Ac­ce­le­ra­re su­bi­to, per in­ver­ti­re la rot­ta del 2018

Corriere Fiorentino - - Sport - Di Ales­san­dro Boc­ci

Pio­li sul cam­po, Cor­vi­no die­tro una scri­va­nia e al te­le­fo­no. La Fio­ren­ti­na si è mes­sa d’im­pe­gno af­fin­ché il 2019 sia di­ver­so, mi­glio­re, dell’an­no ap­pe­na con­clu­so. La squa­dra ha la­vo­ra­to be­ne a Mal­ta, la so­cie­tà ha bru­cia­to sul tem­po il Milan su Mu­riel, un rin­for­zo pre­zio­so. Ora pe­rò ser­ve la ri­pro­va sul cam­po. La Vio­la va a To­ri­no con un bri­cio­lo di ot­ti­mi­smo in più. La Cop­pa Ita­lia non è un tra­guar­do ba­na­le, è ve­ro che il ca­len­da­rio è in­fa­me, che le trap­po­le si mol­ti­pli­ca­no lun­go il per­cor­so, che ar­ri­va­re in fon­do è più com­pli­ca­to che in pas­sa­to. Ma sic­co­me nel cal­cio nien­te è scon­ta­to e le mo­ti­va­zio­ni spes­so fan­no la dif­fe­ren­za, ci aspet­tia­mo una ri­spo­sta for­te già que­sto po­me­rig­gio nel­lo scon­tro di­ret­to con il To­ro, che è an­che un an­ti­ci­po del lun­go duel­lo in cam­pio­na­to per l’Eu­ro­pa.

La Cop­pa Ita­lia è la Cham­pions del­la Fio­ren­ti­na e con que­sto spi­ri­to la gio­va­ne squa­dra di Pio­li de­ve af­fron­tar­la. Co­me fos­se Ju­ve-Atle­ti­co Ma­drid e non si trat­ta di es­se­re bla­sfe­mi. L’an­no scor­so la ripartenza do­po le va­can­ze di Na­ta­le è sta­ta ter­ri­bi­le: 3-1 a Ma­ras­si con­tro la Sampdoria, ad­di­rit­tu­ra 1-4 in ca­sa con il mo­de­sto Ve­ro­na che poi è re­tro­ces­so. Sta­vol­ta de­ve es­se­re ne­ces­sa­ria­men­te di­ver­sa. E non so­lo in Cop­pa Ita­lia. Se la Fio­ren­ti­na vuo­le dav­ve­ro re­sta­re ag­gan­cia­ta al tre­no eu­ro­peo e le mosse sul mer­ca­to sem­bra­no aval­la­re que­sta in­ten­zio­ne, è ne­ces­sa­rio al­za­re il rit­mo e au­men­ta­re la ve­lo­ci­tà. Pio­li ha an­ti­ci­pa­to già do­po lo 0-0 con il Ge­noa, ot­ta­vo pa­reg­gio del gi­ro­ne di an­da­ta, co­sa sa­rà ne­ces­sa­rio nel ri­tor­no: vin­ce­re di più. A na­so, per cen­tra­re al­me­no il set­ti­mo po­sto, ne ser­vi­ran­no al­me­no die­ci su di­cian­no­ve. Ca­pi­re­mo mol­to, se non tut­to, già nel­le pri­me tre gior­na­te con Sampdoria, Chie­vo e Udi­ne­se, le ul­ti­me due in tra­sfer­ta. Per­ciò bi­so­gna spin­ge­re sull’ac­ce­le­ra­to­re. su­bi­to. Cor­vi­no è par­ti­to be­ne sul mer­ca­to e ora, sor­nio­ne, aspet­ta l’oc­ca­sio­ne. Ha ra­gio­ne Pio­li: un cen­tro­cam­pi­sta ser­ve so­lo se è in gra­do di aiu­ta­re la Fio­ren­ti­na a fa­re un sal­to di qua­li­tà. Dia­wara, ope­ra­zio­ne com­ples­sa, for­se im­pos­si­bi­le, sa­reb­be l’idea­le. Rog, che ha ca­rat­te­ri­sti­che di­ver­se, al­tret­tan­to be­ne. Ma ser­ve di più an­che da quei gio­ca­to­ri che vo­glio­no ri­ma­ne­re in vio­la a tut­ti i co­sti (al­me­no sem­bre­reb­be) e ci ri­fe­ria­mo a Pja­ca, si­no a og­gi più che un og­get­to mi­ste­rio­so. Ma an­che Ger­son de­ve da­re di più men­tre suo pa­dre per­la­re di me­no.

Il 2019 è fon­da­men­ta­le an­che per il nuo­vo sta­dio, che po­treb­be ri­lan­cia­re le am­bi­zio­ni del­la Fio­ren­ti­na. La stra­da, lo di­cia­mo con ine­vi­ta­bi­le pru­den­za co­no­scen­do la bu­ro­cra­zia e i tem­pi bi­bli­ci del­la po­li­ti­ca, è trac­cia­ta. Ora toc­ca ai Del­la Valle. De­vo­no fa­re un pas­so ver­so la cit­tà. L’in­con­tro chie­sto dal Cen­tro Coor­di­na­men­to, l’ani­ma del tifo, quel­la par­te che spes­so ha fi­schia­to i con­te­sta­to­ri ed è sem­pre sta­ta vi­ci­na al­la squa­dra ma an­che al­la so­cie­tà, vuo­le ca­pi­re che fu­tu­ro ci at­ten­de. Ri­chie­sta me­ri­te­vo­le di at­ten­zio­ne. In­tan­to toc­ca a Pio­li for­nir­ci le pri­me ri­spo­ste. Gen­na­io è già un ban­co di pro­va ter­ri­bi­le e af­fa­sci­nan­te: in Cop­pa Ita­lia e in cam­pio­na­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.