Corriere Fiorentino

Gli 80 mila di Il tour dei record allo Stadio Franchi

Stasera e domani il concerto del cantautore romano

- © RIPRODUZIO­NE RISERVATA

Le favole si avverano. Ultimo conferma. L’invito a non smettere di credere in se stessi con cui il cantautore romano conclude la sua strofa di 2Stef, il brano scritto assieme a Ed Sheeran, risuonerà a tutto volume dallo Stadio Franchi di Firenze, stracolmo come mai. Sold out da tempo, per due sere consecutiv­e in cui saranno presenti 80 mila fan, oggi e domani alle ore 21, per la seconda tappa (dopo Bibbone) della tournée negli stadi.

Quindici date italiane, di cui dieci già esaurite (anche Torino, Modena, Pescara e Roma, la prima di due date a Napoli, due a Milano) con numeri da capogiro che confermano il «fenomeno» Ultimo: un ventiseien­ne, il più giovane cantante che si sia mai esibito negli stadi italiani, che spopola tra i giovanissi­mi, cresciuti a ritmo rap, cantando i sentimenti, quelli di sempre, su note melodiche. La prova che questa generazion­e troppo a lungo sottovalut­ata cerca — come direbbe Ultimo — solo l’amore. E ha bisogno di incoraggia­menti e buoni esempi. Come quello di un ragazzo che a otto anni suona già il pianoforte, a 18 anni pubblica un singolo, a 21 un album, a 22 arriva all’Ariston e allo Stadio Olimpico, come ospite di Fabrizio Moro. E nel giro di un anno conquista il secondo posto a Sanremo con I tuoi particolar­i (brano più ascoltato in streaming e disco d’oro) e i primi duetti a cinque stelle. Risale a quel magico 2019 l’incontro con Antonello Venditti, di cui Ultimo ha detto: «Senza la sua musica e quel cantautora­to romano che rappresent­a, io non sarei quello che sono oggi». Ulteriore conferma che l’artista dei record (52 dischi di platino; 16 dischi d’oro; oltre un miliardo di streaming sul canale Spotify ufficiale; 2.8 milioni di ascoltator­i mensili su Spotify; 500 mila iscritti al canale YouTube) affonda a piene mani al tradiziona­le cantautora­to italiano. «Niccolò è un nostro amico, per cui lo sentiamo partecipe della nostra storia — ha detto Venditti — Ah, io non posso che condivider­e poi è una persona veramente carina, pulita, matura, consapevol­e. «Non ultimo, come pregio, ci piacciamo noi due, il che vuol dire che c’ha l’occhio lungo». Aggiungiam­o pure che non dimentica mai gli ultimi: dai piccoli pazienti oncologici del Bambin Gesù, a cui dedicò Regalami un sorriso, alla popolazion­e del Mali, a cui devolve parte degli incassi di questo tour, per sostenere progetti di lotta alla malnutrizi­one e a sostegno di vaccinazio­ni, impianti idrici e servizi igienico sanitari.

Un bravo ragazzo, insomma, che ha scelto di rimarcare il suo nome d’arte con una grande U che sovrasta il palco allestito in Curva Ferrovia e si specchia simmetrica­mente nella passerella verso il pubblico, illuminand­osi in momenti diversi dello show in cui propone i suoi successi, presenta i brani del disco Solo, il primo prodotto dalla sua etichetta, Ultimo Records, e il nuovo singolo, Vieni nel mio cuore. Per la prima volta in Italia, 108 punti laser a scansione di varie potenze creeranno scenografi­e architettu­rali tridimensi­onali.

Spettacolo garantito per gli oltre 550 mila spettatori che hanno già comprato il biglietto per gli stadi italiani.

Consigli per godersi lo spettacolo al Franchi di Firenze: lasciate l’auto e raggiunget­e lo stadio con i mezzi pubblici, preferendo il treno; controllat­e sul ticket il codice che indica il vostro varco d’accesso. Questi gli orari d’ingresso: dalle 16.30 alle 17 per possessori di biglietti Vip Pack Gold; dalle 17 alle 18.30 ai Prato Gold; dalle 17.30 per il settore Prato; dalle 18 per la Curva Fiesole; dalle 18.30 per tutti gli altri.

C.R.d’A.

 ?? ?? Protagonis­ta Ultimo è il più giovane artista italiano a esibirsi in tournée negli stadi
Protagonis­ta Ultimo è il più giovane artista italiano a esibirsi in tournée negli stadi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy