ci di­ce. Ma, alle sei, è lui a chia­ma­re: «Chie­do scu­sa, ho una don­na di 51 an­ni in ar­re­sto car­dia­co, stan­no pre­pa­ran­do la sala ope­ra­to­ria, è una que­stio­ne di vi­ta o di mor­te. Per le 22? Non so se avrò fi­ni­to».

I te­mi sol­le­va­ti da Ste­fà­no non so­no mol­to di­ver­si da quel­li di un po­st del­lo scor­so San Sil­ve­stro del dot­tor Daniele Pez­za­ti, chi­rur­go del cen­tro tra­pian­ti di fe­ga­to di Pi­sa, che ave­va rac­con­ta­to co­me fos­se sta­to co­stret­to a la­vo­ra­re an­che du­ran­te le fe­ste, lon­ta­no dai fa­mi­glia­ri. Ma se Pez­za­ti lan­cia­va una du­ra ac­cu­sa al di­sin­te­res­se del­la po­li­ti­ca per le sor­ti del­la sa­ni­tà, Ste­fà­no sce­glie to­ni più bas­si, non in­di­ca re­spon­sa­bi­li­tà, si li­mi­ta a rac­con­ta­re la du­ra vi­ta del chi­rur­go e di chi la­vo­ra al suo fian­co.

Una co­sa, in­fat­ti, rie­sce a di­re nel­la pri­ma, bre­vis­si­ma te­le­fo­na­ta: «Ac­cet­to l’in­ter­vi­sta so­lo se i to­ni so­no pa­ca­ti,

Ma a chi gio­va sa­pe­re quan­to gua­da­gna il me­di­co che ti cu­ra e ti ri­met­te in pie­di do­po un in­ci­den­te? In questa epoca di odia­to­ri tro­vo inop­por­tu­no pub­bli­ca­re clas­si­fi­che dei red­di­ti

non amo la vi­si­bi­li­tà». Per chi la­vo­ra in ospe­da­le, i rit­mi so­no sem­pre più fre­ne­ti­ci, gli im­pe­gni più pres­san­ti. Gli or­ga­ni­ci nel­la sa­ni­tà pub­bli­ca si as­sot­ti­glia­no, e gli sti­pen­di to­sca­ni so­no tra i più bas­si d’Ita­lia. Co­sì, i chi­rur­gi di mag­gior bla­so­ne fan­no mol­ta in­tra­moe­nia. Per Ste­fà­no la li­be­ra pro­fes­sio­ne co­sti­tui­sce la me­tà del red­di­to. Ma peg­gio va a in­fer­mie­ri e ope­ra­to­ri che, per sti­pen­di ri­si­ca­ti, si tro­va­no a fa­re straor­di­na­ri e tur­ni dop­pi an­che in set­to­ri in cui lo stress è for­tis­si­mo, co­me le sa­le ope­ra­to­rie o i pronto soc­cor­so. Del re­sto, lo ha rac­con­ta­to di re­cen­te il Cor­rie­re Fio­ren­ti­no, ci so­no giovani me­di­ci che fi­ni­ta la spe­cia­liz­za­zio­ne van­no a la­vo­ra­re all’este­ro o in Re­gio­ni a sta­tu­to spe­cia­le, per­ché qui, con il turn over qua­si bloc­ca­to, l’oriz­zon­te pro­fes­sio­na­le è quel­lo dei con­trat­ti pre­ca­ri.

Ste­fa­no, col suo po­st, ri­spon­de alle cri­ti­che de­gli odia­to­ri se­ria­li an­che con una (le­git­ti­ma) pun­ta di or­go­glio: «A chi gio­va sa­pe­re quan­to gua­da­gna il me­di­co che ma­ga­ri ti sal­va la vi­ta? Quel­lo che ti ren­de una vi­sta de­cen­te? Che ti ri­met­te in pie­di do­po un in­ci­den­te?». E con­clu­de: «Non so a che ora si sve­gli­no cal­cia­to­ri, in­fluen­cer, e fe­no­me­ni del web. Io mi sve­glio alle 6 tut­te le mat­ti­ne e non mi ver­go­gno dei miei gua­da­gni. Altri non so».

lui da gio­va­ne in cor­sia. So­pra lo sfo­go del chi­rur­go pi­sa­no Daniele Pez­za­ti do­po aver pas­sa­to una not­te di la­vo­ro a Ca­po­dan­no

Il car­dio­chi­rur­go di Ca­reg­gi Pier­lui­gi Ste­fà­no e a de­stra

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.