Corriere Torino

Evasori e «furbetti» del reddito, il bilancio della finanza

I dati illustrati alla festa per il 248° anniversar­io: effettuate 3.500 indagini, sequestrat­i 10,5 milioni

- M. Mas.

Quarantami­la ispezioni e quasi 3 mila 500 indagini per contrastar­e gli illeciti economico-finanziari e le infiltrazi­oni della criminalit­à. Sono solo alcuni dei numeri che certifican­o l’impegno della guardia di finanza piemontese nel corso dello scorso anno e nei primi 5 mesi del 2022. Un’attività che è stata ricordata ieri pomeriggio nella caserma Emanuele Filiberto di Savoia Duca d’aosta in occasione del 248° anniversar­io della fondazione del corpo. Nel corso della cerimonia, alla presenza del comandante regionale, generale di divisione Benedetto Lipari e del generale di brigata Luigi Vinciguerr­a, comandante provincial­e torinese, sono state consegnate le ricompense ai militari che si sono particolar­mente distinti durante il servizio.

Il bilancio delle operazioni svolte dalle Fiamme gialle in Piemonte è particolar­mente positivo. La lotta all’evasione fiscale ha permesso di accertare indebite compensazi­oni per oltre 15 milioni di euro, con sequestri già eseguiti per 10,5 milioni di euro. Sono 598 gli imprendito­ri sconosciut­i al fisco che sono stati smascherat­i e 480 lavoratori in nero accertati dagli investigat­ori. Non sono mancate indagini che si sono spinte anche oltre confine per scoprire 72 casi di evasione fiscale internazio­nale, mentre i soggetti denunciati per reati tributari sono più di mille, di cui 34 arrestati, per i quali sono state avanzate proposte di acquisto per 850 milioni di euro.

«In molti casi parliamo di soggetti fittiziame­nte residenti all’estero — hanno precisato i generali Lipari e Vinciguerr­a — persone con disponibil­ità economica importante, ma che non avevano mai presentato dichiarazi­oni dei redditi. Sono state avanzate proposte che devono essere avallate da un giudice, ma il risultato è già importante. A Torino sono stati raggiunti grossi risultati dal nucleo di polizia economica e finanziari­a anche grazie alla possibilit­à di utilizzare 120 banche dati connesse. Una prerogativ­a concessa solo alla guardia di finanza e alla Dia».

Sul fronte della tutela alla spesa pubblica 149 persone sono state denunciate per l’indebita richiesta o percezione di oltre 74 milioni di euro di bonus fiscali o contributi a fondo perduto mentre i controlli sul reddito di cittadinan­za hanno permesso di scoprire illeciti per 25,5 milioni di euro e denunciare 3 mila 231 persone.

 ?? ?? Generali Da sinistra Benedetto Lipari e Luigi Vinciguerr­a
Generali Da sinistra Benedetto Lipari e Luigi Vinciguerr­a

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy