Re­ca­mi: «Vi pren­do in gi­ro con una com­me­dia ne­ra»

Lo scrit­to­re Fran­ce­sco Re­ca­mi par­la del­la sua ul­ti­ma com­me­dia ne­ra am­bien­ta­ta a Fi­ren­ze «Nar­ro un de­lit­to in un pa­laz­zo di di­spe­ra­ti e me la pren­do con­tro que­gli at­ti­vi­sti che pen­sa­no so­lo ai sol­di»

Corriere Fiorentino - - Da Prima Pagina - Di Si­mo­ne In­no­cen­ti

«Ma io non so­no cat­ti­vo, so­no so­lo un po­le­mi­co. E la mia po­le­mi­ca è con­tro i ben­pen­san­ti, con­tro gli ope­ra­to­ri del do­lo­re e con­tro gli at­ti­vi­sti che pen­sa­no ai fon­di. Non ci vuol mol­to a ca­pi­re che gli ul­ti­mi so­no in­cat­ti­vi­ti e han­no bi­so­gno di un aiu­to con­cre­to. E non di gen­te che aiu­ta so­lo a pa­ro­le e ha co­me pre­oc­cu­pa­zio­ne mas­si­ma quel­la di tro­va­re un par­cheg­gio per la sua au­to o un po­sto do­ve an­da­re a fa­re l’ape­ri­ti­vo», di­ce Fran­ce­sco Re­ca­mi, au­to­re tal­men­te fio­ren­ti­no da am­bien­ta­re L’atro­ce de­lit­to di via Lur­ci­ni Com­me­dia ne­ra n.3

(Sel­le­rio, 196 pa­gi­ne, 13 eu­ro) pro­prio nel ca­po­luo­go to­sca­no. E più pre­ci­sa­men­te in una via che non esi­ste — ma a Fi­ren­ze una via che non esi­ste c’è e si chia­ma via Lean­dro La­struc­ci — e so­prat­tut­to in una pa­laz­zi­na oc­cu­pa­ta a due pas­si dal­la sta­zio­ne di San­ta Ma­ria No­vel­la, una spe­cie di ri­fu­gio per sban­da­ti e di­spe­ra­ti di ogni ti­po di raz­za e et­nia, pre­ti spre­ta­ti e pun­kab­be­stia che si tro­va­no a es­se­re «ospi­ti pa­gan­ti» di un clo­chard cat­ti­vis­si­mo, Fran­zes. Che una mat­ti­na si sve­glia tut­to in­san­gui­na­to e col col­tel­lo tra le ma­ni e pen­sa di aver com­mes­so un de­lit­to. «Co­sì si met­te a in­da­ga­re su se stes­so — spie­ga Re­ca­mi — Ma era me­glio di no». Col pi­glio del gran­de ro­man­zie­re fran­ce­se dell’Ot­to­cen­to, Re­ca­mi pun­teg­gia una sto­ria che è an­che una sto­ria con­tem­po­ra­nea, co­me quan­do un gran­de re­gi­sta «de­ci­de di fa­re uno spet­ta­co­lo den­tro quel­la pa­laz­zi­na e in mez­zo ai clo­chard — di­ce an­co­ra Re­ca­mi — quan­do è chia­ro a tut­ti che que­sta ro­ba qua ser­ve so­lo per far­si da­re dei sol­di a chi pen­sa que­sto ge­ne­re di spet­ta­co­li». Ma ci sa­rà una via d’usci­ta…

«Non so co­sa di­re. Di­pen­de da co­me si è. Se hai mol­ta spe­ran­za è fa­ci­le di­ven­ta­re pes­si­mi­sta.

Io non so­no uno di quel­li che ha il di­ti­no al­za­to per in­di­ca­re co­sa va be­ne e co­sa no. Me la pren­do sem­mai con que­ste per­so­ne. Sbef­feg­gio la real­tà, che por­ta al­la mor­te. La ir­ri­do co­me per un at­to car­ne­va­le­sco». Ma lei non ci va mi­ca leg­ge­ro…

«È una cri­ti­ca cor­ro­si­va del­la real­tà. Del re­sto an­che sul ca­pi­to­lo de­di­ca­to all’ip­po­te­ra­pia ci so­no aspet­ti che la­scia­no in­ter­det­ti. L’ip­po­te­ra­pia va be­nis­si­mo, so­no al­cu­ne per­so­ne che la ri­pro­pon­go­no a pap­par­del­la che non van­no pro­prio. Ed è pro­prio da que­sto con­tra­sto che na­sce la com­me­dia ne­ra. La com­me­dia pre­ce­den­te che ho scrit­to par­la­va di un vec­chio in­te­res­sa­to sol­tan­to al de­na­ro, in quel­la pri­ma an­co­ra la mal­trat­tan­te era una don­na. Tut­te

le vol­te che scri­vo qual­co­sa ri­schio il lin­ciag­gio dei ben­pen­san­ti che ra­gio­na­no a ste­reo­ti­pi». E al­lo­ra, scu­si, per­ché scri­ve?

«In­tan­to scri­vo per­ché mi pia­ce e per­ché coin­ci­de ab­ba­stan­za con l’es­se­re me. E poi scri­vo per uno sco­po pre­ci­so: io non so­no di quel­li che tes­so­no un ro­man­zo o una com­me­dia per far sen­ti­re me­glio un let­to­re o per far­li pen­sa­re che sia­no me­glio di quel­lo che so­no. Le è chia­ro, ve­ro?». Co­sì ades­so re­cu­pe­ra con una spe­cie di fiaba…

«A no­vem­bre, sem­pre per Sel­le­rio, esce La ve­ri­tà sul ca­so di Amedeo Con­son­ni ed è l’ul­ti­mo del­la mia se­rie La ca­sa di

Rin­ghie­ra. È una spe­cie di fiaba fan­ta­sti­ca». Lei è uno dei po­chi scrit­to­ri

che non è sui so­cial…

«Per ca­ri­tà. Ero su Fa­ce­book e mi fa­ce­va schi­fo. C’era gen­te che sti­mo che di­ce­va co­se igno­bi­li. Là den­tro ci si ina­ci­di­sce. Non mi in­te­res­sa. In In­ghil­ter­ra, ho let­to, ci so­no scrit­to­ri che pas­sa­no l’ 80 per cen­to del lo­ro tem­po sui so­cial e si van­ta­no an­che di non aver let­to mai un li­bro. Ma io mi chie­do: se stai su un so­cial, quan­do pen­si? Quan­do stu­di? Quan­do leg­gi? E quan­do scri­vi?». E lei quan­do le fa tut­te que­ste co­se?

«Per 30 an­ni so­no sta­to un edi­tor scien­ti­fi­co, poi ho chiu­so la mia at­ti­vi­tà. Vi­vo di scrit­tu­ra, so­no uno dei po­chi. È una for­tu­na, in que­sto pe­rio­do. Io so­no un ar­ti­gia­no, ra­gio­no co­sì. Tro­vo il sen­so di fa­re le mie co­se pro­prio co­me le fa un ar­ti­gia­no. E al­la fi­ne non è det­to

che i suoi pro­dot­ti, co­me i miei, non sia­no ar­ti­sti­ci. Ci so­no i clien­ti con le com­mes­se: ven­di quel­li che fai, non sei un mo­del­li­sta. Cioè non è che co­strui­sci dei mo­del­li­ni per pas­sio­ne e li tie­ni in ca­sa, ma so­no — mi pas­si il ter­mi­ne, che pe­rò ren­de — dei pro­dot­ti. Co­me quel­li di un ar­ti­gia­no».

Pub­bli­ca sem­pre sto­rie ori­gi­na­li e of­fre spun­ti di vi­sta nuo­vi. E pub­bli­ca mol­to…

«Sel­le­rio mi ha det­to: non più di due all’an­no te ne pub­bli­chia­mo (ri­de, ndr)… Tra qual­che me­se, ad esem­pio, tor­na in li­bre­ria il Cor­ret­to­re di

boz­ze nel­la col­la­na La me­mo­ria: man­ca­va da un po’ di tem­po e ne so­no fe­li­ce».

E nel frat­tem­po co­sa sta fa­cen­do?

«Leg­go mol­to e sto an­che ul­ti­man­do un ro­man­zo che sta an­dan­do avan­ti da tren­ta an­ni. È am­bien­ta­to nel 1976, è un ro­man­zo di for­ma­zio­ne, una spe­cie di com­me­dia. Poi sto ter­mi­nan­do an­che un’al­tra com­me­dia ne­ra: ha al cen­tro del­la tra­ma quat­tro don­ne. So­no pa­ren­ti tra di lo­ro. Ci so­no una mam­ma, che è una don­na mol­to an­zia­na, e tre fi­glie. Le ra­gaz­ze pro­va­no a uc­ci­de­re la ma­dre in tut­ti i mo­di per­ché so­no ba­nal­men­te e sol­tan­to in­te­res­sa­te ai sol­di che pos­so­no ri­ce­ve­re dall’ere­di­tà». Non è sol­tan­to al­ler­gi­co ai so­cial.

«Io so­no al­ler­gi­co a tan­te co­se…».

Co­me al «gi­ro de­gli scrit­to­ri»?

«So­no sem­pre sta­to re­frat­ta­rio al­le con­ven­ti­co­le, che so­no ri­di­co­le. A Fi­ren­ze poi so­no pa­te­ti­che, se me lo con­sen­te. Que­sta è una cit­tà dei bot­te­gai e a Fi­ren­ze si pen­sa che il mi­glior scrit­to­re sia quel­lo mor­to. Non c’è al­cu­na vo­glia di di­scu­te­re sul se­rio, da que­ste par­ti. Que­sto non to­glie che non ab­bia ami­ci scrit­to­ri che sti­mo mol­to e coi qua­li par­lia­mo a lun­go».

Non ci vuol mol­to a ca­pi­re che gli ul­ti­mi so­no in­cat­ti­vi­ti e han­no bi­so­gno di aiu­to con­cre­to e non di gen­te che aiu­ta so­lo a pa­ro­le e ha co­me pre­oc­cu­pa­zio­ne mas­si­ma quel­la di tro­va­re un par­cheg­gio o fa­re l’ape­ri­ti­vo

So­no sta­to sem­pre re­frat­ta­rio al­le con­ven­ti­co­le e a Fi­ren­ze so­no pa­te­ti­che Que­sta è una cit­tà di bot­te­gai e si pen­sa che il mi­glior scrit­to­re sia quel­lo mor­to

Co­per­ti­na Fran­ce­sco Re­ca­mi «L’ atro­ce de­lit­to di via Lur­ci­ni Com­me­dia ne­ra n.3» (Sel­le­rio)

Sor­ri­so bef­far­do Fran­ce­sco Re­ca­mi ri­trat­to nel­la sua ca­sa fio­ren­ti­na (fo­to: Ire­ne San­to­ni/Sestini)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.