L’in­ci­den­te, poi una star­tup per non per­de­re il le­ga­me con la sua gran­de pas­sio­ne

La pas­sio­ne per le im­mer­sio­ni, la pa­ra­li­si, la star­tup per ri­pu­li­re l’ac­qua dal­la pla­sti­ca

Corriere Fiorentino - - Da Prima Pagina - di Ric­car­do Con­giu

La via per il ma­re. La fa­mi­glia di Lo­ren­zo Lu­bra­no è sem­pre sta­ta una di quel­le che vi­ve la set­ti­ma­na in fun­zio­ne del week-end. Per ri­tor­na­re all’ac­qua. I ge­ni­to­ri gli han­no tra­smes­so la pas­sio­ne per le im­mer­sio­ni, l’espe­rien­za più to­ta­liz­zan­te che un uo­mo pos­sa fa­re in ma­re. «Da quan­do ave­vo 13 me­si so­no sem­pre an­da­to al ma­re tut­ti i fi­ne set­ti­ma­na, esta­te e in­ver­no — rac­con­ta Lo­ren­zo, fiorentino, 26 an­ni — Do­po un in­ci­den­te so­no ri­ma­sto pa­ra­liz­za­to al­le gam­be e non mi so­no più po­tu­to im­mer­ge­re, ma il mio le­ga­me con l’ac­qua non è cam­bia­to».

Lo­ren­zo al­la fi­ne del­lo scor­so an­no ha fon­da­to Blue Eco Li­ne, un’azien­da, una star­tup. Una po­ten­zia­le all’in­va­sio­ne del­la pla­sti­ca in ma­re. Lau­rea­to in in­ge­gne­ria mec­ca­ni­ca, ha trovato co­sì il mo­do di re­sta­re sull’ac­qua. Il pro­get­to, por­ta­to avan­ti con al­tri 4 ra­gaz­zi tra i 22 e i 26 an­ni, si chia­ma Ri­ver Clea­ner. Pu­li­re i fiu­mi quin­di, non gli ocea­ni: «Sia­mo par­ti­ti dall’as­sun­to che l’80% del­la pla­sti­ca in ma­re ha ori­gi­ne flu­via­le», spie­ga Lo­ren­zo, «Esi­ste­va­no già sistemi co­me Ocean Clea­nup, che ap­pun­to agi­sce su di­ste­se mol­to più gran­di, ma ci è sem­bra­to più sem­pli­ce pro­va­re a ri­sol­ve­re il pro­ble­ma al­la ra­di­ce». Un im­pian­to in gra­do di in­ter­cet­ta­re le pla­sti­che nei fiu­mi pri­ma che ven­ga­no di­sper­se in ma­re, do­ve al mo­men­to se ne con­ta­no 150 mi­lio­ni di ton­nel­la­te. Si con­ti­nuas­se co­sì, nel 2025 gli ocea­ni avreb­be­ro una ton­nel­la­ta di pla­sti­ca per ogni ton­nel­la­ta di pe­sce.

Blue Eco Li­ne si è mes­sa in mo­stra sul ter­ri­to­rio vin­cen­do, lo scor­so 8 ot­to­bre, la fi­na­le fio­ren­ti­na del pre­mio «Cam­bia­men­ti 2019», or­ga­niz­za­to da Cna. La stra­da per il pre­mio fi­na­le di 20 mi­la eu­ro è an­co­ra lun­ga e do­vrà pas­sa­re per le fi­na­li re­gio­na­li e na­zio­na­li.

Ma l’azien­da di Lo­ren­zo in real­tà è già av­via­ta. Ol­tre a lui, ci so­no al­tri due lau­rea­ti in in­ge­gne­ria, Michael Mu­gnai e Ca­mil­la Can­tia­ni, che per Blue Eco Li­ne si oc­cu­pa­no ri­spet­ti­va­men­te di ro­bo­ti­ca e in­for­ma­ti­ca. Olim­pia Ros­si, stu­den­tes­sa di Eco­no­mia, cu­ra la par­te le­ga­ta al mar­ke­ting. E Al­ber­to Luc­ken­ba­ch, es­sen­do pe­ri­to elet­tro­ni­co, è im­pe­gna­to nel­la pro­to­ti­pa­zio­ne ra­pi­da: in­som­ma, rea­liz­za il mo­del­lo. «Ne ab­bia­mo fat­to uno in sca­la — spie­ga Lo­ren­zo — una va­sca flu­via­le lun­ga 3 me­tri e lar­ga 40 cen­ti­me­tri per ri­crea­re il cor­so d’ac­qua. Poi con una stam­pan­te 3D ab­bia­mo fat­to il mo­del­lo del si­ste­ma da ap­pli­ca­re nel fiu­me». Il Ri­ver Clea­ner ve­ro e pro­prio. I te­st so­no an­da­ti be­ne e so­no pro­met­ten­ti, ma a gran­dez­za na­tu­ra­le «ser­vi­ran­no ag­giu­sta­men­ti dal pun­to di vi­sta flui­do­di­na­mi­co», di­ce an­co­ra Lo­ren­zo. E con che soldi lo han­no rea­liz­za­to? Al­la fon­da­zio­ne, l’azien­da è na­ta con un ca­pi­ta­le so­cia­le di 10 mi­la eu­ro, equa­men­te ri­par­ti­ti fra i cin­que so­ci. A fi­ne lu­glio 2019 pe­rò so­no sta­ti in­cu­ba­ti nel pro­gram­ma Hub­ble, che ha mes­so lo­ro a di­spo­si­zio­ne uno spazio di co-wor­king in cui la­vo­ra­re (nel­la strut­tu­ra Na­na bian­ca a Fi­ren­ze) e un fi­nan­zia­men­to di 50 mi­la eu­ro. Han­no cre­du­to nel pro­get­to. «Il no­stro pun­to di for­za è che non ci sia­mo in­ven­ta­ti nul­la di nuo­vo, nes­su­na ma­gia. Usia­mo tec­no­lo­gie già esi­sten­ti e com­pro­va­te: na­stri tra­spor­ta­to­ri e bar­rie­re gal­leg­gian­ti».

Fun­zio­na co­sì: una bar­rie­ra flot­tan­te po­sta nel cor­so del fiu­me in­ter­cet­ta i ri­fiu­ti e li spin­ge ver­so la spon­da, es­sen­do in dia­go­na­le (co­me nel­la fo­to). A quel pun­to un na­stro tra­spor­ta­to­re li por­ta al li­vel­lo del ter­re­no e li ra­du­na in un cas­so­ne per la nor­ma­le rac­col­ta. Quan­te per­so­ne ser­vo­no? Ze­ro. L’im­pian­to è tut­to au­to­ma­tiz­za­to, av­vi­sa le azien­de di ri­fiu­ti ur­ba­ni quan­do de­vo­no ri­ti­ra­re e può es­se­re con­trol­la­to da re­mo­to. «Lo ab­bia­mo pen­sa­to co­sì in mo­do che non pe­sas­se eco­no­mi­ca­men­te sulle pub­bli­che am­mi­ni­stra­zio­ni». Quan­to in­qui­na?

❞ Abi­tu­di­ni Da quan­do ave­vo 13 me­si so­no an­da­to al ma­re ogni fi­ne set­ti­ma­na. Ora non mi pos­so più tuf­fa­re, ma il mio le­ga­me con l’ac­qua non è cam­bia­to

❞ Pro­get­ti L’80 per cen­to dei ri­fiu­ti ma­ri­ni ha ori­gi­ne nei fiu­mi. Co­sì ci è sem­bra­to più sem­pli­ce pro­va­re a ri­sol­ve­re il pro­ble­ma al­la ra­di­ce

Nien­te, è ov­via­men­te un si­ste­ma a im­pat­to ze­ro. Può sfrut­ta­re la cor­ren­te del fiu­me se po­sto in pros­si­mi­tà di un «sal­to», una pic­co­la ca­sca­ta o qual­co­sa di si­mi­le, gra­zie a una tur­bi­na idrau­li­ca. Non do­ves­se es­ser­ci, sa­rà do­ta­to di pan­nel­li so­la­ri. «Per par­ti­re ve­ra­men­te — di­ce Lo­ren­zo — dob­bia­mo riu­sci­re a crea­re l’im­pian­to pi­lo­ta. Ser­vi­ran­no so­pral­luo­ghi e ana­li­si, ma in­di­ca­ti­va­men­te po­treb­be co­sta­re 300 mi­la eu­ro». A quel pun­to po­tran­no co­min­cia­re a pro­por­lo, ma­ga­ri dal lo­ro luo­go d’ori­gi­ne: «La To­sca­na ci ha da­to tan­te pos­si­bi­li­tà, or­ga­niz­zan­do mol­ti even­ti sul te­ma, in cui ci sia­mo crea­ti dei con­tat­ti. Quin­di ci pia­ce­reb­be co­min­cia­re dall’Ar­no», rac­con­ta an­co­ra il fon­da­to­re, «ma poi vor­rem­mo esten­der­lo a tut­ta la Pe­ni­so­la e ma­ga­ri, col tem­po, al Me­di­ter­ra­neo».

Dai pri­mi ri­spar­mi per apri­re l’azien­da rac­col­ti con la­vo­ret­ti sal­tua­ri, ri­pe­ti­zio­ni e ba­by-sit­ting, fi­no ai fi­nan­zia­men­ti at­tua­li. An­da­re col pen­sie­ro ol­tre l’Ar­no non è so­lo le­ci­to, è ne­ces­sa­rio.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.