Tra i se­gre­ti del mio Ar­cie­ri

L’in­ter­vi­sta Leo­nar­do Go­ri do­ma­ni apre il ci­clo di in­con­tri di «Aspet­tan­do la Cit­tà dei Let­to­ri» Par­le­rà del nuo­vo li­bro, «Il ra­gaz­zo in­gle­se», am­bien­ta­to in una Firenze sull’or­lo del­la guer­ra

Corriere Fiorentino - - Culture - Di Si­mo­ne In­no­cen­ti

Il ra­gaz­zo in­gle­se è l’ul­ti­mo tas­sel­lo nar­ra­ti­vo che lo scrit­to­re fio­ren­ti­no Leo­nar­do Go­ri de­di­ca al­la fi­gu­ra di Bru­no Ar­cie­ri. Il li­bro, edi­to da Tea, esce do­ma­ni e vie­ne pre­sen­ta­to al­le 18,30 nell’area pe­do­na­le di via de’ Cer­re­ta­ni, a due pas­si dal Duo­mo di Firenze, al­la li­bre­ria Il Li­brac­cio, nel pri­mo ap­pun­ta­men­to di «Aspet­tan­do La Cit­tà dei Let­to­ri», ci­clo di in­con­tri di av­vi­ci­na­men­to al­la ter­za edi­zio­ne del fe­sti­val cu­ra­to dall’As­so­cia­zio­ne Cul­tu­ra­le Wim­ble­don con la di­re­zio­ne di Ga­brie­le Ame­tra­no e il con­tri­bu­to di Fon­da­zio­ne Cr Firenze in pro­gram­ma a Vil­la Bar­di­ni dal 27 al 30 ago­sto.

L’ul­ti­ma fa­ti­ca di Go­ri por­ta il let­to­re nell’apri­le del 1940: men­tre l’Ita­lia di Mus­so­li­ni si tro­va an­co­ra in bi­li­co tra la «non bel­li­ge­ran­za» e l’in­gres­so in guer­ra al fian­co del­la Ger­ma­nia, il ca­pi­ta­no Ar­cie­ri è a Firenze, dal­la sua ama­ta Ele­na, sem­pre più col­pi­ta nel la­vo­ro e nel­la vi­ta dal­le in­fa­mi leg­gi raz­zia­li.

Il li­bro ag­giun­ge un im­por­tan­te tas­sel­lo al­la sto­ria del per­so­nag­gio...

«All’ini­zio, tan­ti an­ni fa, non ave­vo in­ten­zio­ne di in­ven­ta­re un per­so­nag­gio se­ria­le, co­me si di­ce, che si ri­pre­sen­tas­se ro­man­zo do­po ro­man­zo. Vo­le­vo so­lo rac­con­ta­re del­le sto­rie che ap­par­te­ne­va­no a un par­ti­co­la­re pe­rio­do (gli an­ni Tren­ta e Qua­ran­ta del No­ve­cen­to), sen­za al­tra pre­oc­cu­pa­zio­ne che la to­ta­le sin­ce­ri­tà. In quel­le mie pri­me sto­rie, ap­pa­ri­va il per­so­nag­gio di Bru­no Ar­cie­ri, ca­pi­ta­no dei ca­ra­bi­nie­ri coop­ta­to un po’ con­tro­vo­glia nei Ser­vi­zi se­gre­ti, con una fun­zio­ne uti­le al­le ne­ces­si­tà del rac­con­to. In Ne­ro di mag­gio, il ro­man­zo d’esor­dio, Ar­cie­ri era in pra­ti­ca la “spal­la” del ve­ro pro­ta­go­ni­sta del­la vi­cen­da, un ge­rar­ca sen­za no­me ma ri­ta­glia­to sul­la fi­gu­ra di Ales­san­dro Pa­vo­li­ni. Poi è suc­ces­so che do­po

❞ In que­sta sto­ria il pro­ta­go­ni­sta con­fes­sa a me e ai suoi let­to­ri, che è un uo­mo con mol­te de­bo­lez­ze, co­me tut­ti noi, an­che con qual­che col­pa in­con­fes­sa­bi­le

tre ro­man­zi, que­st’uo­mo al­lo stes­so tem­po ap­par­te­nen­te al­la sua epo­ca, ma an­che in op­po­si­zio­ne ad es­sa, ha co­min­cia­to a rac­con­tar­mi di sé, a spie­gar­mi per­ché era in quel mo­do, ri­gi­do e for­se per­fi­no un po’ an­ti­pa­ti­co».

Quin­di?

«Gli scrit­to­ri im­por­tan­ti, quel­li che ama­vo, di­ce­va­no che non era­no lo­ro a rac­con­ta­re le sto­rie, ma i per­so­nag­gi. Non ci cre­de­vo. In­ve­ce ho do­vu­to fa­re i con­ti an­ch’io con que­sto stra­no fe­no­me­no e am­met­te­re che è ve­ro. Bru­no Ar­cie­ri mi det­ta per­fi­no lo svol­gi­men­to del­le sue av­ven­tu­re e so­prat­tut­to mi im­pe­di­sce di fa­re scel­te che con­tra­sta­no col suo ca­rat­te­re. Con Il ra­gaz­zo in­gle­se que­sto flus­so di in­for­ma­zio­ni, che van­no dal per­so­nag­gio al suo au­to­re, han­no rag­giun­to un pun­to chia­ve. In que­sto ro­man­zo, Bru­no Ar­cie­ri mo­stra un aspet­to di sé che fran­ca­men­te non avrei mai im­ma­gi­na­to: ha con­fes­sa­to, a me e ai suoi let­to­ri, che è un uo­mo con mol­te de­bo­lez­ze, co­me tut­ti noi, an­che con qual­che col­pa in­con­fes­sa­bi­le. Ho do­vu­to vin­ce­re del­le re­si­sten­ze, per mo­stra­re que­sti aspet­ti. Se ci so­no riu­sci­to, al­lo­ra for­se è con Il ra­gaz­zo in­gle­se che Ar­cie­ri è di­ven­ta­to un per­so­nag­gio au­ten­ti­co».

Ven­ti an­ni di Bru­no Ar­cie­ri. Co­me con­vi­ve con que­sta fi­gu­ra?

«Vent’an­ni di sto­rie han­no fat­to sì che da per­so­nag­gio ri­cor­ren­te Ar­cie­ri di­ven­tas­se, al­me­no per quan­to mi ri­guar­da, una per­so­na a tut­ti gli ef­fet­ti, e an­che pa­rec­chio in­gom­bran­te. Nel­la fa­se più acu­ta del­la scrit­tu­ra di un ro­man­zo, du­ran­te il

“pic­co”, la mia real­tà quo­ti­dia­na è la sto­ria che sto rac­con­tan­do, men­tre quel­la che do­vreb­be es­se­re dav­ve­ro rea­le (fa­mi­glia, ami­ci, l’al­tro la­vo­ro) vie­ne re­le­ga­ta in una di­men­sio­ne di om­bre. È una con­di­zio­ne di fe­li­ce schi­zo­fre­nia. Una co­sa che vo­glio sot­to­li­nea­re è che Bru­no Ar­cie­ri non è af­fat­to Leo­nar­do Go­ri».

Quan­to la cul­tu­ra del fu­met­to l’ha in­fluen­za­to nel se­quel di Ar­cie­ri?

«Quan­do scri­vo, non so­lo di Ar­cie­ri, “ve­do” la sto­ria co­me un fu­met­to. Non è la stes­sa co­sa che pen­sa­re ci­ne­ma­to­gra­fi­ca­men­te o in mo­do te­le­vi­si­vo, co­me mi pa­re di ve­de­re in cer­ti ro­man­zi con­tem­po­ra­nei. Il fu­met­to vi­ve di el­lis­si nar­ra­ti­ve, di sal­ti che van­no riem­pi­ti con l’im­ma­gi­na­zio­ne. Si po­treb­be estre­miz­za­re, di­cen­do che il ci­ne­ma è pas­si­vo, men­tre il fu­met­to è at­ti­vo, ri­chie­de l’ap­por­to del let­to­re. E poi il fu­met­to è so­prat­tut­to se­ria­li­tà. La co­sa fon­da­men­ta­le è che scri­vo per im­ma­gi­ni, cer­can­do di mo­stra­re e non di rac­con­ta­re, per­ché vo­glio che il let­to­re ve­da le cit­tà, le stra­de, i pa­laz­zi, at­tra­ver­so gli oc­chi di Bru­no Ar­cie­ri».

Si può par­la­re di «scuo­la gial­la fio­ren­ti­na»?

«Or­mai “gial­lo” è un’eti­chet­ta che ha po­co sen­so. Ha avu­to un glo­rio­so pas­sa­to, poi ha ini­zia­to a dif­fe­ren­ziar­si in va­ri sot­to­ge­ne­ri. Og­gi pos­sia­mo par­la­re di su­pe­ra­men­to del ge­ne­re. I miei ro­man­zi si pos­so­no de­fi­ni­re sto­rie di spio­nag­gio, ma mi­schia­no vo­lu­ta­men­te tra­me ra­zio­na­li con at­mo­sfe­re si­me­no­nia­ne, e ad­di­rit­tu­ra con in­ne­sti di ro­man­zo ro­sa, co­me nel Ra­gaz­zo in­gle­se. Se esi­ste an­co­ra, il “gial­lo” at­tua­le è una for­ma di con­ta­mi­na­zio­ne spin­ta».

A co­sa sta la­vo­ran­do?

«A una nuo­va sto­ria con Bru­no Ar­cie­ri. È una sto­ria del 1943, an­no ter­ri­bi­le… Aver ini­zia­to a la­vo­rar­ci nei pri­mi me­si di que­sto 2020, per al­tri ver­si al­tret­tan­to ne­fa­sto, ha vo­lu­to di­re tro­va­re del­le as­so­nan­ze fra epo­che tan­to lon­ta­ne tra lo­ro: ma con un’ana­lo­ga vo­glia di far­ce­la».

Quan­to ha la­vo­ra­to su que­sto te­sto?

«Un an­no. Svol­go il lun­go la­vo­ro di do­cu­men­ta­zio­ne so­prat­tut­to sul­le ri­vi­ste dell’epo­ca, sui ro­man­zi po­po­la­ri, sul­le fo­to­gra­fie, quel­le pub­bli­che e le istan­ta­nee fa­mi­lia­ri; an­che sui ro­man­zi di Lia­la o di Pi­ti­gril­li, e nel­le can­zo­net­te, per­ché è nel co­sid­det­to “bas­so” che si tro­va qual­co­sa di au­ten­ti­co del sen­ti­re co­mu­ne di una de­ter­mi­na­ta epo­ca… Poi c’è la scrit­tu­ra che du­ra qual­che me­se. E in­fi­ne il la­vo­ro più lun­go e più bel­lo, ov­ve­ro le in­nu­me­re­vo­li ri­scrit­tu­re, il “rim­pol­po”, co­me lo chia­mia­mo io e Mar­co Vi­chi».

❞ I miei ro­man­zi si pos­so­no de­fi­ni­re sto­rie di spio­nag­gio, ma mi­schia­no vo­lu­ta­men­te tra­me ra­zio­na­li con at­mo­sfe­re si­me­no­nia­ne, e con in­ne­sti di ro­man­zo ro­sa

La co­per­ti­na del li­bro

L’im­ma­gi­ne de La Cit­tà dei Let­to­ri

Da­van­ti al­la Li­bre­ria Li­brac­cio Lo scrit­to­re fio­ren­ti­no Leo­nar­do Go­ri do­ma­ni in­con­tre­rà il pub­bli­co

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.