Oscu­ri af­fa­ri di fa­mi­glia C’è Miss Mar­ple a tea­tro

Ma­ria Ame­lia Mon­ti è l’acu­ta vec­chiet­ta al­la Per­go­la

Corriere Fiorentino - - Culture - Mar­co Lu­ce­ri

L’attrice «In fon­do lei è una pet­te­go­la, ma è que­sta sua ca­rat­te­ri­sti­ca che le fa ri­sol­ve­re i ca­si»

Die­tro ogni truc­co si na­scon­de sem­pre una qual­che ve­ri­tà. Ba­sta in­da­ga­re e sa­per­la tro­va­re. E se que­sto va­le per ogni gial­lo, a tea­tro l’ef­fet­to è an­cor più sor­pren­den­te. Pro­va­re per cre­de­re: al­la Per­go­la da mar­te­dì 15 a do­me­ni­ca 20 gen­na­io va in sce­na Miss Mar­ple: gio­chi di pre­sti­gio, con Ma­ria Ame­lia Mon­ti nei pan­ni dell’ar­gu­ta e pet­te­go­la vec­chiet­ta con la pas­sio­ne per i de­lit­ti in­ven­ta­ta dal ge­nio di Aga­tha Ch­ri­stie, per la re­gia di Pier­pao­lo Se­pe.

Sia­mo al­la fi­ne de­gli an­ni ‘40, in una clas­si­ca ca­sa vit­to­ria­na del­la cam­pa­gna in­gle­se. Miss Mar­ple è an­da­ta a tro­va­re la sua vec­chia ami­ca Ca­ro­li­ne, che vi­ve in una fa­mi­glia al­lar­ga­ta at­tra­ver­sa­ta da ma­lu­mo­ri e odi sot­ter­ra­nei, di cui l’an­zia­na don­na si ac­cor­ge pre­sto. E co­sì una se­ra av­vie­ne l’ir­re­pa­ra­bi­le: un de­lit­to vie­ne com­mes­so sot­to gli oc­chi ter­ro­riz­za­ti di tut­ti. Ma le co­se for­se non so­no co­me sem­bra­no. Toc­che­rà a Miss Mar­ple, in at­te­sa dell’ar­ri­vo del­la po­li­zia, ca­pi­re che ciò che è suc­ces­so non è quel­lo che tut­ti cre­do­no di aver vi­sto. Il pub­bli­co è sta­to di­strat­to da qual­co­sa che ha per­mes­so all’as­sas­si­no di agi­re in­di­stur­ba­to? Pro­prio co­me a tea­tro. Co­me in un gio­co di pre­sti­gio.

«L’idea che il re­gi­sta Se­pe ha avu­to del­lo spet­ta­co­lo — pre­ci­sa Ma­ria Ame­lia Mon­ti — è di col­lo­ca­re un per­so­nag­gio co­me Miss Mar­ple, che sem­bra usci­to da un’al­tra real­tà, in una si­tua­zio­ne dram­ma­ti­ca e cu­pa. Co­me è so­li­ta fa­re Aga­tha Ch­ri­stie nel­la sua scrit­tu­ra, l’in­trec­cio è fit­to di per­so­nag­gi. Estre­ma­men­te im­por­tan­te, al di là del­le va­rie fi­gu­re, è l’am­bien­te: la neb­bia, i ru­mo­ri, so­no tut­ti ele­men­ti che ren­do­no l’at­mo­sfe­ra giu­sta per il ge­ne­re gial­lo. In fin dei con­ti Miss Mar­ple è una pet­te­go­la — con­ti­nua l’attrice — ma que­sto suo la­to del ca­rat­te­re le per­met­te di es­se­re cu­rio­sa nei con­fron­ti di quel­lo che le suc­ce­de in­tor­no. È so­la, per cui ha tan­to tem­po a di­spo­si­zio­ne per ra­gio­na­re e in­te­res­sar­si del­le co­se: si è spe­cia­liz­za­ta nell’os­ser­va­zio­ne dei det­ta­gli ed è uti­liz­zan­do que­sta ca­pa­ci­tà che rie­sce a ri­sol­ve­re i ca­si. Og­gi è mol­to di mo­da met­te­re in sce­na le ope­re di Aga­tha Ch­ri­stie — con­clu­de Mon­ti — quin­di per un at­to­re è dif­fi­ci­le in­di­vi­dua­re il giu­sto equi­li­brio e ri­spet­ta­re l’at­mo­sfe­ra dei gial­li: bi­so­gna es­se­re cre­di­bi­li, ma al­lo stes­so tem­po si trat­ta di de­li­nea­re un per­so­nag­gio non del tut­to na­tu­ra­li­sti­co. E di riu­sci­re a far di­ver­ti­re gli spet­ta­to­ri, fa­cen­do cre­de­re lo­ro la ve­ri­tà dell’il­lu­sio­ne del tea­tro».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.