Lo scrit­to­re a Pi­sto­ia col ma­ni­fe­sto del ro­man­zo di og­gi

Ro­dri­go Fre­sán do­me­ni­ca sa­rà a Pi­sto­ia per par­la­re del nuo­vo li­bro «La par­te in­ven­ta­ta» Un ma­ni­fe­sto del ro­man­zo con­tem­po­ra­neo, mo­nu­men­to al­la sua na­tu­ra me­tic­cia che in­glo­ba ogni co­sa

Corriere Fiorentino - - Da Prima Pagina - di Van­ni San­to­ni a pa­gi­na

È sta­to de­fi­ni­to an­che un «Bor­ges pop» lo scrit­to­re Ro­dri­go Fre­sán, tra i mae­stri del­la let­te­ra­tu­ra ar­gen­ti­na e la­ti­noa­me­ri­ca­na. Do­me­ni­ca al­le 11.30 sa­rà a Pi­sto­ia al­la Bi­blio­te­ca San Gior­gio, ospi­te del fe­sti­val «L’an­no che ver­rà. I li­bri che leg­ge­re­mo», per par­la­re in an­te­pri­ma del ro­man­zo «La par­te in­ven­ta­ta», il nu­me­ro 8 di Phi­leas Fogg, la col­la­na di nar­ra­ti­va stra­nie­ra di­ret­ta da Ales­san­dro Ra­veg­gi, e pri­mo li­bro di una tri­lo­gia. La tra­du­zio­ne è di Giu­lia Za­va­gna, l’in­tro­du­zio­ne di Van­ni San­to­ni, di cui pub­bli­chia­mo una sin­te­si. Il li­bro usci­rà il 31 ot­to­bre.

Una del­le pri­me co­se che si in­se­gna­no agli aspi­ran­ti scrit­to­ri – e La par­te in­ven­ta­ta di Ro­dri­go Fre­sán è an­che un li­bro su­gli aspi­ran­ti scrit­to­ri – è di non esa­ge­ra­re con le epi­gra­fi: se già ap­por­ne due ri­schia di far sem­bra­re pre­sun­tuo­so l’au­to­re, tre o più lo fa­ran­no ap­pa­ri­re cer­ta­men­te ri­di­co­lo se il li­bro non è al­me­no un «ro­man­zo-mon­do». Si ca­pi­sce al­lo­ra che un vo­lu­me che apre con se­di­ci epi­gra­fi ten­de a crea­re de­ter­mi­na­te aspet­ta­ti­ve nel let­to­re, an­che quan­do le epi­gra­fi, co­me è que­sto il ca­so, re­ca­no in sé un gio­co: l’uni­ca co­sa che cam­bia è che il let­to­re si aspet­te­rà un ro­man­zo dal ca­rat­te­re gio­co­so ol­tre che un’ope­ra gran­dio­sa.

Per for­tu­na La par­te in­ven­ta­ta sod­di­sfa in pie­no en­tram­be le aspet­ta­ti­ve. Che ti­po di gio­co sia quel­lo che si met­te in at­to in que­sto li­bro, è fa­ci­le in­tuir­lo non ap­pe­na si in­con­tra­no – e av­ver­rà per tut­te le sue set­te­cen­to pa­gi­ne – teo­rie di ogni ge­ne­re sulla let­te­ra­tu­ra (c’è spa­zio an­che per un ca­no­ne im­ma­gi­na­rio e una bi­blio­te­ca ipo­te­ti­ca): una del­le tan­te co­se che fa La par­te in­ven­ta­ta è ri­ba­di­re che og­gi, per so­prav­ve­nu­ta e pie­na in­te­gra­zio­ne del­la le­zio­ne mo­der­ni­sta e di quel­la post­mo­der­na, i ro­man­zi-mon­do non pos­so­no pre­scin­de­re dal­la me­ta­let­te­ra­rie­tà. Se è ve­ro che una vol­ta i pro­ta­go­ni­sti dei li­bri più im­por­tan­ti era­no dèi, poi di­ven­ta­ro­no se­mi­dei, poi eroi, poi no­bi­li, poi bor­ghe­si, poi uo­mi­ni co­mu­ni, poi emar­gi­na­ti e in­fi­ne scrit­to­ri, il pro­ta­go­ni­sta del­la Par­te in­ven­ta­ta, pre­so in di­ver­se età del­la sua vi­ta, è na­tu­ral­men­te, ine­lu­di­bil­men­te, uno scrit­to­re. Un uo­mo che ha con­sa­cra­to la pro­pria esi­sten­za al­la let­te­ra­tu­ra, e che tut­ta­via si è a un cer­to pun­to stan­scor­go­no ca­to di tut­to ciò che gi­ra at­tor­no ai li­bri (o so­no i let­to­ri a es­ser­si stan­ca­ti di lui?), sen­za aver pe­rò ri­nun­cia­to all’idea fis­sa che sta die­tro a ogni per­cor­so let­te­ra­rio che si vo­glia dir se­rio: la ri­cer­ca di una ve­ri­tà ul­ti­ma at­tra­ver­so di es­so.

Che fa­re al­lo­ra? Da­to che stia­mo gio­can­do, e da­to che la le­zio­ne del post­mo­der­ni­smo nel frat­tem­po è sta­ta sì as­si­mi­la­ta, ma an­che su­bli­ma­ta in nuo­ve di­re­zio­ni, su tut­te il po­st-ma­te­ria­li­smo, il no­stro scrit­to­re sen­za no­me de­ci­de di scom­pa­ri­re e al tem­po stes­so ren­der­si fi­nal­men­te per­va­si­vo nel mo­do più dram­ma­ti­ca­men­te co­smi­co (e co­mi­co) che si pos­sa im­ma­gi­na­re: in­tru­fo­lar­si al Lar­ge Ha­dron Col­li­der del CERN, fon­der­si al Bo­so­ne di Higgs – la co­sid­det­ta «par­ti­cel­la di Dio» – e di­sin­te­grar­si di­ven­tan­do una sor­ta di me­taau­to­re as­so­lu­to, in­ner­van­te la real­tà me­de­si­ma. Il gio­co è fat­to al­lo sco­per­to e die­tro si di­ver­se al­le­go­rie – uno scrit­to­re che scom­pa­re nel nul­la ma in­fluen­za chiun­que: stia­mo par­lan­do di Sa­lin­ger? O sa­rà for­se Pyn­chon? –, sul­le qua­li spic­ca una do­man­da cen­tra­le: per­ché scri­via­mo? Per­ché leg­gia­mo? Co­sa spe­ria­mo di ot­te­ne­re?

Per quan­to le so­lu­zio­ni strut­tu­ra­li usa­te nel ro­man­zo deb­ba­no mol­to ai post­mo­der­ni sta­tu­ni­ten­si – e nor­da­me­ri­ca­ni, pu­re, so­no i fan­ta­smi che lo po­po­la­no (si ha l’im­pres­sio­ne che, nel mon­do di Fre­sán, sia sta­to Fi­tz­ge­rald a far­si di­sin­te­gra­re, per co­me, as­sie­me al suo Te­ne­ra è la not­te, per­va­de il cam­po elet­tro­ma­gne­ti­co di ogni pa­gi­na) –, la ve­ra chia­ve del­la Par­te in­ven­ta­ta ar­ri­va dall’orien­te: «Il bi­ji» spie­ga lo scrit­to­re pro­ta­go­ni­sta del li­bro di Fre­sán, «è un ge­ne­re del­la let­te­ra­tu­ra clas­si­ca ci­ne­se, che si può tra­dur­re co­me ‘li­bro di ap­pun­ti’, e può con­te­ne­re aned­do­ti cu­rio­si, ap­pun­ti, pen­sie­ri spar­si, spe­cu­la­zio­ni fi­lo­so­fi­che, teo­rie pri­va­te, an­no­ta­zio­ni su al­tre ope­re, e qual­sia­si co­sa il suo au­to­re con­si­de­ri per­ti­nen­te».

Co­sì, con le sue «zo­ne a pun­ti», i suoi elen­chi, le sue elu­cu­bra­zio­ni e le sue sca­to­le ci­ne­si, La par­te in­ven­ta­ta ap­par­tie­ne in pie­no al ge­ne­re del bi­ji e tut­ta­via, lun­gi dal di­stan­ziar­si dal­la for­ma-ro­man­zo, que­st’ope­ra in tre at­ti e set­te par­ti, nel suo es­se­re sia la sto­ria del­la for­ma­zio­ne di un bam­bi­no che vuo­le di­ven­ta­re uno scrit­to­re (e «sa che non può con­si­de­rar­si un ve­ro scrit­to­re fin­ché non avrà pub­bli­ca­to e, a pas­seg­gio per una li­bre­ria, con­tem­pla­to com’è sta­ta espo­sta la pro­pria ope­ra per poi spo­star­la e si­ste­mar­la sui ta­vo­li più in vi­sta»), sia «un li­bro che pen­sa co­me uno scrit­to­re nell’at­to di met­ter­si a pen­sa­re a un li­bro, a co­sa pen­sa quan­do gli ca­pi­ta di pen­sa­re a un li­bro, quan­do quel li­bro gli ca­pi­ta, e co­sa ca­pi­ta a quel li­bro», è un ve­ro e pro­prio ma­ni­fe­sto del ro­man­zo con­tem­po­ra­neo: un mo­nu­men­to al­la sua na­tu­ra me­tic­cia, ca­pa­ce di in­glo­ba­re ogni co­sa, non­ché un pro­me­mo­ria cir­ca il suo es­se­re, og­gi più che mai, l’am­mi­ra­glia che la let­te­ra­tu­ra può schie­ra­re nel ten­ta­ti­vo di ve­ni­re a ca­po del­la real­tà – tut­to que­sto, ma an­che una scin­til­lan­te sto­ria sul mo­do in cui gli scrit­to­ri da un la­to di­vo­ra­no e dall’al­tro fal­si­fi­ca­no le pro­prie vi­te per di­stil­lar­ne ma­te­ria­le let­te­ra­rio, e su quan­to ta­le pro­ces­so sia si­mi­le a ciò che ci por­ta a di­se­gna­re, at­tra­ver­so la no­stra bio­gra­fia ri­cor­da­ta, l’idea che ab­bia­mo di noi: un ro­man­zo ca­pa­ce di far­ci am­met­te­re, co­me il Ge­rald Mur­phy dal­la cui vi­ta Fi­tz­ge­rald at­tin­se a man bas­sa per scri­ve­re Te­ne­ra è la not­te, che «so­lo la par­te in­ven­ta­ta del­la no­stra sto­ria – la par­te più ir­rea­le – ha avu­to una va­ga strut­tu­ra, una va­ga bel­lez­za».

❞ Il pro­ta­go­ni­sta de­ci­de di scom­pa­ri­re e ren­der­si per­va­si­vo in­tru­fo­lan­do­si al Lar­ge Ha­dron Col­li­der del Cern per fon­der­si al­la par­ti­cel­la di Dio e di­ven­ta­re una sor­ta di me­taau­to­re as­so­lu­to

Ro­dri­go Fre­sán è na­to a Bue­nos Ai­res nel 1963, da vent’an­ni vi­ve a Bar­cel­lo­na Vin­ci­to­re del pre­sti­gio­so pre­mio al­la car­rie­ra «Prix Cail­lois», è sta­to tra­dot­to in più di 15 lin­gue

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.