Lo­ren­zo, il mecenate più gran­de: fu poe­ta e sen­za fi­gli il­le­git­ti­mi

Sto­ria del­le di­na­stia Po­co in­cli­ne al­la ge­stio­ne del­la ban­ca di fa­mi­glia fu poe­ta, sta­ti­sta e ma­ri­to fred­do ma fe­de­le Sen­za fi­gli il­le­git­ti­mi Il mecenate più gran­de: Lo­ren­zo, fi­glio di Pie­ro, tra let­te­re, di­plo­ma­zia e dif­fi­ci­li equi­li­bri col Pa­pa

Corriere Fiorentino - - Da Prima Pagina - di Mau­ro Bon­cia­ni

«Quant’è bel­la gio­vi­nez­za, che si fug­ge tut­ta­via! Chi vuol es­ser lie­to, sia: di do­man non c’è cer­tez­za». Di Lo­ren­zo il Ma­gni­fi­co si co­no­sce tut­to, dal ma­tri­mo­nio con la no­bil­don­na ro­ma­na Cla­ri­ce Or­si­ni, al fi­glio Pa­pa, dal viag­gio a Na­po­li con il qua­le sal­vò Fi­ren­ze agli amo­ri cor­te­si. Ma ci so­no al­me­no quat­tro Lo­ren­zo, l’uma­ni­sta e poe­ta, lo sta­ti­sta, il ban­chie­re po­co abi­le, il ma­ri­to fred­do ma fe­de­le che al con­tra­rio di bab­bo e non­no non eb­be fi­gli il­le­git­ti­mi.

Lo­ren­zo espres­se al mas­si­mo gra­do la cul­tu­ra uma­ni­sti­ca e il me­ce­na­ti­smo di fa­mi­glia, unen­do idea­li­tà e ne­ces­sa­rio ci­ni­smo, co­me quan­do fe­ce sac­cheg­gia­re Vol­ter­ra nel 1472 e mol­tis­si­mi abi­tan­ti fu­ro­no mas­sa­cra­ti. Nac­que a Fi­ren­ze il pri­mo gen­na­io del

1449 da Pie­ro di Co­si­mo e Lu­cre­zia Tor­na­buo­ni, fu bat­tez­za­to nel gior­no del­la Be­fa­na per­ché i Me­di­ci ave­va­no fat­to pro­prio il mi­to dei Ma­gi, e fu al­le­va­to co­me un prin­ci­pe nel pa­laz­zo di via Lar­ga, edu­ca­to dai mi­glio­ri let­te­ra­ti del tem­po che lo se­gui­va­no an­che nel­le esta­ti a vil­la di Ca­fag­gio­lo col fra­tel­lo mi­no­re Giu­lia­no na­to nel 1453 brut­to, co­me Lo­ren­zo. Con­scio del ruo­lo di ere­de en­trò pre­sto in po­li­ti­ca a cau­sa del­la sa­lu­te mal­fer­ma di Pie­ro, il Got­to­so e quan­do il pa­dre mo­rì, Lo­ren­zo, a ven­ti an­ni, era pron­to: fu ac­cla­ma­to ca­po del­la ca­sa­ta e ac­cet­tò con ap­pa­ren­te umiltà «la cu­ra del­la cit­tà e del­lo sta­to». Raf­for­zò il pe­so dei Me­di­ci e col suo sti­le di vi­ta mo­strò all’Ita­lia e all’Eu­ro­pa il suo po­te­re e il fa­sci­no del­la sua cor­te di in­tel­let­tua­li, fi­lo­so­fi, ar­ti­sti. Per tut­ta la vi­ta tro­vò tem­po per le di­scus­sio­ni nel­la vil­la di Ca­reg­gi dell’Ac­ca­de­mia Neo­pla­to­ni­ca, per scri­ve­re poe­sie e poe­met­ti in lin­gua vol­ga­re, che ri­te­ne­va su­pe­rio­re al la­ti­no, per in­gag­gia­re duet­ti amo­ro­si con le sue fiam­me, vir­tua­li da­to che non tra­dì mai la mo­glie, co­me Lu­cre­zia Do­na­ti cui de­di­cò de­ci­ne di so­net­ti. Tra una trat­ta­ti­va e l’al­tra, una ma­no­vra per ac­cre­sce­re il po­te­re o di­fen­der­si dai ri­va­li, ama­va es­se­re pro­ta­go­ni­sta ai ban­chet­ti, nel­le gio­stre mo­strar­si as­sie­me al fra­tel­lo Giu­lia­no, an­che lui ca­va­lie­re nel­le gio­stre e im­pe- gna­to in amo­re cor­te­se con la bel­lis­si­ma Si­mo­net­ta Ve­spuc­ci, la don­na che Bot­ti­cel­li ri­tras­se nel­la Ve­ne­re e nel­la Pri­ma­ve­ra. Nel me­ce­na­ti­smo spe­se mol­tis­si­mo, per sov­ven­zio­na­re le ar­ti e gli ar­ti­sti ma an­che per la sua bi­blio­te­ca, fe­ce co­strui­re la vil­la di Pog­gio a Ca­ia­no e quel­la del Pog­gio Im­pe­ria­le, ma non si in­te­res­sò se­ria­men­te di fi­nan­za e il ban­co ne sof­frì, co­me an­che le fi­nan­ze del­la Re­pub­bli­ca.

Lo­ren­zo non era pe­rò un so­gna­to­re e sa­pe­va che l’osti­li­tà ver­so i Me­di­ci cre­sce­va, che ave­va nel pon­te­fi­ce Si­sto IV un acer­ri­mo ri­va­le, che il ri­si­ko che ve­de­va op­po­sti lo Sta­to del­la Chie­sa e Fi­ren­ze per il con­trol­lo di Faen­za, Imo­la e Cit­tà di Ca­stel­lo non gli per­met­te­va di ar­re­tra­re an­che se i rap­por­ti con il pa­pa­to era­no sta­ti fon­da­men­ta­li per le for­tu­ne del ban­co. Lo­ren­zo co­no­sce­va le mi­re di Si­sto IV e di suo ni­po­te Gi­ro­la­mo Ria­rio di di­strug­ge­re la si­gno­ria dei Me­di­ci e ini­ziò a non far­si ve­de­re più in com­pa­gnia del fra­tel­lo Giu­lia­no, per evi­ta­re che un du­pli­ce as­sas­si­nio po­nes­se fi­na al­la ge­nia, e tra vo­ci di com­plot­ti vere e fa­sul­le i suoi av­ver­sa­ri si strin­se­ro at­tor­no al­la fa­mi­glia dei Paz­zi, all’ar­ci­ve­sco­vo di Pi­sa, Fran­ce­sco Sal­via­ti e al­lo stes­so Ria­rio con l’obiet­ti­vo di eli­mi­nar­lo, co­sa di cui fu in­for­ma­to an­che Si­sto IV. Il 26 apri­le 1478 i due fra­tel­li an­da­ro­no as­sie­me a mes­sa in San­ta Ma­ria del Fio­re e i con­giu­ra­ti li aspet­ta­va­no: Giu­lia­no e Lo­ren­zo ri­ma­se­ro lon­ta­ni in cat­te­dra­le, cia­scu­no cir­con­da­to da un grup­po di ami­ci e co­sì quan­do fu­ro­no ag­gre­di­ti, Giu­lia­no fu mas­sa­cra­to dai si­ca­ri Ber­nar­do Ban­di­ni Ba­ron­cel­li e Fran­ce­sco de’ Paz­zi, ma Lo­ren­zo fu so­lo fe­ri­to in mo­do lie­ve dal sa­cer­do­te vol­ter­ra­no An­to­nio Maf­fei e si sal­vò ri­fu­gian­do­si in sa­gre­stia con l’aiu­to di ami­ci tra cui il Po­li­zia­no.

Il po­po­lo non si sol­le­vò con­tro i Me­di­ci, il «ti­ran­no» co­me spe­ra­va­no i Paz­zi, ma con­tro i con­giu­ra­ti e fu un mas­sa­cro; l’ar­ci­ve­sco­vo Sal­via­ti fu im­pic­ca­to in Pa­laz­zo Vec­chio, i Paz­zi de­ci­ma­ti (Gu­gliel­mo fu ri­spar­mia­to, per­ché ma­ri­to di Bian­ca, so­rel­la del Ma­gni­fi­co, ma co­stret­to all’esi­lio) e il fu­ne­ra­le di Giu­lia­no vi­de tut­ta la cit­tà.

Si­sto IV ri­spo­se con la sco­mu­ni­ca di Lo­ren­zo e del­la Re­pub­bli­ca, la chiu­su­ra del ban­co me­di­ceo a Ro­ma, il va­ro di una coa­li­zio­ne an­ti­me­di­cea che sce­se in guer­ra con­tro Fi­ren­ze e con­ta­va an­che sul Re­gno di Na­po­li. Era il 1479 e Lo­ren­zo an­dò a Na­po­li per trat­ta­re con re Fer­di­nan­do I e riu­scì a con­vin­cer­lo a usci­re dal­la coa­li­zio­ne del pon­te­fi­ce. Tor­nò in cit­tà ac­col­to da eroe. Al- la fi­ne Se­sto IV ri­ti­rò an­che la sco­mu­ni­ca e la pa­ce por­tò enor­me pre­sti­gio al Ma­gni­fi­co che di­ven­ne «l’ago del­la bi­lan­cia» del­la po­li­ti­ca ita­lia­na co­me lo de­fi­nì Fran­ce­sco Guic­ciar­di­ni. Fi­ren­ze ac­qui­stò Pie­tra­san­ta e Sar­za­na e raf­for­zò l’as­se con Mi­la­no e Na­po­li per fre­na­re Ve­ne­zia e lo Sta­to del­la Chie­sa, suo fi­glio Gio­van­ni fu fat­to car­di­na­le a 13 an­ni, dal nuo­vo Pa­pa In­no­cen­zo VIII, il cui fi­glio Fran­ce­schet­to Cy­bo spo­sò Mad­da­le­na, fi­glia del Ma­gni­fi­co (che dal­la mo­glie eb­be set­te fi­gli, Lu­cre­zia, Pie­ro, Mad­da­le­na, Gio­van­ni, Lui­sa, Con­tes­si­na, Giu­lia­no) e fu pro­ta­go­ni­sta in To­sca­na e in Ita­lia.

L’8 apri­le 1492 al suo ca­pez­za­le, ol­tre ai fi­gli e agli ami­ci Po­li­zia­no e Pi­co del­la Mi­ran­do­la, c’era Gi­ro­la­mo Sa­vo­na­ro­la, il do­me­ni­ca­no che il Ma­gni­fi­co ave­va fat­to ar­ri­va­re nel con­ven­to di San Mar­co an­che se non ave­va pre­sen­zia­to al­le sue pre­di­che vi­sto il to­no. Sa­vo­na­ro­la non gli ne­gò la be­ne­di­zio­ne in no­me del­la li­ber­tà di Fio­ren­za che lui stes­so ave­va cal­pe­sta­to, co­me dis­se­ro poi i Pia­gno­ni, se­gua­ci del fra­te, e lo esor­tò ad ac­cet­ta­re la mor­te im­mi­nen­te: «Nien­te mi po­treb­be es­se­re più dol­ce se co­sì è sta­bi­li­to da Dio», ri­spo­se il Me­di­ci fiac­ca­to dal­la got­ta e dai do­lo­ri e tut­ti nel­la vil­la di Ca­reg­gi com­pre­se­ro che il suo tem­po era fug­gi­to. Nel­la not­te di quel­lo stes­so 8 apri­le il Ma­gni­fi­co mo­rì.

4. Con­ti­nua. Le pre­ce­den­ti pun­ta­te 8, 16 e 27 di­cem­bre.

Tra una trat­ta­ti­va e l’al­tra, una ma­no­vra per ac­cre­sce­re il po­te­re o di­fen­der­si dai ri­va­li. Ama­va es­se­re pro­ta­go­ni­sta ai ban­chet­ti e nel­le gio­stre Si mo­stra­va spes­so as­sie­me al fra­tel­lo Giu­lia­no, an­che lui ca­va­lie­re

Il vol­to di Lo­ren­zo de’ Me­di­ci po­co più che bam­bi­no nel­la «Ca­val­ca­ta dei Ma­gi» di Be­noz­zo Goz­zo­li a Pa­laz­zo Me­di­ci Ric­car­di

Pro­ta­go­ni­sti Fo­to gran­de in al­to Ot­ta­vio Van­ni­ni «Mi­che­lan­ge­lo mo­stra a Lo­ren­zo la te­sta di un fau­no», Qui so­pra la vil­la di Ca­reg­gi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.