Bor­go­la­dro, pae­se da bri­vi­di

Li­bri Lo scrit­to­re Fi­lip­po Sem­pli­ci par­la del suo th­ril­ler am­bien­ta­to in un luo­go im­ma­gi­na­rio, ma ispi­ra­to a Bar­be­ri­no Ta­var­nel­le. «Rac­con­to una va­can­za da in­cu­bo, ma an­che la mia ter­ra e i pe­ri­co­li del­la re­te»

Corriere Fiorentino - - Culture - Di Fi­lip­po Sem­pli­ci

L’am­bien­te è idil­lia­co: le col­li­ne to­sca­ne, il cie­lo az­zur­ro, la tran­quil­li­tà. Ma è so­lo ap­pa­ren­za. Ba­sta fer­mar­si nel po­sto sba­glia­to e tut­to può cam­bia­re in un at­ti­mo. Pa­ro­la del­lo scrit­to­re di Bar­be­ri­no Fi­lip­po Sem­pli­ci che ha da po­co da­to al­le stam­pe il th­ril­ler «I mi­ste­ri di Bor­go­la­dro» (New­ton Comp­ton Edi­to­ri). È la sto­ria di Or­lan­do e del­la sua com­pa­gna Eli­se, che de­ci­do­no di tra­scor­re­re una va­can­za in To­sca­na all’insegna del relax, del di­ver­ti­men­to e del buon ci­bo, fuo­ri dai con­sue­ti iti­ne­ra­ri tu­ri­sti­che. Ma du­ran­te una so­sta nel pic­co­lo pae­se di Bor­go­la­dro abi­ta­to da vec­chi pen­sio­na­ti al po­sto dell’al­le­gria e del­la spen­sie­ra­tez­za su­ben­tre­rà il so­spet­to. Ca­pi­ran­no di non es­se­re ospi­ti gra­di­ti e la lo­ro va­can­za si tra­sfor­me­rà in un in­cu­bo da cui sa­rà dif­fi­ci­le usci­re. Per­ché spes­so è pro­prio nel­la normalità che si na­scon­de l’or­ro­re.

Pri­mi an­ni ot­tan­ta. Po­che pa­ro­le bia­sci­ca­te co­me un sus­sur­ro da un orec­chio all’al­tro.

Avrò avu­to set­te, ot­to an­ni, e mi di­ver­ti­vo co­sì, a spa­ven­ta­re gli ami­chet­ti, igna­ro del­la rea­le en­ti­tà del­la mi­nac­cia che si an­ni­da­va in mez­zo al­le cam­pa­gne. Mi ba­sta­va sa­pe­re che là fuo­ri, nel buio dei bo­schi, si na­scon­de­va un uo­mo ne­ro pron­to a fa­re del ma­le al­la gen­te e for­se, per­ché no, a ra­pi­re i bam­bi­ni.

Og­gi, se pen­so al­la To­sca­na e ai suoi mi­ste­ri, la men­te vo­la in mo­do ine­vi­ta­bi­le a quei gior­ni, a uno dei gial­li più ma­ca­bri e in par­te ir­ri­sol­ti che ha se­gna­to la pro­vin­cia fio­ren­ti­na.

Il mio amo­re per il bri­vi­do è co­min­cia­to co­sì, fin da pic­co­lo, sen­za un mo­ti­vo par­ti­co­la­re. In­dub­bia­men­te ciò che mi ha spin­to a im­ma­gi­na­re la mia ter­ra co­me am­bien­ta­zio­ne th­ril­ler, è il fa­sci­no am­bi­va­len­te che mi suscitano i suoi pae­sag­gi bu­co­li­ci e si­len­zio­si, le om­bre che si al­lun­ga­no nei cam­pi al tra­mon­to, le ca­sci­ne ab­ban­do­na­te che ti spia­no dai ve­tri rot­ti del­le fi­ne­stre.

In tut­to que­sto sce­na­rio è mol­to for­te il ri­chia­mo ai rac­con­ti sug­ge­sti­vi di mio non­no ma­ter­no, le­ga­ti a leg­gen­de po­po­la­ri co­me quel­la del­la Tor­re del Chi­to o del Ci­nat­ti; ma un ruo­lo de­ci­si­vo nel­la mia for­ma­zio­ne l’han­no gio­ca­to gli au­to­ri che più ado­ro: il vi­sio­na­rio H.P. Lo­ve­craft, il mae­stro di at­mo­sfe­re Ed­gar Al­lan Poe, l’in­su­pe­ra­bi­le King, fi­no all’ita

Lo scrit­to­re bar­be­ri­ne­se Fi­lip­po Sem­pli­ci È ap­pas­sio­na­to di th­ril­ler, rock e Dy­lan Dog lia­nis­si­mo Eral­do Baldini, che con il suo Go­ti­co ru­ra­le, del tut­to in­con­sa­pe­vol­men­te, mi ha in­di­ca­to la stra­da da se­gui­re. Ho tro­va­to nei suoi rac­con­ti tut­to ciò che avrei vo­lu­to scri­ve­re, l’ho elet­to fi­gu­ra di ri­fe­ri­men­to, un fra­tel­lo mag­gio­re che si pren­de­va cu­ra di me, aiu­tan­do­mi a far emer­ge­re la vo­ce più au­ten­ti­ca. Le sue sto­rie par­la­no di pic­co­li bor­ghi di cam­pa­gna, gen­te af­fa­bi­le e all’ap­pa­ren­za tran­quil­la, che na­scon­de le vere sem­bian­ze die­tro una fac­cia­ta di normalità po­stic­cia.

Nel mio ro­man­zo il pae­se im­ma­gi­na­rio di Bor­go­la­dro si ispi­ra a Bar­be­ri­no Ta­var­nel­le, do­ve abi­to.

Chi tra i miei com­pae­sa­ni leg­ge­rà il li­bro non tar­de­rà a riconoscer­e la pian­ta del bor­go: i due ar­chi a vol­ta, la por­ta fio­ren­ti­na e la por­ta se­ne­se, la piaz­za cen­tra­le, la par­te in­fe­rio­re e su­pe­rio­re del pae­se. Nel­la tra­spo­si­zio­ne let­te­ra­ria ho re­so Bar­be­ri­no Ta­var­nel­le più la­bi­rin­ti­co e ho tol­to la chie­sa, per crea­re una dis­so­nan­za con la real­tà; poi­ché è ra­ro im­bat­ter­si in pae­si pri­vi di luo­ghi di cul­to, vo­le­vo che Bor­go­la­dro man­te­nes­se una sua spic­ca­ta ori­gi­na­li­tà.

An­che la sua col­lo­ca­zio­ne non è ca­sua­le: sor­ge nei pres­si del­la cu­po­la di San Mi­che­le Ar­can­ge­lo, una zo­na di aper­ta cam­pa­gna che sem­bra so­spe­sa nel tem­po. Ter­ra de­fi­ni­ta ma­le­det­ta in pas­sa­to e le­ga­ta al mi­to di Se­mi­fon­te, la cit­tà che non c’è, di cui Dan­te Ali­ghie­ri fa cen­no nel­la Di­vi­na Com­me­dia. Si rac­con­ta che Se­mi­fon­te osò sfi­da­re Fi­ren­ze al co­ro di «Fio­ren­za fat­ti in là, che Se­mi­fon si fa cit­tà», fi­no all’an­no 1202 in cui fu ra­sa al suo­lo. La Re­pub­bli­ca Fio­ren­ti­na de­cre­tò che su quel ter­re­no non fos­se co­strui­to più nul­la, e le sue pie­tre fu­ro­no usa­te per eri­ge­re la cin­ta mu­ra­ria di quel­lo che og­gi è Bar­be­ri­no Ta­var­nel­le. Per se­co­li, al po­sto del­la cit­tà ri­go­glio­sa di un tem­po, re­gnò

❞ Chi leg­ge­rà il li­bro non tar­de­rà a riconoscer­e la pian­ta del bor­go, an­che se nel­la tra­spo­si­zio­ne let­te­ra­ria ho tol­to la chie­sa per crea­re una dis­so­nan­za con la real­tà

so­lo ab­ban­do­no e de­so­la­zio­ne. So­lo al­la fi­ne del cin­que­cen­to un ve­sco­vo ot­ten­ne il per­mes­so di edi­fi­ca­re la Cap­pel­la, ri­pro­du­zio­ne in sca­la del tamburo di San­ta Ma­ria del Fio­re, co­me a vo­ler ri­mar­ca­re la su­pre­ma­zia di Fi­ren­ze sul­le val­li.

Nei pres­si si tro­va an­che la Fon­te di San­ta Ca­te­ri­na, che si nar­ra pos­se­des­se pro­prie­tà ma­gi­che e te­ra­peu­ti­che.

I mi­ste­ri di Bor­go­la­dro non è so­lo un omag­gio al­la To­sca­na e ai miei luo­ghi, ma an­che un ro­man­zo che af­fron­ta un ar­go­men­to mol­to im­por­tan­te nel­la vi­ta di tut­ti i gior­ni: in­ter­net.

Ho scel­to di rac­con­ta­re i pe­ri­co­li del­la re­te per­ché og­gi vi­via­mo in un mon­do sem­pre più con­nes­so, sem­pre più so­cial, sia­mo im­mer­si in una se­con­da real­tà in cui ognu­no di noi gior­nal­men­te ri­ver­sa fram­men­ti del­la pro­pria esi­sten­za, con una na­tu­ra­lez­za ag­ghiac­cian­te. Ma sap­pia­mo dav­ve­ro do­ve van­no a fi­ni­re? Sap­pia­mo dav­ve­ro chi si na­scon­de in fon­do al web? Io ho cer­ca­to di par­la­re di que­sto mi­ste­ro, por­ta­re al­la lu­ce ciò che può ac­ca­de­re nei mean­dri più pro­fon­di di in­ter­net, e l’ho fat­to usan­do l’amo­re per la mia ter­ra; ho im­ma­gi­na­to una sto­ria che len­ta­men­te si è fat­ta stra­da den­tro di me du­ran­te le lun­ghe pas­seg­gia­te per bo­schi e cam­pi in cer­ca di idee in­te­res­san­ti, co­me fos­se sta­to il pae­sag­gio stes­so a sug­ge­rir­me­la, pa­ro­la do­po pa­ro­la. Pas­so do­po pas­so. Per­ché è co­sì che io ini­zio a scri­ve­re.

Jo­se­ph Con­rad, autore di Cuo­re di te­ne­bra, una vol­ta dis­se: «Co­me fac­cio a spie­ga­re a mia mo­glie che quan­do guar­do fuo­ri dal­la fi­ne­stra, in real­tà sto la­vo­ran­do?».

Al­lo stes­so mo­do, pos­so af­fer­ma­re: «Co­me fac­cio a spie­ga­re a chi in­con­tro men­tre pas­seg­gio, che quan­do guar­do le mie col­li­ne, in real­tà sto scri­ven­do?».

❞ Ho cer­ca­to di por­ta­re al­la lu­ce ciò che può ac­ca­de­re nei mean­dri più pro­fon­di di in­ter­net e l’ho fat­to usan­do l’amo­re per i miei luo­ghi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.