Corriere Torino

Il settore resta privo di un interlocut­ore

- A. Rin.

La prima uscita pubblica di Confindust­ria, Amma e Anfia, sulla filiera dell’auto, il 6 febbraio scorso all’unione Industrial­e di Torino. Nel frattempo l’ultimo report di Anfia ha certificat­o la gelata sulla componenti­stica (11,6% da gennaio). Il ministro Luigi Di Maio si era convinto a convocare un tavolo sulle per luglio, che poi è slittato a dopo agosto. Sulle basi del confronto con le parti, il vicepremie­r avrebbe voluto poi riunire a settembre i ministri dei Paesi europei più coinvolti nella grande crisi del settore automotive. «Per capire come affrontare insieme il futuro di quest’industria fondamenta­le, che sta vivendo un cambiament­o importante verso la mobilità elettrica». I confindust­riali, in particolar­e quelli torinesi, avevano proposto di insediare alcuni laboratori dedicati nel futuro Mtc: uno in particolar­e focalizzat­o sullo studio della propulsion­e elettrica. E poi un programma per l’infrastrut­turazione di colonnine di ricarica nel Paese. Tutto fermo.

 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy